U pinnularu

Mistuffo…a Torino

Redazione
Scritto da Redazione
Questa volta il nostro Mistuffo ci scrive dal capoluogo piemontese…
Buon divertimento

 

E lei da dove viene?” mi chiede il tipo seduto accanto a me nell’aula magna del Politecnico di Torino.

Da Catanzaro

Catanzaro?

Sì, Catanzaro

E chiddhu s’aspetta ma cci dicu “in Calabria signore, vicino alla Sicilia”. Ma siccome “il signore” esta ‘e Biella, ed eu sacciu perfettamente duva si trova chiddha città emmerda, e siccome n’atru pocu esta u turnu da proclamazione ‘e figghiumma cchi diventa ‘ngegnere, non vedo perché c’haiu ‘e ‘mbuccara tuttu. Ma sa cerca subba l’atlante, Catanzaro.

Esta già supra u palcu, Marco, è u turnu soi.

M’azu e puntu u telefonino cchi fa i video megghiu ‘e na telecamera. Ava nu misa cchi mu studiu, sacciu tuttu ‘e su cazzu… ci fazzu nu filminu cchi atru ca Tornatore. Vu figurati ca vaiu e ci passu i sordi a li fotografi e a li cameraman “ufficiali” cchi si spartanu i suduri mei ccu i prehessori…?

Tè cchi bellezza: multimedia, poi videocamera, poi registra…aialamadò… ’a vibrazione! E mò cchi è ‘sta vibrazione? “Tonino in entrata”. Ahia a Tonino da culonna…!

Esta u megghiu amicu meu, ava cinquantatanni cchi ni canuscimu e cinquantanni cchi mi fa jestimara”.

Tonì, cchi c’è?”

U ficiaru u ‘ngegnere?”

Guà cci staiu facendu u video mo mò, quindi t’haiu ‘e salutara

E ca ccu l’atra manu cchi fai… ta teni ‘nta sacca? Jamma, fhammi sentira l’annuncio ca cci tegnu…

Tonì staiu facendu u video ccu u telefonu

Madonna miseria…e ’on ti l’accatti u video cchi fannu iddhi? Eu quandu si laureau figghiumma a Cosenza mi l’accattavi…

Ma pecchì m’haiu e fhara futtira i sordi si u pozzu fara eu…?”

E cchi ti ponnu chiedira, vinti euro. Ma poi para ca esta ppè ttia, è ppe figghiutta. Ja… lassa stara, poi ti l’accatti

Mi rassegno, lassu u cellulara appiccicatu ma ci fazzu sentira. M’assettu, e guardu a mugghierimma. Ava l’occhi lucidi, u fhazzolettu iancu ‘e carta strittu ala manu e ‘na faccia ‘e luttu ca para ca cci morìu tutta ‘a razza sua decia minuti fa.

Rosà, e si u sapìa u mandava ali mercati a figghiutta

Che scemo…sono emozionata

E non t’emozionara troppu ca mi stai fhacendu passara a gulìa

Ma scusa, non puoi parlare in italiano?”

E pecchì ‘on cciu dici puru ali vicini toi?”

Che c’entra, quelli sono inglesi!”

Ed eu cchi sugnu figghiu ‘e pu**ana?”

È nu minutu, e dal telefonino parta ‘na voce metallica. “Ava ragiuna Rosalba…ahahahahaha…tamarru emmerda”. Aialamadò mungivi u vivavoce. Praticamente menza aula magna, sì e no trecento persone, si giranu versu e mia, mugghierimma, i due inglesi e u tipu ‘e Biella.

Ed eccola lì, la mia catanzaresità. Quella che non c’entra niente con i massoni, i monopolisti, i truffatori di basso rango, i politici corrotti, i violenti di professione, i prevaricatori e i ruffiani.

Haiu u vrazzu tisu in linea d’aria versu ‘a cattedra, u telefonu ala manu, ‘on c’è scampo. Ed esta ddhà cchi succeda, u sacciu, è l’architrave dell’esistenza nella mia città. È il teatro dell’assurdo. Mi giuru versu l’ inglesi, i guardu n’attimu e mi lassu fuijra il classico, intramontabile: “ E Perfhavoreeee!”.

A chiddhu puntu è comu si u telefonu non ci fussera cchiù, comu si tenera ‘na videocamera e nenta cchiù. Tutti chiddhi sguardi indignati si spostanu istantaneamente versu i vicini mei. L’ inglesi non capiscianu, gli italiani non capishettaru nenta ‘e l’inizio, u tipu ‘e Biella pensa ancora duv’esta Catanzaro… tutto bene, nessunu si fa mala, potimu ricominciara.

Sei il solito” dice mia moglie “mi fai sempre vergognare”.

Marco si laurea con il massimo dei voti, mugghierimma piange con il massimo dei lacrimi ed eu vaiu e cercu i fotografi ma cci chiedu u massimu dei sconti.

Scusi, vorrei prenotare una copia del video di mio figlio

Ce l’ha chiesto prima?” mi chieda ccu n’accentu cchi para ‘a Banelli (a proposito, i nostri pigghianu l’accentu lombardo o piemontese o romano dopu nu paru e jorni e Banelli ava ‘e quarantanni cchi campa ala scinduta dei barracchi e ancora parrà sciòsciò?)

Evidentemente no” ci respundu

Ahi (Penzica cci si slogau na caviglia?) a questo punto mi scatta il sovrapprezzo

Ma è obbligatorio?”

Eh sì eh…altrimeni gli altri genitori potrebbero indispettirsi

E si ‘on ci dicimu nenta…?

Mi scusi?”

No dico, potremmo mantenerla riservata

Eh no eh…non possiam mica far così noialtri. Quella roba lì non ci appartiene

Vabbò vabbò, dimmi quant’è prima ma fai partira a tiritera do nord cchi fatica

Mi scusi?”

No dico, faccia pure il prezzo

Beh, son quaranta euro per le tre foto e ottanta euro per il filmino. Che se vuole anche il discorso del rettore viene a costarle cento.

Nculu a iddhi. Ma ormai la frittata è fatta.

Eu sugnu catanzarisa.  Nato in quella che un tempo si chiamava via nazionale per Tiriolo, crisciuto ali barracchi, e mbecchiatu alu stadiu. È tutta ‘na tappa d’avvicinanamento, a vita mia. Versu u cimiteru.

Mistuffo

A proposito dell’autore

Redazione

Redazione

Dal 2002 il portale più letto e amato dai tifosi giallorossi del Catanzaro

Lascia un commento