Intervistiamo

Allaccio abusivo alla rete elettrica e abusivismo edilizio. Arrestato 55enne

Redazione
Scritto da Redazione
I carabinieri della stazione di Santa Maria, accompagnati da tecnici dell’Enel, hanno controllato l’abitazione dell’uomo dove avrebbero individuato la struttura abusiva e facendo un controllo sul cavo avrebbero scoperto che era illegale
 

Avrebbe realizzato una struttura su tre livelli che uniti da scale di fortuna create in maniera grossolana, avrebbero accolto un paio di cani e un pollaio, creando un allaccio abusivo. Così un uomo di 55 anni è finito in manette con l’accusa di furto di energia e abusivismo edilizio.

Ads336x280

I carabinieri della stazione di Santa Maria, accompagnati da tecnici dell’Enel, hanno controllato l’abitazione dell’uomo dove avrebbero beccato la struttura abusiva e facendo un controllo sul cavo avrebbero scoperto che era abusivo. Il cavo elettrico, proveniente della strada, sarebbe arrivato fino a una cassetta all’interno della struttura.

Di qui la classica prova del nove che avrebbe consentito scoprire un allaccio abusivo alla rete: staccato il contatore della luce, la corrente elettrica continuava ed essere presente e il frigorifero acceso. I tecnici infatti riuscivano a scovare un bypass che avrebbe consentito, negli anni, ai residenti di godere di un consumo spropositato di corrente elettrica, a fronte di una spesa assolutamente irrisoria, per un danno nei confronti dell’Enel stimato in euro 5000.

In più a causa della presenza di opere edilizie abusive realizzate all’interno dell’abitazione, i militari hanno potuto contare sulla collaborazione degli agenti della Polizia Locale di Catanzaro che, intervenuti sul posto, hanno riscontrato e refertato il reato di abusivismo. 

L’uomo avrebbe infatti costruito, senza alcuna autorizzazione, un intero appartamento al di sopra dell’abitazione controllata, che tra l’altro si trova in un’area franata in passato e ancora oggi oggetto di attenzione per l’istallazione di reti metalliche anti-frana e barriere “New Jersey” lungo l’arteria stradale, allo scopo di scongiurare eventuali danni a personeo auto in transito.

La presenza dei due cani custoditi in condizioni igieniche precarie, ha imposto l’intervento dei veterinaridell’ASP di Catanzaro che avrebbero accertato assenza dei microchip previsti per i cani oltre alla mancata registrazione degli stessi all’anagrafe canina. Il proprietario dell’abitazione, L.C., 55enne di Catanzaro, con diversi precedenti di polizia per reati contro la persona e in materia ambientale, è stato arrestato per furto aggravato di energia elettrica e danneggiamento, oltre a subire una denuncia per abusivismoedilizio e sanzioni amministrative per le predette irregolarità connesse al possesso dei cani. L’uomo è stato posto agli arresti domiciliari, in attesa dell’udienza di convalida.

 

CN24

 

A proposito dell’autore

Redazione

Redazione

Dal 2002 il portale più letto e amato dai tifosi giallorossi del Catanzaro

Lascia un commento