Avversario di turno

Sicula Leonzio, la salvezza come primo obiettivo

Luca Pagano
Scritto da Luca Pagano
La Sicula Leonzio ospita il Catanzaro per il recupero della 6^ giornata. I siciliani sono alla ricerca di continuità dopo il pareggio contro il Cosenza
 
rigoli sicula leonzio

Dopo la sconfitta di Siracusa, il Catanzaro torna di nuovo in campo sempre in Sicilia ma questa volta contro la Sicula Leonzio. 

Le due squadre devono infatti recuperare la 6^ giornata, non disputata per l’indisponibilità del campo dei padroni di casa.

Ads336x280

La Sicula Leonzio attualmente si trova al 14esimo posto con 15 punti in classifica frutto di 3 vittorie, 6 pareggi e 5 sconfitte con 13 gol fatti e 16 subiti.

Le due squadre non si incontrano dal 1993, e nei precedenti in Sicilia, i padroni di casa sono in vantaggio con 2 vittorie contro 1 sola per il Catanzaro.

La compagine di Lentini è tornata quest’anno tra i professionisti e l’obiettivo primario è naturalmente la salvezza. La squadra di casa però finora è stata molto altalenante non riuscendo ancora a trovare una perfetta quadratura, alternando ottime prestazioni a partite incolore.

I bianconeri hanno comunque una rosa che ha le potenzialità per centrare la salvezza, l’età media è di 24.6 e in estate si è cercato di bilanciare i calciatori più esperti insieme ai più giovani.

Il mister è Pino Rigoli, grande conoscitore del calcio siciliano e finora la squadra è stata sempre impostata sul 3-5-2.

Tra gli elementi più interessanti troviamo sicuramente l’esperto portiere Narciso, calciatore navigato per la serie che può sicuramente essere molto utile per la sua esperienza.

Nel reparto arretrato il perno è Antonio Aquilanti, esperto della categoria e arrivato in estate dalla Feralpi Salò. In carriera ha disputato 217 gare in Serie B e 135 in Serie C, è un difensore molto roccioso ma dotato anche di discreta corsa e di un ottimo senso della posizione.

squillaceNel reparto centrale gli uomini che finora hanno tenuto un maggior rendimento sono Tommaso Squillace, ex giallorosso di cui conosciamo perfettamente pregi e difetti e il centrale Marano, mente della squadra, con più di 80 partite disputate in Serie C.

La punta di diamante è invece Mauro Bollino, capocannoniere della squadra con 4 reti segnate, cresciuto nelle giovanili del Palermo nonostante la sua giovane età ha già 80 presenze in Serie C.

Come detto, Rigoli per la sfida contro il Catanzaro schiererà la squadra con il collaudato 3-5-2.

Ads336x280

Tra i pali troveremo Narciso.

La difesa a 3 sarà formata da Camilleri, Aquilanti e Gianola.

A centrocampo sull’out di sinistra ci sarà Squillace mentre a destra spazio a De Rossi, i tre centrali saranno Marano, Davì e Gammone.

In attacco, invece, spazio alla coppia Bollino-Tavares.

Per la sfida odierna non l’avversario non va assolutamente sottovalutato. La squadra bianconera ha delle interessanti individualità e anche un mister esperto per la categoria.

Il Catanzaro dovrà cercare di mettere in campo l’ottima verve delle ultime uscite, cercando però di capitalizzare al meglio le occasioni per non incappare in altri stop come quelli di Siracusa.

Probabile Formazione 3-5-2: Narciso; Camilleri, Aquilanti, Gianola; Squillace, Marano, Davì, Gammone, De Rossi; Bollino, Tavares. All. Rigoli

 

Luca Pagano

A proposito dell’autore

Luca Pagano

Luca Pagano

Lascia un commento