Intervistiamo

False fatture, reato prescritto non si procede contro alcuni impenditori

Diciannove gli imprenditori che non saranno chiamati in giudizio
 

E’ arrivata la prescrizione e pertanto il Tribunale di Catanzaro ha deciso di non procedere nei confronti di alcuni imprenditori accusati di aver emesso fatture false per evadere il fisco.

Ads336x280

I reati si sarebbero consumati negli anni 2007 e pertanto, ha sentenziato il Giudice Tiziana Macrì, l’inutilità dello svolgimento del processo.

I beneficiari di tale decisione sono diciannove imprenditori, Concetta Cananzi, Vicenzo Bifulco, Raffaele Alatavilla, Vicenzo Bruni, Stanislao Caramuta, Rosaria Cricelli, Martino Angelo Critrelli, Raffaele D’Ambra, Francesco Palazzo, Antonio Palazzo, Giovanni Frangipane, Franco Montalto, Vito Perri, Poggi Madarena Massimo, Antonio Polizzese, Luisa Rubino, Giuseppe Russo, Francesco Tavano, Giovanni Vitale.

A proposito dell’autore

Redazione

Redazione

Dal 2002 il portale più letto e amato dai tifosi giallorossi del Catanzaro

1 Commento

  • ALLA FACCIA DEI FESSI, CHE VIVONO DI ONESTA’ E DI DEBITI SENZA TRUFFARE NESSUNO E SI DIMENANO E DISPERANO PER PAGARE I DEBITI ED IL FISCO, MENTRE QUESTI GRANDI IMPRENDITORI FREGANO IL FISCO PERCHE’ POI HANNO I FONDI PER POTER FREGARE ANCHE LA LEGGE "DEGLI ONESTI".

Lascia un commento