La Striscia

Ognissanti di lavoro per la squadra giallorossa

Dionigi ha provato le soluzioni tattiche per preparare la sfida al Francavilla. Sul recupero infortunati si andrà cauti per non rischiare in vista del turno infrasettimanale con il Monopoli e poi Catania
 
allema

Una leggera pioggerellina ha accompagnato il lungo allenamento mattutino, che la squadra giallorossa ha svolto al Poligiovino.

Ads336x280

Sotto gli occhi di Davide Dionigi e con la nutrita presenza di dirigenti e soci della compagine giallorossa, nonché di Doronzo e Maglione, la squadra ha lavorato soprattutto sulla tecnica e la tattica.
Prima è toccato al preparatore atletico Raione lavorare con esercizi di riscaldamento muscolare gli atleti all’allenamento.
Il Prof. Scarfone ha lavorato invece con Maita, Icardi, Falcone e Spighi, mentre Raione si è poi dedicato a due giovani della Beretti.

Van Ransbeeck, nell’attesa della risonanza per verificare lo stato della calcificazione del perone fratturato, ha eseguito lavori in palestra per riprendere il tono muscolare.
A proposito di esami, notizie positive arrivano per Cunzi, il quale dalla prossima settimana potrebbe allenarsi di nuovo con il gruppo. Gli esami a cui è stato sottoposto hanno dato fortunatamente esito negativo.
Per quanto attiene Falcone e Spighi, è probabile che si valuti il fatto di non forzare il recupero, giacché i giallorossi dopo la trasferta di Brindisi, affronteranno martedì in casa il Monopoli.
Tornando alla fase tecnica, il mister modenese si è soffermato molto negli esercizi di natura tecnica eseguiti con una serie di partitelle a tema e a campo ridotto.
La formazione che affronterà la Virtus Francavilla è da decidere perché molto è condizionato dallo stato di salute dei calciatori. Sirri se impiegato dal primo minuto potrebbe ritrovare il posto da titolare. In tal caso sarebbe concesso un turno di riposo a Riggio.

Nel mezzo con gli uomini quasi contati si potrebbe rivedere il centrocampo che ha affrontato l’Andria. Permangono i dubbi sulla composizione dell’attacco e su chi affiancherà Infantino (è stato recuperato anche Anastasi). Molto dipenderà da quello che si deciderà per Letizia.

L’attaccante di Scampia, oggi si è allenato, senza forzare regolarmente con il gruppo. Se l’ex foggiano dovesse giocare, ci sarà da decidere chi sarà schierato fra Kanis, Puntoriere sull’altra ala, oppure se si opterà di nuovo per Onescu con libertà di agire su tutto il fronte. Un’altra soluzione è di sistemare Onescu sulla linea di centrocampo a discapito di Marin il tridente d’attacco che vedrebbe Puntoriere, Kanis e Infantino se Letizia non dovesse essere apposto.
A inizio della scorsa settimana avevamo immortalato in foto una nuova figura che era sul campo del Poligiovino. Oggi su un sito di Matera è uscita la notizia che, Antonio Le Pera, che ha già lavorato con Dionigi proprio nella “Città dei Sassi” fornirà delle consulenze per supportare lo staff tecnico e si occuperà di posturologia degli atleti.

In pratica il compito affidato è di valutare le migliori soluzioni per ottimizzare la condizione fisica dei calciatori, specie dopo un infortunio.
La partita con il Monopoli è ormai ufficiale che si disputerà martedì alle 16:30. Il Monopoli non ha accettato il cambio orario.
Un altro problema che ci sarà d’affrontare è quello che si riferisce alla sfida dell’11 novembre che vede il Catanzaro giocare al Massimino di Catania.
Infatti, per quella data l’Italrugby proprio nell’impianto della città etnea si disputerà il match fra Italia e Fiji. Naturalmente è impossibile giocare il venerdì perché occorre preparare lo stadio per un evento internazionale.

Forse si potrebbe giocare domenica, ma la logica domanda è se qualcuno si è chiesto come sarà il terreno di gioco dopo una partita di rugby, specie in caso di pioggia.

Salvatore Ferragina

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

catania

 

A proposito dell’autore

Salvatore Ferragina

13 Commenti

  • Sempre meno a scrivere, stiamo tornando al livello di attenzione dello scorso anno, speriamo che i risultati riaccendano la passione, anche se i veri tifosi dovrebbero essere sempre presenti. FORZA AQUILE!!!!!

  • Quando han preso lo strategist giapponese non capivo. L’Italia ha una tradizione calcistica eccellente e Catanzaro in passato ne ha dato ampia prova. Poi dopo aver sentir parlare manitu e otto47 di difesa ad uomo ho capito il degrado di cultura sportiva che sta attanagliando la citta’ di catanzaro

  • Prima di catania ci sono altre 2 partite da giocare come sempre, ,,,pensare gia e farsi il problema che il terreno di gioca si riduca malissimo mi sembra tanto da superiore e primi della classe, ,,1 e’ presto pensare a "tale problema" , 2 sinceramente un terreno pessimo dovrebbe favorire di solito la squadra meno quotata e meno tecnica, ,,per cui speriamo lo distruggano, ,,e 3 percortesia basta guardare la foto dove ci alleniamo, ,,e’ un terreno inguardabile, ,,,che non si riesca a tenere un campo di allenamento degno di tale nome mi fa incazare, ,,,,,FORZA IL CATANZARO PENSIAMO A SABATO :-):-):-):-):-):-)

  • comunque siamo sempre di meno a scrivere perchè ci vuole un po’ di voglia di confrontarsi nelle idee e nei pensieri con piu serenita’ e meno accanimento, uniti si vince in tutto. Forza Aquile sempre

Lascia un commento