UnaDomandaUna

Le “ordinanze” della Rondinelli

La comunicazione del legale giallorosso ai tempi dei social network

 

Giustizia Sportiva è il nome di un profilo facebook, all’apparenza uno dei tanti, se non fosse di fatto chiaramente riconducibile all’avvocato del Catanzaro, Sabrina Rondinelli. La Rondinelli è responsabile anche dell’omonimo portale giustiziasportiva.com, battezzato due anni fa addirittura da Luciano Moggi (ex grande dirigente del calcio condannato in secondo grado a un anno e sei mesi per violenza privata nel processo Gea e a 5 anni e 4 mesi in primo grado nel processo Calciopoli, ndr). Nell’organigramma societario del Catanzaro, la Rondinelli è definita “Consulente legale delegato ai rapporti con Federcalcio e Lega“. Un ruolo delicatissimo, specie da quando la società giallorossa si è infilata nel pericoloso tunnel  della battaglia legale di “Contrattopoli“.

L’utilizzo dei social network è un’opzione importante e innovativa per comunicare all’esterno. Non è né un gioco né un passatempo. L’home page di questo profilo facebook è diventata spesso una bacheca di comunicati, a volte uno spot ridondante sulle vicende di Contrattopoli e, in generale, su qualsiasi attività condotta dal legale giallorosso. Nulla di male se non fosse per la delicatezza dell’inchiesta, dei rapporti col Palazzo, del ruolo della Rondinelli in seno alla società giallorossa, che consiglierebbero forse una maggior cautela. E poi per il contenuto, a volte davvero imbarazzante, dei messaggi pubblici. 

L’ultimo porta la data di ieri (lo vedete sopra) e recita testualmente: “Ultima ora Catanzaro Calcio l Avv.Sabrina Rondinelli emette un ordinanza,vietando la vendita dei liquidi nelle bottiglie all interno dello stadio.presto comunicato dalla società”. Non entriamo nel merito della possibile decisione, ispirata certamente dalla multa comminata alla società a seguito del lancio di bottigliette nell’infuocato finale della gara interna contro il Pisa. Tralasciamo anche gli insulti alla lingua italiana, dettati sicuramente dalla fretta di informare i tifosi-amici su FB. Ci chiediamo però come sia possibile parlare di divieti e ordinanze, queste ultime prerogativa di organi monocratici quali ad esempio prefetti e sindaci. 

Forse un minimo di cautela e di controllo sui contenuti sarebbe auspicabile. Ne va dell’immagine della società, proprio quell’immagine che il presidente Cosentino, sbandierandola ad ogni occasione, vuole restituire al Catanzaro. Ma il Catanzaro cosa ne pensa?

Red

A proposito dell’autore

Redazione

Redazione

Dal 2002 il portale più letto e amato dai tifosi giallorossi del Catanzaro

Lascia un commento