Avversario di turno

Derby dell’amicizia: Aquile ospiti della Vibonese

In un impianto tinto di giallorosso, il Catanzaro proverà a conquistare la vetta

Complice il turno di riposo del Perugia, gli uomini di Ciccio Cozza hanno la possibilità di utilizzare al meglio il “set point” che il turno di campionato impone. Non una gara come le altre, un derby è sempre un derby, ma sicuramente non eccessivamente influente per il proseguo del campionato. La conquista dell’intera posta in palio, costringerebbe Perugia e Vigor a rincorrere, ma con sette gare rimanenti dopo quella di domani, e distanza così minime in graduatoria, ovviamente tutti i giochi rimarrebbero aperti.

Il Catanzaro affronterà una Vibonese, che nonostante la classifica deficitaria, attualmente quint’ultima  in piena bagarre play-out, contro le “big” del girone riesce sempre a sfoderare delle ottime prestazioni. Già all’andata i rossoblu inchiodarono il risultato sul nulla di fatto grazie ad una prestazione coriacea in difesa ed uscire indenne dal “Ceravolo”, Vibonese sugli scudi anche contro la corazzata umbra sia all’andata che al ritorno, due pareggi nei due incorni stagionali disputati. Anche la Vigor Lamezia bloccata sul pari al “Luigi Razza”, era la sesta di campionato ed ancora uno 0-0 da riportare sugli almanacchi del calcio.

Il ruolino di marcia casalingo della formazione ipponica racconta finora di quindici partite casalinghe disputate e bilancio in perfetto equilibrio, cinque vittorie, cinque pareggi e cinque sconfitte, le vittorie tutte di misura, eccezion fatta per il 2-0 contro l’Aprilia, con  i primi tre punti casalinghi conquistati solamente alla quindicesima giornata, contro il Milazzo. Recente l’ultima sconfitta casalinga, trentesima giornata, contro l’Arzanese; nell’ultima gara disputata, la Vibonese conquista invece i tre punti a scapito del Celano, la scorsa domenica invece turno di riposo per gli uomini del Presidente Caffo.

Vibo Valentia che accoglierà a braccia aperte i circa 1800 tifosi giallorossi che invaderanno pacificamente la città tirrenica, storico “feudo” giallorosso dei tempi d’oro, quasi un esodo che in tempi di “tessera del tifoso” indica chiaramente e consacra in maniera definitiva il riavvicinamento dell’intera tifoseria alla “prima” squadra a dare lustro alla Calabria sul territorio nazionale.

Una giornata di sport che si spera possa regalare ancora emozioni forti al Presidente Casentino, vero e proprio artefice di questo “miracolo”. Tra le fila rossoblu molti ex, oltre a due purosangue catanzaresi (Corapi e Benincasa) che se schierati, sicuramente vorranno fare bella figura agli occhi dei loro ex tifosi e soprattutto contro la squadra che li ha battezzati nel calcio che conta. Neanche a dirlo, Doukara sarà l’elemento da tenere a bada in una formazione che subisce parecchi goal, ma che va a segno anche abbastanza facilmente. Incerto l’undici che i tecnici Viola e Ferrante manderanno in campo, complici le defezioni di Cosentino, Figliomeni, D’Agostino e Benincasa, potrebbe invece prendere parte all’incontro Ciccio Corapi, completamente ristabilitosi dopo l’ultimo infortunio accorsogli.

Probabile Formazione: (4-4-2): De Filippis, Alletto, Borghetto, Di Berardino, Caridi; Salvatori, Cosenza, Benincasa,Caraccio; Doukara, Mazzetto. Allenatori: Ferrante-Viola

A proposito dell’autore

Massimo Saverino

Lascia un commento