Numeri Giallorossi

I numeri di Catanzaro-Lecce

Redazione
Scritto da Redazione
Con sette vittorie maturate lontano dal “Via del Mare”, i salentini sono la squadra con il maggior numero di vittorie in trasferta
 

Nuovo impegno sulla carta proibitivo per il Catanzaro che lunedì alle 20.30 nel posticipo della 23esima giornata ospiterà il Lecce di mister Pasquale Padalino.

Ads336x280

I pugliesi al momento sono la seconda forza del campionato a parimerito con la prima della classe Matera a quota 46 punti e a +2 dalla coppia di inseguitrici Foggia-Juve Stabia. Alla ricerca del pass per ritornare in B senza dover affrontare lo scoglio dei playout, il Lecce sta disputando una grande stagione con ben 2 punti di media racimolati a partita. Ad impressionare è il rendimento fuori dal “Via del Mare”: su 11 partite giocate le vittorie sono 7 (Monopoli, Melfi, Siracusa, Juve Stabia, Taranto, Messina e Akragas), 3 i pareggi (Vibonese, Fondi e Fidelis Andria) e 1 sola sconfitta (a Catania lo scorso 23 ottobre per 2-0) con 20 gol fatti, 10 subiti e 2.18 punti raccolti.

Leggermente inferiore il cammino in casa. I punti raccolti sono 2 di media con 21 gol all’attivo e 10 al passivo (41/20 il totale e +21 di differenza reti davanti a 11804 spettatori) con 6 vittorie (Akragas, Catanzaro, Reggina, Francavilla, Paganese, arrivata dopo due mesi di astinenza, e Melfi proprio la scorsa settimana), 4 pareggi (Casertana, Foggia, Cosenza e Monopoli) e ancora 1 sola sconfitta risalente al 3 dicembre quando ad imporsi con un secco 3-0 fu il Matera.  A guidare il 4-3-3 di mister Padalino c’è il bomber Salvatore Caturano autore di ben 15 reti in 21 presenze.

Per il Catanzaro numeri molto diversi nonostante il buon momento di forma che stanno vivendo gli uomini di Zavettieri con 8 punti nelle ultime 6 partite. Il rendimento migliore per i giallorossi è ottenuto proprio tra le mura del “Ceravolo” dove sono arrivate tutte e 3 le vittorie (l’ultima il 6 dicembre con la Vibonese), 4 pareggi ed altrettante sconfitte davanti ai 1.951 tifosi di media per un totale di 13 punti conquistati (1.18 di media) e con 12 reti fatte e 13 subite. Da retrocessione invece il cammino fuori Catanzaro. Undici partite, nessuna vittoria, 5 pareggi e 6 sconfitte con 5 punti (0.45 a partita), 5 gol fatti e 17 subiti (17/30) sono numeri abbastanza chiarificatori sull’andamento lontano dal “Ceravolo” e che non richiedono altre spiegazioni. A dispetto delle ultime partite, la scorsa settimana Zavettieri ha deciso di variare modulo. Il tecnico giallorosso ha optato per il 3-4-1-2, schieramento che vedremo se verrà utilizzato in altre occasioni.

Catanzaro-Lecce è però una sfida d’altri tempi. In totale le due formazioni si sono affrontate 27 volte. A primeggiare è il Catanzaro con 11 vittorie, mentre i pareggi sono 7 e le vittorie del Lecce 9, tra cui il 3-0 dell’andata. A Catanzaro per i pugliesi è invece quasi impossibile vincere.

Ads336x280

Nei 13 scontri andati in scena dagli anni ’50 ad oggi, il Catanzaro ha portato a casa il massimo bottino per 9 volte contro le sole 2 del Lecce e i due 0-0 del 1988 e del 2014. L’ultimo match al “Ceravolo” è della stagione scorsa e ha visto proprio i giallorossi imporsi 2-1 l’8 novembre 2015 con le reti di Giampà al 46° e Razzitti al 77° utili ad annullare il vantaggio pugliese di Doumbia al 16°.

Nicola Agosti

A proposito dell’autore

Redazione

Redazione

Dal 2002 il portale più letto e amato dai tifosi giallorossi del Catanzaro

6 Commenti

  • <br />
    Cosenti’, alla fine ci sei riuscito a distruggere il Catanzaro. Anni di storia calcistica gettati nel cesso. Non cederai la società nemmeno in serie D perché comunque il Catanzaro il proprio introito lo garantisce. Che tristezza infinita , che delusione, che presa per i fondelli che sei stato.<br />

    • Tu dici che non si guadagna? Sei sicuro? La smetti di parlare a vanvera? Se c’è qualcuno che ha cambiato idea qua è proprio cosentino . È cosentino che ha cambiato direzione. Se lotta per la promozione gli do ragione ma se lotta per non retrocedere allora c’è qualcosa che non va. L’anno scorso lo posso pure capire ma quest’anno no!

  • Girano voci che Sabato giocherebbe. Zavettieri non faccia altri casini. Adesso difensori veri ce ne sono e col Lecce non si può andare per il sottile. C’è bisogno di una vittoria, ma dobbiamo giocare in 11

  • Grandi, Russotto, Marchi, Rigione, Dichiara, Maita, Icardi…ma vi rendete conto che squadrone da prime posizioni in B avremmo avuto se la squadra non fosse stata rivoluzionata continuamente? Purtroppo la colpa e’ della pressione che la frangia piu’ ignorante della cybertifoseria, gli online stranieronella notte per intenderci, esercita tramite i forum. Hanno convenienza a che la squadra vada male per agire alzando il tono della polemica e guadagnando cosi sempre piu’ visibilita’. Bisogna stopparli. La societa’ oggi avrebbe anche un valore economico ben piu’ alto. Fate quattro conti e vedete quanto han fatto perdere a Pino

Lascia un commento