Benvenuto su UsCatanzaro.net GRUPPO DIPO

Catanzaro News
· Non staccare la spina, questo l'obiettivo del Catanzaro
· Catanzaro-Rende: arbitra Marcenaro di Genova
· Decisioni Giudice Sportivo - 26^ giornata
· Serie C: date ed orari dalla 28^ alla 38^ giornata
· Akragas-Catanzaro 1-2: le pagelle
· Risultati e marcatori - 26^ giornata
· Akragas-Catanzaro 1-2: le dichiarazioni post partita [VIDEO]
· Akragas-Catanzaro 1-2: gli highlights
· Akragas-Catanzaro 1-2: la Striscia Video
· Akragas - Catanzaro 1-2

[ Mostra altri articoli ]



[ Invia una notizia ]
[ Archivio News ]
[ Il Forum sul Catanzaro ]


Catanzaro Night News
· Questura di Catanzaro contro violenza di genere con uno spot
· Rubava energia elettrica, arrestato 40enne
· Tentato furto ed evasione: 40enne pregiudicato ai domiciliari
· Tenta furto in condominio ma viene colto da malore
· Maltempo: prevista neve in Calabria, oggi allerta gialla
· Vanno in ospedale per un malore e al rientro trovano casa occupata
· Travolse e uccise bimbo a Sellia Marina: confermata la condanna
· Sacal, sono 22 gli indagati
· Il 16 febbraio Twink al Museo del rock
· I numeri del cancro in Calabria nel 2017. Il 13 febbraio la presentazione del li

[ Mostra altri articoli ]



[ Invia una notizia ]
[ Archivio C.N.N. ]
[ Il Forum "La Città" ]


Diventa sostenitore
Aiutaci a diffondere l'informazione libera!


Risultati
Risultati della 26 giornata

 
  - 18-2-2018 0:00
F. AndriaRiposa---
 
  - 18-2-2018 14:30
MateraSiracusa2-0
TrapaniPaganese4-1
AkragasCatanzaro1-2
 
  - 18-2-2018 16:30
S. LeonzioLecce0-0
MonopoliCatania5-0
RendeR. Fondi3-0
V. FrancavillaCasertana0-1
Juve StabiaBisceglie0-2
 
  - 19-2-2018 20:45
CosenzaReggina1-1

[ Calendario completo ]

Classifica

56Lecce32V. Francavilla
49Catania31Catanzaro
44Trapani30S. Leonzio
39Siracusa30Bisceglie
38Rende28Reggina
37Monopoli26Casertana
37Matera23R. Fondi
36Cosenza23Paganese
33Juve Stabia20F. Andria
11Akragas

[ Classifica dettagliata ]

Prossimo turno 27 giornata

 
  - 25-2-2018 0:00
CataniaRiposa
 
  - 25-2-2018 14:30
S. LeonzioV. Francavilla
CatanzaroRende
SiracusaMonopoli
 
  - 25-2-2018 16:30
R. FondiMatera
LecceJuve Stabia
PaganeseF. Andria
RegginaTrapani
CasertanaCosenza
BisceglieAkragas


Utenti online
In questo momento ci sono, 94 Visitatori(e) e 1 Utenti(e) nel sito.

Non ci conosciamo ancora? Registrati gratuitamente Qui

Login
Nickname

Password

Non hai ancora un tuo account? Crealo Qui!. Come utente registrato potrai sfruttare appieno e personalizzare i servizi offerti.

Utility
AvantGo
Wap
I forum
Chat
Download
Links
Sondaggi
Statistiche
Meteo
Segnala questo sito
Cerca nel sito
Gestione account

WebMail

Accesso ad Internet con casella di posta elettronica!

Cerca

 

HexaVision

Travolse e uccise bimbo a Sellia Marina: confermata la condanna
Pubblicato da Redazione il Mar, 13 feb 2018 07:12 CET
Contributo di Redazione


Il 30enne di origine romena che a Sellia Marina, nell’agosto 2013, alla guida di un Suv, aveva travolto e ucciso Matteo Battaglia, 12 anni
 

Il collegio della 1° sezione penale della Corte d’Appello di Catanzaroha confermato, malgrado l’iniziale parere contrario della Procura Generale, la condanna nei confronti di Andrei Valentin Epure, il 30enne di origine romena che a Sellia Marina, nell’agosto 2013, alla guida di un Suv lanciato a folle velocità, aveva travolto e ucciso Matteo Battaglia, 12 anni, ferendo gravemente anche un altro automobilista.


Confermato dunque il parere del giudice di primo grado Giuseppe Perri, del tribunale di Catanzaro, che nell’aprile del 2015 aveva condannato a 2 anni e 4 mesi Epure, riconoscendo lo sconto di un terzo di pena per il rito abbreviato e concedendogli anche le attenuanti generiche.

Il terribile incidente era avvenuto poco dopo le 7 di mattina, mentre il piccolo Matteo, assieme alla madre, stava aiutando il nonno nelle consuete operazioni di apertura del negozio di ortofrutta. ll Suv con alla guida Epure si era materializzato all’improvviso sul marciapiede, senza controllo e a folle velocità, andando a travolgere il bimbo, rimasto orrendamente mutilato sotto gli occhi impietriti della madre e del nonno. Il mezzo, dopo aver abbattuto due pali, aveva poi concluso la sua folle corsa contro un’auto, alcune decine di metri più avanti, ferendo gravemente il conducente.

Durante il processo il consulente tecnico nominato dalla Procura, l’ingegnere Roberto Arcadia, aveva ricostruito le fasi dell’incidente indicando in 130 chilometri l’ora la velocità a cui viaggiava Epure al momento dello schianto, con un limite su quel tratto urbano di 50 chilometri l’ora.

Era inoltre emerso come Epure avesse ripreso possesso della propria patente di guida appena 3 settimane prima di causare l’incidente, dopo un lungo periodo di sospensione disposto dalla prefettura di Catanzaro per guida in stato di ebrezza.

Ciò nonostante la condanna in primo grado era stata appellata dal legale di Epure, contestando una pena particolarmente alta nei confronti del proprio assistito.

Di tutt’altro avviso, su istanza della madre e del fratello di Matteo, si era a quel punto mossa anche la Procura Generale, presentando ricorso in Cassazione contro la sentenza del Gup per «mancanza, contraddittorietà e manifesta illogicità della motivazione», chiedendo invece un doveroso aumento di pena.

«Il giudice di primo grado ha quantificato la pena in base ai più miti limiti sanzionatori previsti dal reato di omicidio colposo – si legge nel ricorso firmato nel settembre 2015 dal sostituto procuratore generale Massimo Lia – La concessione delle attenuanti generiche è frutto di un’incongrua quanto ingiustificata sottovalutazione dell’estrema gravità del reato commesso e dell’elevatissimo grado di colpa ravvisabile nella condotta di guida tenuta dall’imputato, messosi alla guida di un Suv alla scriteriata velocità di 130 chilometri all’ora in una zona abitata dove vigeva il limite di 50.

Va pure censurata l’individuazione della pena base rispetto alla quale è stata operata la diminuzione per il rito abbreviato: la complessiva condotta dell’imputato avrebbe logicamente imposto di commisurarla quantomeno in misura pari o molto più prossima al massimo edittale di anni 7 di reclusione, che può e deve trovare applicazione proprio nei casi, come quello in esame, connotati da estrema gravità oggettiva o soggettiva della condotta di reato».

Oggi pomeriggio però l’imprevisto passo indietro da parte del rappresentante della Procura Generale, che nonostante le motivazioni espresse nel ricorso ha invece, all’avvio del dibattimento, chiesto la conferma della precedente condanna.

«Difficile poter credere in questo tipo di Giustizia – l’amaro commento della mamma del piccolo Matteo Battaglia – Sembra, piuttosto, una beffa: dopo la blanda condanna l’intervento della Procura ci aveva fatto ben sperare, abbiamo quindi atteso con grandi aspettative questa nuova pronuncia e siamo rimasti davvero allibiti nel sentire che la Procura Generale si è di fatto rimangiata quanto sostenuto nel ricorso. E’ un paradosso che facciamo davvero fatica a comprendere, e che non potremo mai accettare».

Nel frattempo gli stessi familiari, hanno avviato un nuovo processo, questa volta in sede civile, radicandolo presso il tribunale di Treviso per ottenere il dovuto risarcimento dei danni patiti per questa gravissima e sconvolgente perdita.

Oltre ad Andrei Valentin Epure, sono stati chiamati in causa anche due società e due assicurazioni: la prima assicurava la targa prova, la seconda in qualità di impresa designata dal Fondo di garanzia per le vittime della strada; dagli accertamenti, infatti, è emerso che, tra le altre cose, il Suv circolava sprovvisto di copertura assicurativa, con la revisione scaduta e con una targa prova prestata al proprietario del Suv, un conoscente di Epure.

Una situazione dunque molto intricata, che si andrà ora a chiarire in sede civile per assicurare quanto meno il giusto risarcimento ai familiari di Matteo.

 

cn24



Segui CNN su Twitter
Links Correlati
· USCatanzaro.net
· Altre notizie Catanzaro Night News
· News by Redazione


Articolo più letto relativo a Catanzaro Night News:
Abramo-Cosentino: in serata il primo incontro


Gradimento articolo
Punteggio: 0
Voti: 0

Vota per questo articolo:

Scarso
Sufficiente
Buono
Ottimo
Eccellente



Opzioni

Pagina stampabile  Pagina stampabile

Invia questo Articolo ad un Amico  Invia questo Articolo ad un Amico

"Login" | Login/Crea Account | 0 commenti
Limite
I commenti sono di proprietà dell'inserzionista. Noi non siamo responsabili per il loro contenuto.

Commenti NON Abilitati per gli Anonimi, registrati

Powered by ECSnet - Designed by IDEAWEB

www.uscatanzaro.net il media di distribuzione del periodico telematico "Sanguinis Effusione"
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma, Sezione per la Stampa e l'Informazione con numero 49/2003
Direttore Responsabile Francesco Ceniti.
L'Editore della Testata l'Associazione "Il Catanzaro nel Cuore - Sanguinis Effusione", con sede in Roma.
Il Presidente dell'Associazione Gennaro Maria Amoruso.
"Sanguinis Effusione" ha periodicit plurisettimanale ed ha carattere sociale, culturale, di costume e sportivo.
Informiamo gli utenti che tutti i Forum di questo sito, sono liberi, e data la mole di post inseriti, non possibile verificarne sempre i contenuti.
L'uso costruttivo degli stessi a carico del buon senso degli utilizzatori.

Visualizza la Policy sulla Privacy | Visualizza la Policy sui Cookie


Web site engine's code is Copyright © 2002 by PHP-Nuke. All Rights Reserved. PHP-Nuke is Free Software released under the GNU/GPL license.
Generazione pagina: 0.152 Secondi