Dalla Redazione

Il no di Cacia al Catanzaro

Redazione
Scritto da Redazione
L’attaccante, contattato dalla nuova proprietà, declina l’offerta: “Non scendo di categoria”
 

Sarebbe stato un colpo a sensazione, quasi un sogno: vedere Daniele Cacia, l’attaccante catanzarese di professione goleador, che fra meno di mese un compirà trentaquattro anni, vestire la maglia giallorossa. 

Ads336x280

Eppure, uno dei primi passi della nuova proprietà del Catanzaro calcio è stato proprio quello di regalare ai tifosi uno di quei colpi a sensazione che farebbe sognare a occhi aperti.

Genitori e parenti di Cacia vivono a Catanzaro. Tramite loro è stato fatto un primo approccio per sondare la situazione, per capire se l’operazione poteva essere fattibile.

Il presidente Floriano Noto ha provato a convincere l’attaccante dell’Ascoli parlandogli di persona. Lui ha ringraziato per l’interesse, ma ha risposto no: “Voglio rimanere in B, e non è per una questione economica“.

Che cosa spinge Cacia a non voler scendere di categoria e non voler vesitire almeno per il momento la maglia della squadra della sua città?

Semplice. Il bomber, che nei professionisti ha segnato qualcosa come ben 153 reti, è a un passo dal record di marcature in serie B.

Infatti, sono 131 le reti realizzate in cadetteria da Cacia, contro le 135 timbrate da Stefan Schwoch, fermo a quota 135 che occupa la prima posizione. E Cacia vuole allora entrare nella storia.

Per il Catanzaro pazienza. Dovrà aspettare e per ora mettersi l’animo in pace. Parafrasando un noto film, “Per quattro goal in più“. 

Salvatore Ferragina

 

A proposito dell’autore

Redazione

Redazione

Dal 2002 il portale più letto e amato dai tifosi giallorossi del Catanzaro

40 Commenti

Lascia un commento