L'altra partita

La prima al Ceravolo

Redazione
Scritto da Redazione

Un racconto fra il serio e il faceto, e con l’ausilio di espressioni tipiche della nostra lingua (u jermitu), delle giornate allo stadio quando le Aquile giocano in casa

Mi chiamo Tonino e sono l’amico di Mistuffo. Qualche smemorato magari dirà «E cu è ssu Mistuffo?». Ve lo ricordo subito.
A Natale del 2012 usciva in libreria Rosà, perdivi ‘a littorina, mi sono smarrito a Pistoia, il libro più venduto dopo u solitu dei Tre Colli durante quelle Feste.

Le pagine scritte da Mistuffo, in cui comparivo anch’io di tanto in tanto (e puru mugghierimma almenu nu paru ‘e voti) raccontavano storie della nostra città e, com’è ovvio che sia, anche della sua squadra di calcio, il Catanzaro.
Con questa rubrica (mancu fussera Polichieni) voglio raccontarvi fra il serio e il faceto, e con l’ausilio di espressioni tipiche della nostra lingua (u jermitu) le giornate allo stadio quando le Aquile giocano in casa.
E jamu va.

—–

A Milano la prima alla Scala è sempre un’emozione unica. A Catanzaro scale non ne abbiamo, c’era ‘a scaletta a Piazza Matteotti cchi grazia a Diu a cacciaru, ma ci è rimasta “La prima al Ceravolo.”

Puoi giocare con la Juventus, po’ venire u Milan, u Gladiator, ma sempre n’emozione è.

Di certo per svariati motivi non c’è più la folla di una volta ma, malgrado tutto, di riffa o di raffa il Catanzaro tira sempre.

Superato viale de Filippis per chi viene da sud appena prendi il ponte o a tangenziale si entra in clima partita. La stessa cosa capita ppè ccui scinda ‘e Ponteranda ‘e de Pontepicculu.

Cu non sapa ca c’è a partita, cci para ca tutti avimu e ijra alu ‘spitala. Poi basta ma vidi sciarpi al collo pure ccu 40 gradi, bandieri e a bancaredda e Capicotto e capisci ca c’è a partita, ca ioca u Catanzaro.

L’usanza è che devi arrivare almeno un’ora prima. L’orario è importante, devi calcolare ca hai ma trovi nu parcheggio, ca hai ma parri ccu u vigila chi chiuda i strati e ma cci dici ca sei residente del quartiere ma passi. Per fare queste tattiche ma ti conzi a machina non ma pigghi nu verbala, devi essere tassonomico.

Davanti lo stadio incontri amici. Saluti tutti quelli che ti salutano anche se poi chiedi «Se’, ma chiddu cu è?». A prima domanda chi ti fannu e senti in giro è si trovasti u postu.

La risposta è sempre la stessa; «Si l’azziccavi e tracu ammenzu i palazzini». Dopo che ti chiedono cchi mangiasti e tu sia inverno o estate respundi pasta china cu i pruppetti (o nu pollu arrosto da Giacinto) si parla di calcio.

«Comu a vidi st’annu?» I più ottimisti ti rispondono come sempre «Ni facimu na caminata» e in quel caso vedi genti chi fannu a finta ca s’izanu i pantaloni dal cavallo ma è inutile che vi dica cchi ssi toccanu. I pessimisti ‘e natura, ti rispondono «Ma duva avimu e ijra» e si vinci ti ritrovi dopo che ti dicono «Ti l’avìa dittu eu ca a squatra c’è». Infine ci sono i tecnici che se la cavano con un classico dei catanzaresi pallonari «Ci vo a punta».

Non è tutto rose e fiori. Ala biglietteria s’arma sempra ‘ncuna lizzica. C’è chi vuole fregarti ala fila, chi sta in fila educatamente sotto il sole e la pioggia e si chiede «Ma i pensilina ma ni riparamu a Catanzaro ancora on i mbentaru?» Chi invece giustifica gli addetti ai tagliandi, dicendoti «Su musci».

Entri allo stadio e in qualsiasi settore, troverai sempre quello che ti dirà «Se, alluntanamuni e chistu ca l’urtima vota cchi era vicinu a mia ‘nda pigghiammi quattru.»

Inizia la partita e molte volte, ppè almenu menzura para ca si a nu quiz e Gerry Scotti. «Cu è u tri? Cu è u due? Cu è u nova?» Dopo che rispondi educatamente a dodici domande e voleri ma ti vidi a partita, ala tredicesima (da quando hanno iniziato con le nuove numerazioni) arriva quello che ti chiede educatamente «Scusi chi è il 32?» e tu ci dici «U purmina chi nchiana e Piano Casa!»

A fine partita ormai c’è la moda ma ti fai interbistara e per caso, appena vidi a telecamera, hai ma ti fermi o ma ti lighi i scarpi o ma fai finta ca t’aggiusti i pantaloni. Il motivo è semplice: devi dire la tua e di volta in volta, in ogni servizio, vidi sempra i stesi facci cchi fannu l’indifferenti e para ca i fermaru ca su convinti ca su competenti.

Fuori dallo stadio si formano i gruppi del post partita. Chiaramente tutto è condizionato al risultato. Se vinciamo «Avimu nu squatruna« se perdiamo la frase classica è «A mia alu stadiu on mi viditi chiù». E a dominica seguente tu u trovi alu Roks cchi ti domanda: «Se’ cchi mangiasti oia?».

Inizia a fare buio ed è ora di tornare a casa. Ma lo farai sempre dopo l’ultima perla.

Chi va in trasferta ti dice «Comunque ‘e Cava nda vinnaru». Chi invece l’ultima trasferta cchi ficia, fu quando iju ala Piterà ma pigghia l’acqua ti respunda in italiano «Vabbè, dai sono a due passi, basta che salgano da Alli e sono arrivati».
Tu saluti e cci dici «Ni vidimu ala prossima guagliò».

E la ruota continua, Forza Catanzaro

Tonino

A proposito dell’autore

Redazione

Redazione

Dal 2002 il portale più letto e amato dai tifosi giallorossi del Catanzaro

12 Commenti

Lascia un commento