Benvenuto su UsCatanzaro.net ARREDOMOBIL
Catanzaro News
· Risultati e marcatori 36^ giornata - Lega Pro gir. C
· Catanzaro - Paganese 1-1
· Catanzaro - Paganese 1-1 (primo tempo)
· Campionato meno tre: Migani e D'Orsi pronti per l'esordio
· Paganese al "Ceravolo, Biasci possibile sorpresa
· Il Catanzaro e Rigione si separano
· Scomparsa di Rubino: il Catanzaro chiede un minuto di raccoglimento
· Catanzaro-Paganese: arbitra Bertani di Pisa
· Decisioni Giudice Sportivo 35^ giornata
· Casertana-Catanzaro 2-1: le pagelle

[ Mostra altri articoli ]

LIBRO MISTUFFO

[
Invia una notizia ]
[ Archivio News ]
[ Il Forum sul Catanzaro ]


Catanzaro Night News
· Inchiesta Arpacal: disposto giudizio per 6 indagati
· Controlli della polizia a Catanzaro: rinvenute quarantotto dosi di cocaina
· Ricettazione e resistenza: due crotonesi arrestati in città
· Domani la manifestazione di "Libera"
· Crotone-Atalanta combine? Doni scagiona Colantuono
· Comune di Catanzaro, Abramo illustra al ministro Madia problemi Ente
· Donna morta in ospedale dopo parto a Catanzaro, 8 indagati
· Contratti fittizi Fc Catanzaro, Giuseppe Soluri rinviato a giudizio
· Data alle fiamme auto del sindaco
· Falsi braccianti, scoperta truffa da 250mila euro

[ Mostra altri articoli ]

LIBRO MISTUFFO

[
Invia una notizia ]
[ Archivio C.N.N. ]
[ Il Forum "La Città" ]


Diventa sostenitore
Aiutaci a diffondere l'informazione libera!


Risultati
Risultati della 36° giornata

Aversa Norm.Cosenza0-0
BeneventoMessina1-1
CatanzaroPaganese1-1
FoggiaReggina3-2
Ischia Is.Matera1-2
Martina F.Lecce0-1
MelfiJuve Stabia2-1
SalernitanaBarletta3-1
SavoiaLupa Roma1-3
V. LameziaCasertana1-2

[ Calendario completo ]

Classifica

79Salernitana43V. Lamezia
72Benevento41Barletta
66Juve Stabia40Lupa Roma
66Matera37Martina F.
65Casertana36Paganese
63Lecce31Messina
60Foggia30Ischia Is.
50Catanzaro29Aversa Norm.
45Melfi25Savoia
44Cosenza11Reggina

[ Classifica dettagliata ]

Prossimo turno 37° giornata

BarlettaFoggia
CasertanaSavoia
CosenzaBenevento
Juve StabiaV. Lamezia
LecceIschia Is.
Lupa RomaAversa Norm.
MateraMelfi
MessinaSalernitana
PaganeseMartina F.
RegginaCatanzaro


Utenti online
In questo momento ci sono, 109 Visitatori(e) e 48 Utenti(e) nel sito.

Non ci conosciamo ancora? Registrati gratuitamente Qui

Login
Nickname

Password

Non hai ancora un tuo account? Crealo Qui!. Come utente registrato potrai sfruttare appieno e personalizzare i servizi offerti.

Utility
· AvantGo
· Wap
· I forum
· Chat
· Download
· Links
· Sondaggi
· Statistiche
· Meteo
· Segnala questo sito
· Cerca nel sito
· Gestione account

WebMail

Accesso ad Internet con casella di posta elettronica!

Cerca

 
Documento senza titolo

La città

Città capoluogo di provincia e di regione della Calabria, ha un territorio, che sale dal livello del mare fino ad un'altitudine di 664 metri.
La città sorge su uno sprono a fianchi assai ripidi quasi per tutta la loro lunghezza pressochè inpraticabili, tra le due profonde vallatte dei torrenti Musofalo e Fiumarella.
Il nucleo originario, o quanto meno il più antico, in seguito a continue demolizioni di case e costruzione di edifici dalla caratteristica architettura cementizia, va perdendo la vecchia struttura medioevale, con strade anguste e case a non più di due piani, aggraziate spesso da balconi e portali pretensiosi.
In effetti, assai lentamente, quella trasformazione ebbe l'avvio in seguito ai danni causati dai terremoti succedutisi dal 1638 al 1783.

Ma l'impianto moderno della città cominciò nel 1870, con l'apertura di quello che è nominato Corso Mazzini, aorta dell'abitato, a fianco del quale, fino al 1890 vennero edificate notevoli costruzioni che han dato fino agli anni intorno al 1960 un aspetto singolare e tutto particolare della città.
Nel 1885 lungo le pendici meridionali dello sprone avveniva la prima dilatazione urbanistica, con la formazione del nucleo Fondachello, e delle prime case di Sala attorno alla stazione ferroviaria per la linea verso la Marina che proprio in quell'anno veniva proseguita fino a Sant'Eufemia.
Nella ripresa della depressione economica che aveva colpito l'intera regione (1890-1910), Catanzaro ricominciò decisamente l'espansione urbanistica orientandosi verso Nord, in zona più salubre, esattamente là dove dopo il terremoto del 1832 era sorto un rione di abitazioni provvisorie, detto Baracche, dando vita ai rioni Milano e San Leonardo, che si svilupperanno ed ingrandiranno negli anni tra le due guerre mondiali, e saranno caratterizzate da villette residenziali.
Varie sono le versioni circa le origini di Catanzaro. Più accreditate potrebbero essere quella che la riallaccia ad un pelasga Casarisu, sottostante alla quale i bizantini edificarono un castello intorno al quale si sviluppò un abitato; o l'altra che la vuole fondata tra la fine del IX ed i principi del X secolo in seguito alla riconquista che Niceforo Foca fece della Calabria sottraendola ai Saraceni, ed ai Longobardi. Facendole derivare il nome da un composto bizantino equivalente a sotto la terrazza, con palese riferimento al terreno terrazzo che caratterizza gl'immediati dintorni della città.
Assolvette fin d'allora a funzioni di controllo tra il Jonio ed il Tirreno, ed assorbì il carattere bizantino che ne permeò ogni manifestazione di vita. Nel 1059 Roberto il Guiscardo la sottrasse ai bizantini, e ne volle consolidare il possesso costruendo, od ampliando un castello che, ripetutamente rimaneggiato, venne poi demolito nell'ottocento.
Appunto per farne un centro di dominio, i Normanni l'eressero in Contea, conferendola a Pietro Ruffo, grande marescalco di Federico II. Ma da questi perduta nelle sue lotte contro Manfredi, ritornò ai Ruffo, la città, quando Carlo I d'Angiò la donò al secondo Pietro Ruffo, nipote del precedente, suo generale nella guerra del Vespro. Per quattordici anni, ad opera del Re Ladislao, rimase nel demanio regio. Ma poi, nel 1420, ritornò a Nicolò Ruffo, che insieme al Marchesato di Cotrone la diede in dote alla figlia Enrichetta che andava sposa ad Antonio Centelles. In seguito alla ribellione di costui che fomentò le pebli rurali ad insorgere, provocando una sanguinosa guerra, Alfonso I ne fece di nuovo una città demaniale. Per cui pochi anni dopo (1460) si accese nuova guerra durante la quale Catanzaro trucidò i partigiani di Centelles. Ritornata la pace, la città ebbe concessi nuovi privilegi che favorirono enormemente l'affermarsi della sua industria della seta, per cui i suoi damaschi andavano noti in tutta Europa.

Da quel tempo Catanzaro acquista vieppiù aspetto ed importanza di quieta città aristocratica ed artigianale. Tuttavia questa condizione le conferisce l'energia di comportarsi eroicamente, nel 1528, e di resistere all'assedio posto dai francesi comandati dal fiero Simone Tibaldi, meritandosi da carlo V il titolo di fedelissima e l'autorizzazione a fragiare il prorio stemma dell'aquila imperiale.

Sconquassata dal terremoto del 6 Aprile 1626. Coinvolta nei moti del 1647, ma presto tornata all'ordine costituito, visse poi tempi sereni contrassegnati dal fiorire di attività culturali manifeste specilamente con rappresentazioni teatrali, visse emozionanti giornate per la visita del Re Carlo di Borbone.
In seguito, dopo il terremoto del 1783, fu prescelta a sede della Cassa Sacra, istituita per l'amministrazione dei beni ecclesiastici devoluti alla riparazione del sisma, per la viabilità e le industrie.

Superate le effervescenze del 1799, dalle quali rientrò subitamente, manifestando lealtà e fedeltà al Borbone, per aver resitito ai francesi fu privata di funzioni amministrative e giudiziarie che vennero trasferite a Monteleone. Ma col ritorno dei Borboni, per la legge primo maggio 1816 si vide restituita la funzione di Capoluogo di provincia.
Centro Carbonaro tra i più attivi del regno, nel 1823 ebbe le sue vittime. Poco dopo luigi Settembrini, giuntovi quale insegnante vi diffondeva le idee mazziniane, che trova largo stuolo di proseliti, così che, sia pure confusamente, dal 1848 al 1860 fu ovunque presente con i suoi uomini nelle vicende del Risorgimento.
Nel 1897, entra nel vivo della nuova vita politica, vi si tiene il primo congresso regionale del Partito Socialista, che scende a presiedere uno dei padri del Partito, Andrea Costa. Nel primo dopoguerra la situazione si fa inquieta, e giunge il momento che la città per due giorni resta in mano ai dimostranti. Nè molto diverse sono le giornate del secondo dopoguerra ancora di più amareggiate dalle ferite provocate dai bombardaenti aerei dell'agosto del 1943.
Dell'originario centro medioevale, i terremoti del 1659,1783,1822,1856 ed il rinnovamento edilizio non hanno lasciato sopravvanzare che scarse testimonianze. Unico monumento di quel tempo la chiesette di San'Omobono, eretta nel secolo XIII per conto della Confraternita dei Sarti, ed ora sconsacrata. Del passato medioevale restano in qualche modo le intricate viuzze che con strade corte e strette, anguste e simuose, sfociano in frequenti rampe raccordano i vari livelli dell'agglomerato cittadino. Patrimonio di notevole consistenza artistica resta quello degli edifici sacri e di quanto in essi contenuto.

Come arrivare
Scalo aeroportuale e stazione FS di Lamezia Terme (CZ), svincolo autostradale per Catanzaro.

Da vedere

CHIESE: Duomo, Chiesa del Rosario, Chiesa del Monte dei Morti, Chiesa dell'Immacolata, chisa di San Giovanni Battista, Chiesa dell'Osservanza, Chiesa di San Rocco, Chiesa di San Francesco, Chiesa del Carmine.
Palazzo dei Baroni De Nobili ora sede del Municipio, (con facciata di gusto rinascimentale); Palazzo dei Conti Larussa, già Fazzari; Villa Trieste; Biblioteca Civica; Museo Provinciale (situato in Villa Trieste).
Monumento del generale Stocco; Museo Diocesano d'Arte sacra, Museo delle Carrozze; Monumento ai Caduti in guerra1915-1918; la statua del Cavatore, Complesso Monumentale "San Giovanni". Il giardino botanico "Comuni" e la Villa Comunale.

Avvenimenti
A Naca : tradizionale manifestazione per i riti della Settimana Santa;
fiera di San Vito con l'esposizione dei prodotti tipici locali e dell'artigianato artistico (dal 13 al 15 giugno); festa patronale di San Vitaliano con processione; fiera di San Lorenzo.

Informazioni generali

Municipio tel. 0961/8811
Soccorso sanitario urgente tel. 118
Soccorso pubblico di emergenza tel. 112 - 113

Vigili del fuoco tel. 115
Aeroporto Civile Internazionale di Lamezia Terme tel. 0968/414111
Stazione Ferroviaria di Catanzaro tel. 147-888088
Ferrovie della Calabria tel. 0961/896111
Capitaneria di Porto tel. 0961/31642

| Visita il Museo Provinciale | Visita il Duomo |
| Contenuti tratti da www.madeincalabria.com |

 


[ Indietro ]
 
Prossima Partita
37ma giornata Girone C 2014/2015
vs

Reggina - Catanzaro

LA PIATTAFORMA AGIP


Ultima Partita
36ma giornata Girone C 2014/2015
vs


Catanzaro - Paganese 1-1

CHI TROPPO CHI NIENTE

· Risultati e marcatori 36^ giornata - Lega Pro gir. C
· Catanzaro - Paganese 1-1
· Catanzaro - Paganese 1-1 (primo tempo)
· Campionato meno tre: Migani e D'Orsi pronti per l'esordio
· Paganese al "Ceravolo, Biasci possibile sorpresa
· Catanzaro-Paganese: arbitra Bertani di Pisa
· Decisioni Giudice Sportivo 33^ giornata
· Catanzaro-Paganese 3-0: le pagelle
· Play off conquistati, è ora che ritorni l'entusiasmo
· Risultati e marcatori 33^ giornata - Prima Divisione gir. B

UsCatanzaro.net

· Chi siamo
· L'Associazione
· Dove siamo
· Iniziative
· La redazione
· Contattaci
· Radio Giallorossa
· Pubblicità


LA PIATTAFORMA AGIP


Il Catanzaro
· Storia
· La Società
· La squadra
· Le giovanili
· Lo stadio
· La città

GretaCity


Social Networks

Seguici su Twitter

UsCatanzaro.net
Segui UsCatanzaro.net su Twitter
CNN
Segui CNN su Twitter

Sondaggio
Qual è la priorità del Catanzaro a gennaio?

Rinforzarsi sul mercato e puntare ai play-off
Rescindere il contratto di chi non s'impegna
Abbassare il monte ingaggi puntando sui giovani
Inserire in organigramma un direttore generale
Licenziare il direttore sportivo Ortoli



Risultati
Sondaggi

Voti: 126
Commenti: 0

I Tifosi
· UC 1973
· Il forum
· Gallery foto-video

La Stagione
· Calendario
· Classifica
· Il cammino del Catanzaro
· Coppa Italia
· Radiocronaca web
· Archivio

Catanzaro News
· Tutte le Categorie
· Avversario di turno
· Bar Mangialavori
· Brevi
· C'era una volta...
· Calciomercato
· Caro Puntonet
· Dalla Curva
· Dalla Redazione
· Good Morning Forum
· Il Punto
· Il Rompicalcio
· Interviste Video
· Intervistiamo...
· Invasioni di Campo
· L'emigrante
· La Striscia
· LIVE
· Numeri Giallorossi
· Ponte Bisantis
· Punture di Cillo
· Slow-foodball
· Società
· Speciale 10 anni
· TatticaMente!
· U pinnularu
· UnaDomandaUna

· Archivio notizie
· Invia notizia

Forum
Cerca nei Forum
 
[ Indice ]
Gli ultimi messaggi inseriti

serie  b - 2015-04-26 01:07 serie b...
*3 ritocchi - 2015-04-26 00:57 *3 ritocchi...
Parco della Biodiversità: semplicemente FANTASTICO! - 2015-04-26 00:57 Parco della Biodiv...
È ora ..... - 2015-04-26 00:43 È ora ........
PROTESTA , PORTA UN MATTONE AL CERAVOLO - 2015-04-26 00:34 PROTESTA , PORTA U...
come ampiamente previsto ad inizio stagione - 2015-04-26 00:27 come ampiamente pr...
CERAVOLO IN CONFERENZA STAMPA - 2015-04-26 00:22 CERAVOLO IN CONFER...
RUSSOTTO - 2015-04-25 23:36 RUSSOTTO...
GIANDONATO - 2015-04-25 23:35 GIANDONATO...
buonanotte a tutti fratelli giallorossi - 2015-04-25 23:30 buonanotte a tutti...

 

Powered by ECSnet - Designed by IDEAWEB

www.uscatanzaro.net è il media di distribuzione del periodico telematico "Sanguinis Effusione"
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma, Sezione per la Stampa e l'Informazione con numero 49/2003
Direttore Responsabile è Francesco Ceniti.
L'Editore della Testata è l'Associazione "Il Catanzaro nel Cuore - Sanguinis Effusione", con sede in Roma.
Il Presidente dell'Associazione è Gennaro Maria Amoruso.
"Sanguinis Effusione" ha periodicità plurisettimanale ed ha carattere sociale, culturale, di costume e sportivo.
Informiamo gli utenti che tutti i Forum di questo sito, sono liberi, e data la mole di post inseriti, non è possibile verificarne sempre i contenuti.
L'uso costruttivo degli stessi è a carico del buon senso degli utilizzatori.

Web site engine's code is Copyright © 2002 by PHP-Nuke. All Rights Reserved. PHP-Nuke is Free Software released under the GNU/GPL license.
Generazione pagina: 0.056 Secondi