Brevi

Catanzaro – Siracusa 1-0 (primo tempo)

Sblocca Riggio di testa su schema d’angolo una gara ben giocata da entrambe le squadre

Finalmente una bella partita di calcio al Ceravolo! Merito del Siracusa, squadra ben bessa in campo, mai rinunciataria e con qualche buona individualita’, ma anche del Catanzaro che oggi ha finora saputo ben interpretare le diverse fasi di gioco.

Parte bene il Siracusa che mette subito in difficolta’ l’esordiente Marcantognini con un tiro dalla distanza. Il Catanzaro con il passare dei miuti prende confidenza con lo schieramento degli avversari e la vena particolarmente ispirata di Letizia inizia a produrre frutti ed occasioni in avanti. Prima Riggio su invito appunto di Letizia si incunea in area dalla destra ma il tiro gli viene deviato in angolo da un difensore, poi lo stesso Riggio sugli sviluppi del segunete tiro d’angolo, funge da terminale conclusivo dello schema che vede la palla battuta dall’angolo sinistro passata all’indietro, messa lunga sul secondo palo e da li ributtata al centro dove appunto Riggio (23′) irrompe di testa per metterla in gol.

Il Catanzaro arretra di qualche metro mentre il Siracusa preme per trovare il pareggio. I giallorossi hanno l’occasione piu’ ghiotta per raddoppiare quando Zanini tenta il colpo sotto per superare Tomei, ma la palla rimbalza sulla spalla del portiere ospite.

 

Red

Brevi

Catanzaro – Siracusa 1-0 (primo tempo)

Icardi sigla il vantaggio, discreto primo tempo per le Aquile

Il Siracusa occupa i piani alti della classifica, e nella prima parte del primo tempo fa capire perche’. Il Catanzaro e’ in difficolta’ e non riesce a costrure l’azione offensiva, mentre gli ospiti con il passare dei minuti si appropriano del centrocampo. I siciliani senza strafare rischiano il vantaggio con Catania, Prestia pressato perde palla al limite dell’area e Catania si propone al tiro da posizione decentrata sulla destra. E’ bravissimo Leone a deviare ed il successivo tiro di un avanti ospite e’ alle stelle.

Nel momento migliore per gli ospiti giunge il gol delle Aquile. Giovinco batte una punizione dai 35 metri sulla sinistra, sbuca dal lato opposto Icardi (18′) che con il piatto piazza la palla imparabile sotto la traversa.

Il Catanzaro prende coraggio e prova a chiudere la gara, ma l’occasione capitata sui piedi di Giovinco e’ l’emblema di questa stagione: gran tiro in diagonale e palla che sbatte in pieno sulla traversa prima di rimbalzare lontana.

Da segnalare l’uscita dal campo di Sabato per una botta rimediata in uno scontro di gioco, rilevato da Imperiale. Per il Siracusa esce per infortunio Palermo, dentro Giordano.

 

Red

A proposito dell’autore

Tony Marchese

Tony Marchese

11 Commenti

  • Bravo Marcantognini. Pratico ed essenziale nella porta che è stata di Provasi, Cimpiel,Pozzani,Bertoni,Pellizzaro, Zaninelli e Zunico.<br />
    Bisogna avere più coraggio e dare spazio ai giovani. Lui, Van Rasbeek, Riggiu, Maita, Sepe, Puntoriere, Marin, Zanini devono far parte del futuro del Catanzaro

    • Il tuo elenco di proposte permanenza giocatori mi trova concorde su tutti tranne che su Puntoriere. Corre, corre….ma mai verso la porta. AVNTI AQUILE!!!

      • Anche di Firenze si diceva un gran male. Gli allenatori devono esser bravi a far capire dove i ragazzi devono migliorare. Puntoriere lo devono mettere a tirare in porta 1000 palloni al giorno. Ha comunque un gran fisico e corre al triplo della velocità di Infantino. Ha bisogno di fare esperienza.

  • A parte la splendida VITTORIA, meritavamo di chiudere con almeno-2-0, i giocatori non mi sono sembrati così scarsi tecnicamente, anzi ho visto delle belle giocate, ed il Siracusa è una squadra forte

  • Questi tre punti sono oro per la classifica, buon Catanzaro che ha fatto la partita che doveva fare, magari se segnava un altro gol era meglio. ma accontentiamoci. Ai miei fratelli giallorossi qualche spunto di riflessione secondo il mio modesto parere, opinabile chiaramente. Primo, questa volta siamo stati più furbi o più fortunati, non lo so, ma il primo tempo eravamo controvento riservandoci il vento a favore per il secondo tempo, non come con il Catania. Due, finalmente ho visto un portiere che non è stato molto impegnato a dire il vero, però quelle uscite me l’ero dimenticate quest’anno. Tre, per voi non è significativo l’uscita dei due attaccanti titolari? Per me non hanno fatto un tubo, poi Infantino tanto potente fisicamente non ha preso un solo pallone di testa, sempre sovrastato dall’avversario e non è la prima volta, Germinale a confronto era un campione. Il prossimo anno alla casa tutti e due. Quattro, MIGLIAIA di errori nei passaggi, verso la fine del secondo tempo due punizioni dallo stesso punto sono state battute prima da Gambaretti e poi da Di Nunzio, tutte e due nello stesso modo, DI MERDA, cioè oltre il fondo dell’area avversaria, che cessi. Della serie "su comu l’ovu allu focu chiù stannu chiù ‘ntostanu"<br />
    Alla casa subitu !!!!!

      • Si cara Aquila, ma faceva solo confusione. Doveva tirare e non tirava, doveva passare il pallone e non lo passava. Certo che metteva in crisi gli avversari, poverini neanche loro capivano CHE CAZZZZZO STAVA FACENDO !!! Un attaccante che non si mette in condizione di tirare o non mette un compagno in condizione di farlo e oggi non lo ha mai fatto, mi dici che attaccante è?

Lascia un commento