Il Rompicalcio

Gentile Questore, Egregio Prefetto, Illustre Ministro…

Redazione
Scritto da Redazione
«Qui gli uomini che contano non vanno mai a tempo, si sono seduti ai limiti di un ponte di cemento»
 
racca_letella_alfano

Gentile Dott. Racca, nella Sua veste di Questore di Catanzaro, La ringrazio personalmente per aver segnalato all’Osservatorio l’estrema pericolosità della partita in programma domani sera allo Stadio “Nicola Ceravolo” tra i nostri giallorossi e quelli di Messina. Del resto già ad aprile di quest’anno, per le vie del capoluogo la presenza dei tifosi siciliani era stata avvertita in modo pesante, con pesanti ripercussioni sul traffico cittadino, la chiusura anticipata delle scuole, dei mercati, degli esercizi commerciali. Ah, era domenica?

Ads336x280

Vabbè, però i duri scontri avvenuti su Corso Mazzini e Viale De Filippis avevano trasformato la città in una piccola Beirut. Quindi è stato davvero un bene per la città chiedere che stavolta l’invasione di ben 9mila messinesi fosse arginata con il divieto di trasferta. Ah, lo Stadio “Ceravolo” è omologato per 7mila posti e il settore ospiti per 500? Lei ha fatto bene comunque. Meglio evitare qualsiasi rischio per tutte quelle persone che sabato sera a quell’ora accompagnano i cani a far pipì nella aiuole del quartiere Stadio. Per quello le strade intorno al tempio sono buie: per regalare a tutti i quadrupedi un po’ di privacy.

I tifosi del Messina a Catanzaro Gentile Dott.ssa Latella, nella Sua veste di Prefetto di Catanzaro. La ringrazio personalmente per aver chiuso del tutto lo stadio. Giusto così. Se i tifosi del Messina non possono venire per i seri rischi di cui sopra, meglio evitare anche la presenza dei sostenitori catanzaresi al “Ceravolo”. Intanto perché non sarebbe giusto che i ragazzi di mister Erra giochino col vantaggio dei tifosi a favore. Poi perché nel weekend è previsto un brusco abbassamento delle temperature. Meglio evitare l’insorgere di focolai d’influenza: le floride casse della sanità calabrese subirebbero pesanti conseguenze. Meglio evitare anche possibili risse di strada tra sostenitori del presidente Cosentino e quelli che “Cosentino vattene” è ormai un mantra da ripetere snocciolando il rosario.

Guardi, non si preoccupi. La Sua decisione è quella giusta, tanto più che i tifosi del Catanzaro si sono già organizzati. Un mio amico è andato a comprare il computer nuovo per vederla su Sportube. Sempre che a qualcuno non venga in mente di spostare o tranciare i cavi dell’emittente. Ma vede, nessuno si permetterà di boicottare la Sua decisione. Un altro amico finalmente potrà dedicarsi alla famiglia, portando moglie e figli a fare shopping al Centro Commerciale, quello grande, lì, proprio ai piedi della città. Poi una bella pizza e magari un film. Cultura, sì, perché no.

Ce n’è un bisogno incredibile a Catanzaro. Magari quei perdigiorno e delinquenti tifosi di calcio potranno andare ad ammirare le splendide installazioni di Luca Viapiana a Local. Magari da “Il Mazzo”, verrà fuori la carta di Palanca. Ah, sono state sfregiate da qualche vandalo? E non sappiamo niente sui responsabili? Guardi, bisogna seguire la pista della tifoseria del Catanzaro oppure pensare ai Giardini di San Leonardo  a porte chiuse. Per chi proprio non riesce ad avere fiducia in questa società e in questa squadra, consigliamo il film “Gli ultimi saranno gli ultimi”. Tra l’altro adesso è tornato il vecchio “Comunale”. No, non lo stadio, ci siete cascati (ancora), ma il vecchio cinema restituito alla città.

Gentile Dott. Alfano, nella Sua veste di Ministro dell’Interno, La ringrazio a nome di tutti i tifosi del Catanzaro per l’intenso lavoro che sta portando avanti nella nostra terra. Lei, per ovvie ragioni, non potrà svelarlo, ma noi, grazie alle nostre fonti giornalistiche, sappiamo bene che la ‘ndrangheta e l’ISIS hanno fatto il gemellaggio. Altro che catanzaresi e messinesi che continuano a darsi battaglia. Mi volevo complimentare con Lei anche per gli eccezionali risultati ottenuti negli ultimi tempi grazie al programma “Tessera del Tifoso”. Con gli stadi ormai vuoti, grazie al successo della Tessera, ogni progetto terroristico che abbia come bersaglio uno stadio italiano non avrà alcun risultato.

Grazie di tutto, davvero. E buona continuazione.

 

logotwitterIvan Pugliese

A proposito dell’autore

Redazione

Redazione

Dal 2002 il portale più letto e amato dai tifosi giallorossi del Catanzaro

24 Commenti

  • Senza voler negare l’ incapacità e molto probabilmente la malafede di chi ha deciso di mettere in atto questa pagliacciata, ( perché oltre alla citata CT messina, ci sono altre partite che dovrebbero giocarsi a porte chiuse come Lazio Roma , Verona Napoli, bologna fiorentina, Milan genoa) é bene ANCORA una volta rivolgere un GRAZIE DA PARTE DI TUTTI I VERI TIFOSI e dell’ U.S. agli ultras!!! GRAZIE Perché con il vostro modo idiota di intendere il tifo avete DANNEGGIATO IL NOSTRO (NON VOSTRO) CATANZARO. ED ORA CONTINUATE pure a CANTARE " gli ultras vincono sempre". Ma perché non ricominciate lo sciopero?

  • INSISTO A DIRE SOLO:<br />
    <br />
    VERGOGNA, VERGOGNA, VERGOGNA , DOVRESTE VERGOGNARVI DI RICOPRIRE RUOLI COSI’ IMPORTANTI NELLA SOCIETA’ CIVILE, LA QUALE AVREBBE DAVVERO BISOGNO DI GENTE ALL’ALTEZZA DEI PROPRI COMPITI.<br />
    VERGOGNA, VERGOGNA, VERGOGNA, VERGOGNA VERGOGNA, VERGOGNA, VERGOGNA, VERGOGNA, VERGOGNA, VERGOGNA ALL’INFINITO……….

  • Ma vui u vidistivu faccia cchi ava Alfanu!!!!…..mi para n’appendicie e na cellula isis!!!!!,,,,va ricogghiati và!!!!!…..andate a fare giustizia là ddove serve fare giustizia!!!!……non su persone che vogliono vedere una tranquilla partita di calcio!!!!!!!….e ma si caccianu i cazzi da capu!!!!!…

  • Ciò che non capisco, è che se veramente il motivo di questa decisione è da ricollegarsi alle possibili intemperanze tra le due tifoserie, si poteva benissimo non consentire la trasferta ai supporter siciliani e permettere ai catanzaresi di assistere tranquillamente alla partita……come accaduto domenica ai messinesi i quali hanno potuto assistere al derby contro il Catania senza la presenza della tifoseria etnea in quanto interdetta per ordine pubblico.<br />
    Ciò naturalmente consente al Messina, per due settimane consecutive ed in due gare sportivamente difficili, di usufruire di un vantaggio di non poco conto penalizzando oltre misura i tifosi giallorossi catanzaresi a cui nulla si può rimproverare e non meritevole di una tale decisione che non ci consente di poter supportare con il nostro calore la compagine di Mister Erra in un momento particolarissimo della stagione in cui si sta effettuando un notevole sforzo per fare un altro passo avanti verso zone di classifica più tranquille dopo un inizio a dir poco disastroso.<br />
    Tutto ciò senza rammentare il danno economico derivante alla Società e conseguente ulteriore motivo di far passare la voglia a chi vorrebbe fare calcio a Catanzaro ma che suo malgrado continua a recitare nel suo perenne ed interminabile percorso ad ostacoli.<br />
    Per fortuna che abbiamo una classe politica di tutto rispetto e che…….certamente interverrà a sistemare questo e tutti gli altri problemi……….????<br />

  • …tanto a Catanzaro si può fare di tutto e nessuno dice niente.<br />
    politici incapaci senza vergogna, imprenditori prenditori senza pudore ora anche istituzioni maldestre e strafottenti. ecco perchè siamo fra le ultime provincie d’italia

  • caro paolo se mi consenti il caro….i nostri politici a Catanzaro non hanno sangue nelle vene ma solo hanno a lingua ma liccanu u c…a tutti ppè i voti…

  • Sindaco e pseudo politicanti di questa città, si dovrebbero vergognare per come stanno trattando il catanzaro calcio negli ultimi anni .Vergogna, anche a porte chiuse senza nessun motivo .<br />
    viva prefetto e questore. Siamo al ridicolo.<br />
    Forza GiallorossI e Forza Cosentino Contro Tutti.<br />
    Tifosi Uniti.

  • Invece di piangervi addosso come delle isteriche femminucce, "VERI TIFOSI" andate a manifestare e occupate la prefettura, altrimenti, zitti e mosca.

  • L insignificante nei momenti bui si fa vivo. Ridicolo come chi ha preso la decisione delle porte chiuse, stesso cervello vuoto.<br />
    Forza Aquile, e Forza Presidente.<br />
    TUTTI UNITI.

Lascia un commento