Intervistiamo

Dionigi: «A Trapani per giocarsela a viso aperto»

Il tecnico giallorosso fa la conta degli indisponibili ma chiede ai suoi una prova di carattere contro un avversario di livello superiore
 
Dionigi prima di Trapani-Catanzaro

Viglia di campionato per le Aquile che domani saranno di scena al “Provinciale” di Trapani per il posticipo serale (fischio d’inizio alle 20.45, ndr) della decima giornata.

 Ads336x280

Oggi partenza alla volta della Sicilia e consueta conferenza stampa del tecnico giallorosso Dionigi che in apertura ha evidenziato l’emergenza infortunati. «Siamo contati. Abbiamo Maita, Spighi e Falcone fuori. Dovranno recuperare ma eravamo consapevoli di questa situazione. Alcuni infortuni – ha proseguito il tecnico – li abbiamo ereditati, altri sono dovuti al modo in cui ci stiamo allenando e alla gara giocata contro il Matera. Non sarà un alibi, si tratta di un passaggio necessario».

dionigiImpressioni positive sui progressi della squadra. «Ho notato nei ragazzi un certo tipo di adattamento. Siamo ancora indietro sul piano fisico e per le prossime due settimane ci sarà da lavorare ancora più duramente. Contiamo di arrivare ad un livello ideale tra una ventina di giorni»

Sotto la lente d’ingrandimento non solo la condizione fisica. Dionigi ha parole d’elogio per l’applicazione con la quale il gruppo sta affrontando questa fase di transizione. «I ragazzi ce la stanno mettendo tutta, specialmente sotto il profilo mentale. Dobbiamo acquisire una personalità di squadra. Ho riscontrato in questo gruppo valori umani importanti ma non si può lavorare solo su quelli.  I ragazzi hanno bisogno dei risultati per trovare autostima, non tanto come singoli, ma a livello di squadra». 

Un commento anche sulla situazione in classifica dopo i risultati di ieri. «Sono consapevole della necessità di fare punti ma non guardo la classifica. A dirla tutta, già col Matera dovevamo portare a casa qualcosa, ma a caldo ho proferito analizzare la partita solo sotto il profilo dell’impegno perché il secondo gol dava l’impressione di tutt’altra gara rispetto a quella effettivamente disputata»

Ads336x280

Sulla gara di domani il tecnico ha le idee chiare. «Il Trapani può metterci in difficoltà nella qualità, noi dovremo tenere ritmi altissimi rispetto a quelle che sono le nostre attuali possibilità. Il Catanzaro se la giocherà a viso aperto consapevole di affrontaste una squadra forte».

sirriPochi fronzoli rispetto al possibile approccio tattico. «Non mi fossilizzo sul modulo. Potrebbe essere 352 o 343 in base a ciò che proporranno loro. Dai miei mi aspetto sicuramente qualcosa di più a livello di manovra. Vedremo anche chi recupereremo. Sirri ha lamentato una contrattura dopo un colpo di testa in allenamento ma dovrebbe farcela. Kanis sarà dei nostri e potrei impiegarlo sulla linea dei mediani o in posizione più avanzata. Vedremo»

 

Francesco Panza

A proposito dell’autore

Francesco Panza

Francesco Panza

3 Commenti

Lascia un commento