Dalla Redazione

Catanzaro-Paganese 1-1: le pagelle

Redazione
Scritto da Redazione
Un Catanzaro poco efficace acciuffa il pari nel recupero contro un’ostica Paganese. Prestazioni quasi tutte insufficienti con una nota di merito per Nordi autore di ottimi interventi

Nordi

CATANZARO (3-4-1-2)

 Ads336x280

1) NORDI: Salva la porta del Catanzaro in più di un occasione con interventi prodigiosi. Se la Paganese non raddoppia il merito è principalmente suo e delle sue parate. VOTO 7

2) NICOLETTI: Non affonda, è timido ed anche impreciso. Commette anche errori in fase di disimpegno, non una delle sue migliori prestazioni. VOTO 5.5

5) MAITA: Lento e poco propenso al palleggio. E’ vero che da dietro la palla viene lanciata lunga per la linea offensiva ma Maita sembra non essere al meglio per la costruzione del gioco. Troppi palloni persi e troppe ripartenze veloci per gli avversari. VOTO 5.5

7) ZANINI: Uno dei più lucidi, prova nel primo tempo con una conclusione da fuori e cerca di ripetersi nella ripresa. Non smette mai di correre per aiutare i compagni ed alimentare una manovra offensiva decisamente deficitaria. VOTO 6.5

11) MARIN: Tanta corsa e generosità ma quasi sempre senza molta efficacia. Fa viaggiare la palla nella speranza di creare spazio e profondità ma non ha molta fortuna. In fase di interdizione prova a catturare palloni commettendo anche fallo. VOTO 5.5

14) RIGGIO: Meno preciso del solito sia sulla marcatura che nei disimpegni. Solo qualche anticipo sulle palle alte ma concede troppo spazio all’avversario che lo punta e si rivela anche più veloce. VOTO 5.5

17) DI NUNZIO: Tiene bene solo la linea difensiva sulla giusta distanza di campo ma per il resto anche lui appare meno sicuro. La difesa del Catanzaro viene messa a dura prova dagli avanti della Paganese. Si nota per un a conclusione che poteva finire dentro ma per il resto al sua partita è leggermente al di sotto della sufficienza. VOTO 5.5

20) SPIGHI: Non è la sua posizione quella di infilarsi dietro le punte. Dionigi lo schiera al posto di Onescu e Spighi mette in campo le sue caratteristiche di corsa, palleggio e rapidità. Ma le distanze e soprattutto il tipo di sviluppo offensivo non è congeniale alla sua prestazione. Disputa una gara anche lui appena sotto la sufficienza. VOTO 5.5

23) SIRRI: Bene i cambio giochi in trasversale, meno invece il palleggio basso e talvolta la marcatura sul diretto avversario. Anche la frequenza con cui viene cercata la soluzione alta e lunga mette in difficoltà la ricerca del palleggio di Maita ed in generale la costruzione del gioco del Catanzaro. VOTO 5.5

25) LUKANOVIC: Malissimo, presenza impalpabile, movimenti poco armonici neppure finalizzati alla destinazione della palla o al fraseggio con il compagno. VOTO 4.5

28) FALCONE: Inizia bene provando lo spunto nel primo tempo, poi lentamente si spegne alla distanza non rendendosi quasi mai pericoloso. Dionigi lo tiene in campo anche perché il Catanzaro veramente non ha molte alternative. VOTO 5.5

21) KANIS: Molta confusione sia nella posizione sia nelle giocate. VOTO 5.5

24) IMPERIALE: SENZA VOTO

Ads336x280

26) PUNTORIERE: Si divora un’occasione per fare gol, cerca di fare quello che può. VOTO 5.5

8) VAN RANSBEECK: SENZA VOTO

27) ANASTASI: SENZA VOTO

MISTER DIONIGI: Alle prese con la cronica lacuna di schieramento circa il reparto degli attaccanti, Dionigi presenta Spighi dietro le punte e Lukanovic come principale riferimento.

La squadra tuttavia denota carenza di manovra, corre tanto, ma questa si sa è la caratteristica principale, senza avere sviluppo organico e razionale. I difensori lanciano quasi sempre lungo per formare raggruppamento sulla zona di destinazione della palla ma Maita soffre e così tutto il centrocampo.

La difesa concede troppo spazio ad una Paganese sorniona e discretamente organizzata che comunque non merita la posizione di classifica attuale. La gara scivola via con occasioni a ripetizione per gli ospiti che potrebbero incrementare ampiamente il bottino a fronte di un Catanzaro poco efficace.

Alla fine con un pizzico di fortuna arriva il pari che serve a dare punti ma soprattutto morale. Due ultime notazioni, la prima di natura tecnica: sul calcio d’angolo a favore troppe volte la Paganese ha rischiato di fare gol in ripartenza per la totale mancanza di coperture preventive; la seconda di natura psicologica: la settimana trascorsa per le note vicende extracalcistiche non poteva non lasciare strascichi a livello mentale anche sulla squadra e si possono spiegare così le piccole disattenzioni che hanno portato alla prestazione deficitaria.

Il voto del mister è quello uguale a quasi tutti i giocatori, la quasi sufficienza deve spronarlo a correggere alcuni errori e continuare a migliorare magari recuperando elementi utili in zona gol. VOTO 5.5

 

PAGANESE

(4-3-3)

1) GOMIS: VOTO 6

3) DELLA CORTE: VOTO 6

4) BENSAJA: VOTO 6

9) MAIORANO: VOTO 5.5

10) SCARPA: VOTO 7

13) MERONI: VOTO 5.5

14) TALAMO: VOTO 6.5

16) BACCOLO: VOTO 5.5

18) PIANA: VOTO 5.5

23) PICONE: VOTO 5.5

25) CESARETTI: VOTO 6

8) NGAMBA: VOTO 5.5

11) REGOLANTI: SENZA VOTO

19) BERNARDINI: SENZA VOTO

MISTER FAVO: VOTO 6

 

ABITRO CAPONE DI PALERMO: VOTO 7

 

 

                                                                                              Paolo Carnuccio

A proposito dell’autore

Redazione

Redazione

Dal 2002 il portale più letto e amato dai tifosi giallorossi del Catanzaro

16 Commenti

  • L’insufficienza a Marin è esagerata…. È stato tutti i 90 minuti a pressare gli avversari, senza di lui avrebbero affondato con facilità. Qualche tocco sbagliato è giustificato dalla inevitabile stanchezza

  • Voti esageratamente bassi. Ci sono delle attenuanti, secondo me. 1) La pausa della scorsa settimana. Avranno caricato troppo nelle gambe e ieri giocatori importanti come Maita, Di Nunzio e Nicoletti erano appesantiti. 2) Troppe assenze e quindi ennesima formazione inedita. 3) Inesperienza a causa di pedine troppo giovani nell’undici titolare. 4) Paganese squadra importante fuori casa, in forma ed esperta rispetto ai ns giovanissimi. Ha rischiato di vincere anche a Lecce. 5) Alcuni rincalzi al secondo tempo, ad esempio Puntoriere e Mania, nn hanno reso come avrebbero dovuto. <br />

  • Mi sono perso qualcosa. Casualmente apprendo che nel procedimento sportivo per illecito a carico di Catanzaro e Avellino si è inserito, quale terzo interessato (?), nientemeno il Fondi (tanto nomini!), ovviamente fra lo stupore generale. Che dire? la classe non è acqua.

  • Ma come date questi voto……. Nicoletti "non è stata una delle sue migliori prestazioni?" Ma quando mai si è espresso da sufficienza, nell’uno contro uno è zero, è la paura in persona; Maita che ha fatto un primo tempo eccellente senza perdere un pallone voto 5,5, ma come cazzo le vedete le partite? Per non dire del marocchino che è uno zero in tutti i sensi, ma cosa centra con il calcio voto 5,5 = Maita. Ma cambia mestiere

    • Maita si vede che non è in condizione ne fisica ne mentale…!!! Sirri cammina in campooo falcone non fa un tiro in porta di nuzio non sa rinviate un pallone io gol è colpa sua in complicita con sirri lasciato solo…comunque se non tiriamo in porta non si fa gol….!

  • Io ho visto una squadra lenta e compassata molto confusionaria….! Dietro in distastro un attacco inesistente….basta con queste frasi fatte “in emergienza” abiamo rischiato di perdere con l ultima in classifica e voi parlate di emergenza e daii..!!!

  • Voti giustamente bassi per tutti tranne Nordi che effettivamente ci ha tenuti in partita. non sono daccordo su Maita che è l’unico che sa giocare a calcio e per questo è ignorato dagli altri che fanno i Bonucci della serie C sparando nel nulla in avanti.<br />
    Maita deve giocare in serie superiori, e lo farà. Lo merita!

Lascia un commento