Il Punto

Poker Frosinone e Avellino. Crolla il Latina e si affaccia il Perugia

Bene Paganese e Nocerina. Andria non va oltre il pari nel derby con il Barletta

Giornata veramente amara per il Catanzaro. Evidentemente il Lazio non porta bene ai giallorossi. Dopo Latina, ecco che gli undici di mister Cozza siarrendono anche ai Ciociari del Frosinone che passa con un netto 4-0 al “Matusa”.

Qualche assenza nei padroni di casa che lasciava ben sperare a inizio gara. Avvio comunque positivo delCatanzaro che fino al 29’ non disputa una cattiva gara. Alla mezz’ora appunto, Santoruvo cade in area dirigore. Massima punizione e rosso per il difensore Conti. Carrus trasforma il penalty e porta in vantaggioi canarini. Dopo appena due minuti il colpo del ko di Santoruvo che di fatto chiude la partita. Curriale sullo scadere del primo tempo sigilla il match, e infine Frara cala il poker al 52. Battuta d’arresto del Catanzaro dunque, che può starci in una trasferta impegnativa come quella di Frosinone. Fermo così a 32 punti ma sempre con 3 squadre alle spalle, e salvezza certamente sempre possibile considerando che mancano 6 partite al termine della stagione. Frosinone che sale a 38 punti e riagguanta la zona playoff a discapito del Benevento. Sanniti che dopo giornate estremamente positive che hanno portato la squadra ad una buonissima rimontain classifica, non vanno oltre l’1-1 sul non proibitivo campo del Prato. Il solito Marotta (acquisto estremamente azzeccato) porta in vantaggio gli ospiti al 15. La gioia dura solo 7minuti, quando Essabr pareggia i conti per i Lanieri e fissa il punteggio sul definitivo 1-1. Trentasette punti per il Benevento che resta comunque agganciato in piena corsa playoff.

Un solo passettino per il Prato che va a 31 in zona ancora pericolosa. Vola l’Avellino. A farne le spese questa volta nel derby campano è il povero Sorrento, che si arrende ad unsecco 1-4 fra le mura amiche. Irpini che sbloccano subito grazie ad un rigore (l’undicesimo realizzato in questa stagione senza contaregli errori dagli 11 metri) di Castaldo al 6. Al 19 poi raddoppia Biancolino. L’euforia del doppio vantaggio, causa una disattenzione che l’Avellino paga, e il Sorrento ne approfitta, più precisamente Bernardo che al 23′ riapre il match. Nonostante numerose occasioni la partita rimane in bilico fino al 54, quando De Angelis trasforma (questa volta) il dodicesimo rigore stagionale per i lupi. Il Sorrento subisce il colpo e non ne ha più, ed al minuto 68 Zigoni chiude il match calando il poker. Come al solito Avellino convincente che costruisce un volume di palle gol impressionanti, la prova dell’altissima media di rigori a favore confermaquesto dato di fatto, e forse, i biancoverdi sono la squadra più quadrata della categoria.Sorrento sempre a 16 punti con salvezza diretta oramai quasi anche aritmeticamente impossibile in unastagione difficile. Volano invece a 48 punti, solitari in vetta, i lupi. Questa volta non dovendo attendere più il famoso recupero di Paganese-Latina viste le 4 lunghezze di vantaggio sul Latina.

Pontini che si arrendono al “Curi”, dove il Perugia passa e vola nelle zone altissime della classifica.Grifoni avanti con una vera e propria perla del fuoriclasse Politano (sprecato per la Lega Pro).

Latina che ci prova a riagguantare la gara e crea non pochi pensieri ad uno strepitoso Koprivec autore dialmeno un paio di interventi importantissimi che hanno salvato il risultato. A 10 minuti dal termine, Nicco sigilla il 2-0 per i padroni di casa.Nel finale Jefferson di testa realizza il 2-1 che riaccende le speranze nerazzurre. Nei sei minuti di recuperosofferenza per i padroni di casa e timore di perdere tre punti fino a quel momento ormai certi, ma il Latina non riesce a pareggiare e si arrende così agli Umbri.

Quarantaquattro punti in attesa di recuperare la gara per il Latina, 43′ per il Perugia, che rimane al quarto posto, ma intravede ora i primi due gradini della classifica. Cede ancora di schianto il Pisa. Questa volta passa la Nocerina. Toscani che si arrendono ad unnetto 3-0. Molossi in vantaggio con Corapi al 40′ che trova gioia dopo nonpochi pensieri dovuti agli ormai noti problemi relativi alla vergogna di contrattopoli. Nella ripresa Garufo al 58′ raddoppia per i rossoneri, ed il solito bomber Evacuo chiude i conti al 74′. Campani a 43 punti, saldamente in zona playoff dopo un avvio di stagione altalenante e difficile. Pisa alcontrario, fermo a 34 costretto d’ora in poi a guardarsi anche dietro (forte della serie altamente negativadelle ultime uscite) dopo aver disputato tre quarti di stagione nelle zone altissime della classifica. Pareggio scoppiettante tra Viareggio e Gubbio e punto, che forse non accontenta nessuna delle due, ma disicuro fa bene al Catanzaro.

Giovinco porta in vantaggio i padroni di casa trasformando un penalty dopo appena 2 minuti. Umbri chepareggiano (in tutti i sensi, penalty compresi) al 38′ con Galabinov dagli 11 metri appunto. Nella ripresa ospiti che compiono la rimonta con Cocuzza al 74′, ma si vedono beffati a 2 minuti dal termine da Benedetti che fa il definitivo 2-2.

Trentadue punti per il Gubbio, solo 30 per i bianconeri che pagano forse l’età troppo verde, e nonostantecontinuino ad esprimere un discreto calcio, non riescono a capitalizzare per quanto dovrebbero. Viareggio raggiunto a 30 dalla Paganese che passa allo stadio “Dei Marmi” contro la cenerentola Carrarese, che dopo il periodo di ripresa dei 5 risultati utili consecutivi culminato col pareggio proprio contro ilCatanzaro, ha ripreso a collezionare solo sconfitte. Ciarcià al 35′ e Girardi al 49′ stordiscono i gialloblù e mettono in cassaforte il risultato. Il solito Makinwa ad un quarto d’ora dalla fine tenta di riaprire il match, ma è tutto inutile per una Carrarese povera di giocoe di idee. Solo 13 punti in classifica e ultimo posto sempre più consolidato e retrocessione di fatto giàannunciata. Pareggio ad occhiali nel sentitissimo derby fra Andria BAT e Barletta. Padroni di casa che vanno a 25 punti, stabilizzandosi praticamente in zona playout (difficilissimi da evitare a questo punto), e ospiti che salgono a16, tentando un passettino per volta di staccare la Carrarese e giocarsi la salvezza nell’extra season.

Vito Tortorella

A proposito dell’autore

Redazione

Redazione

Dal 2002 il portale più letto e amato dai tifosi giallorossi del Catanzaro

Lascia un commento