La Regione è senza archivio

La nuova sede della Regione a GermanetoI traslochi sono andati avanti senza soluzione di continuità anche durante i giorni a ridosso di Ferragosto.

Grazie agli sforzi compiuti finora, il trasferimento degli uffici della Regione nella cittadella di Germaneto a breve potrà dirsi completato. Peccato soltanto che tra i 190mila metri quadrati di uffici e sale riunioni sparsi in 14 edifici non siano stati previsti spazi per ospitare gli archivi.

Incredibile ma vero: la nuova sede non ha locali idonei ad accogliere tutta la mole di pratiche esaminate negli anni scorsi. Faldoni su faldoni che contengono la storia di un’attività amministrativa lunga decenni. Qualche errore, evidentemente, c’è stato nella progettazione dell’enorme edificio che da qualche settimana è la sede della giunta regionale e dei dipartimenti della Regione.

In queste ore si sta cercando di correre ai ripari trasferendo tutte le pratiche in due strutture: gli uffici di via Crispi di proprietà della Regione, nel centro di Catanzaro, e il centro Agroalimentare di San Pietro Lametino dove ha sede la Fondazione Terina.

«Così – è il commento amaro di un dipendente della Regione – ogni volta che servirà reperire informazioni su una vecchia pratica dovremo prendere la macchina e sobbarcarci chilometri su chilometri per recuperarla». Al danno si unisce la beffa perché finora i dipartimenti hanno proceduto solo in minima parte alla “demateralizzazione” dei loro archivi.

Solo di recente la giunta ha approvato una delibera in cui viene dato impulso al passaggio in digitale dei fascicoli e alla distruzione di quelle pratiche prese in esame molto tempo addietro.

In ogni caso è inutile girarci attorno: siamo di fronte a un brutto scivolone. A cui qualcuno adesso dovrà porre rimedio. E pensare che l’inaugurazione ha segnato una svolta attesa da tantissimo tempo.

Fino a qualche tempo fa la Regione ha speso ogni anno per i fitti dei suoi uffici, nella sola città di Catanzaro, dove peraltro sono ubicati tutti i centri direzionali, 4,6 milioni di euro. Qualcuno, nei mesi scorsi, ha calcolato che con la cifra sborsata dalla Regione in 45 anni di vita, sarebbe stata addirittura costruita la Reggia di Versailles. C’è da scommettere che i calabresi si sarebbero accontentati di molto meno.

A.Ricchio – corcalabria

A proposito dell’autore

Redazione

Redazione

Dal 2002 il portale più letto e amato dai tifosi giallorossi del Catanzaro

1 Commento

  • LORDONI E FETUSI, perché a Catanzaro non c’era un locale idoneo per ospitare la vostra carta straccia?! Bisognava de localizzare a Lamezia?!<br />

Lascia un commento