La Striscia

Venerdì calerà il sipario sulla stagione del Catanzaro

Redazione
Scritto da Redazione
Marin, Gambaretti e Falcone hanno già salutato i compagni. Ancora nessuna novità di mercato ma la sensazione è che si vada verso una rivoluzione. Quasi certo il ritorno alla storica denominazione US Catanzaro
 

Quattro giovani della Berretti e i calciatori rimasti che non accusano problemi fisici, sono quelli che agli ordini di Pancaro e del suo vice, stanno svolgendo l’ultima settimana di lavoro che si sta concentrando su partitelle di calcio-tennis e sfide di divertimento a campo ridotto.

Ads336x280

Oggi pomeriggio e venerdì al mattino al Poligiovino si svolgeranno le ultime “fatiche”, poi calerà il sipario sulla stagione del Catanzaro 2017/2018 terminata con il pari a occhiali al “Torre” di Pagani.

Già da martedì con un permesso accordato dalla società, Marin e Gambaretti hanno salutato compagni, staff tecnico e dirigenti. Ieri è toccato a Falcone.

I primi due torneranno alle rispettive società di appartenenza, Sassuolo per il giovane centrocampista rumeno, vera sorpresa in positivo del Catanzaro di questa stagione e Cremonese per il difensore.

È evidente che ancora sia presto per parlare di mercato e della loro situazione. Ad esempio, con i due suddetti calciatori ci sarà da discutere con le rispettive società titolari del cartellino, per capire se potranno fare parte della rosa futura targata Pancaro-Logiudice.

Lo steso discorso vale per l’attaccante, il quale tornerà in città alla fine del mese e forse solo allora si potrà capire se il suo destino (il calciatore è libero da vincoli contrattuali) sarà ancora in giallorosso, vista la stima che ha Pancaro dell’esterno offensivo.

Il ds in questi giorni sta muovendo i primi passi per costruire il Catanzaro edizione 2018-2019. La sensazione è che tutti gli elementi, compresi quelli legati dal contratto per il prossimo anno, possano essere messi in discussione se dovessero arrivare richieste o opportunità migliori per gli atleti.

In ottica mercato (che potrebbe essere anticipato e chiudere a metà agosto) è difficile ancora sbilanciarsi, perché non è chiaro se sarà confermata la regola degli under e degli over in vigore la scorsa stagione.

A prescindere da questo, rimangono accesi i riflettori su quello che dovrà essere il nuovo volto del Catanzaro, fermo restando che con ii play-off e play-out in corso, è davvero difficile ipotizzare nomi senza avere certezze fondate.

Ci sarà da rifare una difesa intera perché ad oggi l’unico difensore legato da contratto è De Giorgi, in quanto Zanini difficilmente giocherà da terzino nel 4-3-3 che ha in mente Pancaro.

Anche Nordi ha ancora un anno di contratto e per l’estremo difensore vale quanto detto precedentemente. Il capitano ha richieste e non è escluso che possa accasarsi altrove.

Ads336x280

Un ritorno fra i pali di Pisseri (anche lui impegnato con i play-off e conosciuto da Pancaro) potrebbe essere un’ipotesi. Decisamente improbabile l’arrivo di Guarna, estremo difensore del Foggia, in questi giorni fermato da un trauma distorsivo al ginocchio destro. 

In attesa della regola ssulla composizione delle rose nella prossima stagione (under-over), c’è da considerare che saranno innanzi tutto valutati e presi in considerazione quelli che hanno già giocato nel torneo appena terminato.

Si dovrà parlare quindi con le rispettive società di appartenenza per un’eventuale riconferma sui Tre Colli. L’obiettivo è di variare la formula del prestito secco.

La visita di Pasquale Lo Giudice in un torneo giovanile svoltosi nei Balcani a inizio mese di maggio, potrebbe portare in dote a mister Pancaro qualche giovane interessante da inserire nella rosa del futuro Catanzaro.

Per quanto riguarda la parte organizzativa, si sta ragionando sulla sede del ritiro che quasi certamente sarà in Umbria.

Il tempo a disposizione che questa volta abbonda, consentirà di lavorare anche sul marketing. Si sta ragionando e scegliendo il nuovo sponsor tecnico e le nuove maglie dei giallorossi (in pole per la prima casacca c’è il rosso stile anni 80 dell’Ennerre). Errea e Givova sono due marchi presi in considerazione.

Un’altra operazione in essere riguarda il ritorno della storica denominazione US Catanzaro che entro fine giugno potrebbe essere ratificata.

Stamattina nella sala congressi del Centro Federale FIGC di Sala, chiuderà i battenti il progetto “Il Catanzaro sale in cattedra”.

Durante l’anno il corso dell’anno sono stati coinvolti tanti ragazzini delle quinte classi delle scuole primarie e delle prime classi delle scuole secondarie di primo grado. Alla cerimonia di chiusura parteciperà un nutrito gruppo di calciatori del Catanzaro.

Red

A proposito dell’autore

Redazione

Redazione

Dal 2002 il portale più letto e amato dai tifosi giallorossi del Catanzaro

27 Commenti

  • Per me le maglie di quest’anno erano le migliori mai viste prima!…andrebbe spostato solo lo sponsor Guglielmo non mettendolo a cavallo delle 2 fasce colorate

  • Se torna la vecchia denominazione ritorniamo anche ai colori vintage che tanta gloria ci hanno portato.forza presidente che questo campionato non ci sta trippa per gatti.i sbundamu unu a vota.

  • Con le maglie di quest’anno sembravamo una squadra di rugby…no no, la nostra casacca deve essere tutta rossa…(le furie rosse)…!!!

  • Terrei maita, Zanini, gambaretti, spighi, forse il belga, forse Letizia, forse de giorgi, sabato come riserva, sirri non ho capito perché lo abbiamo escluso e pochi altri

    • No Maita e bravo …ma forse e meglio che cambi aria <br />
      ha dimostrato di essere poco produttivo a centrocampo lo dimostra i pochi gol fatti dagli attaccanti …<br />
      e da tenere De giorgi ,Zanini ,Sabato,Spighi,forse Nordi se non vuole andare via…secondo me e da rifare tutta la difesa sicuramente…qualche attaccante e un centrocampista forte veramente , quello che ti fa l’ultimo passaggio x intenderci.

  • Ho letto che si vuole rescindere con sirri, perché non è stato fatto a gennaio? Si sarebbero risparmiati soldi. Cunzi è uno che si impegna ed aveva iniziato benissimo, però è vecchio, sabato ha dimostrato una grande professionalità, lo terrei come panchinaro.<br />
    Marcantognini mi sembra bravo ma è un po’ basso

  • PENSO CHE LE PIU’ BELLE SIANO QUELLE A STRISCIE VERTICALI GIALLOROSSE,DI QUANDO SIAMO STATI PROMOSSI IN A PER LA PRIMA VOLTA NEL ’70.COMUNQUE L’IMPORTANTE E CHE ALLESTISCANO UNA BUONA SQUADRA A COMINCIARE DALLA DIFESA.IL CERAVOLO NON DEVE PIU’ ESSERE TERRA DI CONQUISTA PER NESSUNO !

  • da tuttomercatoweb…….Secondo La Gazzetta dello Sport non sarebbe così certa la permanenza di Giuseppe Pancaro sulla panchina del Catanzaro. La rivoluzione annunciata nel parco giocatori potrebbe comportare anche un cambio di guida tecnica. Stando a quanto riporta il quotidiano rosa l’obiettivo principale della dirigenza giallorossa è Gaetano Auteri. In alternativa piace anche il profilo di Aimo Diana….incrociamo le dita se fosse vero…

  • È giunto il momento dei saluti…volevo ringraziare tutte le persone che in questi anni trascorsi a catanzaro mi hanno voluto bene e mi hanno sostenuto sempre…con questa maglia ho esordito nel calcio professionistico,PRIMA partita in C1,PRIMA partita in B ,ho vinto il PRIMO campionato…emozioni che non dimenticheró mai…spero che il CATANZARO torni nei campionati che merita è stato un piacere e un onore indossare questa maglia,grazie di tutto EVAN CUNZI &#128155;&#10084;&#65039;

  • Auteri ci porterebbe in B. Pancaro mi è sembrato un maestro del non gioco. Van Rasbeek deve restare e speriamo ci restituiscano Marin. Intanto Icardi ed Imperiale giocano in B…

  • A Pancaro se rimane gli auguro di avere successo ….per lui ma specialmente per i giallorossi,anche se preferisco Autieri un allenatore carismatico di carattere,l’unico che mi a fatto divertire con il suo gioco.

Lascia un commento