La Striscia

Un Catanzaro top secret contro il Monopoli degli ex

Dopo la sconfitta in terra pugliese la squadra si è allenata a porte chiuse. Tutti convocati e per Dionigi niente conferenza stampa
 
 

È davvero difficile questa volta per chi come noi deve svolgere la funzione di informare sulle vicende del Catanzaro, scrivere qualcosa sui giallorossi.

Ads336x280

Infatti, ciò che ci apprestiamo a esporre è solo frutto di ipotesi e nulla di certo, giacché la squadra rientrata da Brindisi, ha svolto le sedute a porte chiuse. Tutti convocati, ma chiaramente sappiamo già che non tutti sono arruolabili. 

Inoltre, mister Dionigi non ha tenuto la consueta conferenza stampa che di solito precede le partite.

Con il Monopoli l’unica certezza è che si giocherà domani alle ore 16:30 al Nicola Ceravolo e la sfida è valida per la XIII giornata d’andata del torneo di serie C, girone meridionale.

Come dicevamo sopra, siamo rimasti fermi al triplice fischio del Signor Pascuzzi di Agrigento, che ha decretato la quinta sconfitta del torneo, arrivata in modo deludente per la prestazione complessiva della squadra, che ha lasciato l’amaro in bocca.

Una compagine che dopo il sorprendente e meritato pareggio di Trapani sembrava potesse svoltare, e invece è ricaduta in prestazioni incolore che stanno facendo preoccupare non poco i sostenitori giallorossi. Compreso quel centinaio che aveva seguito con il solito entusiasmo la squadra in Puglia.

Con il beneficio del dubbio, potrebbero rientrare fra i titolari Di Nunzio, Spighi e Falcone, per il resto vi rinviamo a domani quando le squadre scenderanno in campo per il riscaldamento.

Sul fronte opposto, sono ventidue i convocati da mister Tangorra. Quattro gli ex giallorossi che ora militano nel Monopoli; il jolly di destra Longo, i difensori BacchettiRicci e l’attaccante  Manuel Sarao.

Salvatore Ferragina

 

A proposito dell’autore

Salvatore Ferragina

6 Commenti

  • Ci eravamo illusi, mi ero illuso, che i Giallorossi avessero trovato la quadra vedendo il secondo tempo con il Trapani. Non solo per i tre gol segnati, che già è un evento ormai da molto tempo rarissimo, ma per il gioco. Semplice, tutto in verticale, con scambi RAPIDI, senza fronzoli e attaccare la profondità con più di un elemento. Purtroppo è stato solo un flash che si è spento subito. Speriamo che si riaccenda oggi, anche se contro la miglior difesa del torneo sarà dura, ma "mai dire mai". Forza GIALLOROSSI sempre.

  • Esatto corner. ..MAI DIRE MAI …si può vincere e perdere con chiunque. ..difronte abbiamo un avversario come trapani che non c’è bisogno di motivazioni. ..sono fiducioso. ..ma perché alle 16/30 ???? Che palle non riuscirò a vederla. ..che amarezza

  • Comunque c’è da dire che con il Trapani abbiamo potuto giocare in quel modo, perchè è stata fino ad ora (forse a parte il Lecce) l’unica squadra che non si chiudeva in difesa come fanno tutte le squadre italiane, quindi abbiamo potuto usufruire e sfruttare gli innumerevoli spazi venuti a crearsi addirittura già dal primo tempo!!!<br />
    L’unica cosa che ci manca e che rivorrei vedere di quella partita è l’aggressività senza sosta…saluti

    • Questo è vero, però in altre occasioni passate avremmo avuto la possibilità di andare in contropiede, con più elementi (e non uno solo) e non siamo riusciti a fare un caxxo. Speriamo che la situazione cambi e che il Monopoli attacca e noi lo freghiamo in contropiede.

  • Con il Trapani tutti i 6 gol sono stati segnati nella stessa porta e ciò la dice lunga su quanto il vento di quella sera abbia avvantaggiato a turno le due squadre…….io appunto non la vedrei come una grande impresa e, perdonatemi, rimango dell’idea che i nostri atleti abbiano una preparazione, non solo quest’anno, scadente e pertanto poco adatta alla categoria, dove la tecnica da sempre scarseggia e si sopperisce con ritmi elevati in cui corsa, forza, resistenza e velocità sono gli ingredienti principali e che assolutamente latitano nella nostra compagine.<br />
    Non a caso i continui e numerosi infortuni che si verificano ne sono la dimostrazione.

Lascia un commento