Dalla Redazione

Vibonese-Catanzaro 2-1: le pagelle

Il Catanzaro doppia faccia perde malamente contro la Vibonese e vede i play-out. Patti disastroso, Giovinco ingabbiato, Erra confuso. Nel complesso insufficienze per tutti tranne De Lucia
 

12) DE LUCIA: Rientra da titolare dopo il turno di squalifica. Un buon intervento nel primo tempo su tiro di Minarini, qualche uscita sicura e una azzardata. Nella ripresa subisce due gol ma può farci ben poco, perché Sowe colpisce indisturbato. VOTO 6

3) ZANINI: Segna la rete che illude i mille tifosi giallorossi presenti al “Razza”, poi sparisce completamente dalla partita. VOTO 5,5

6) PATTI: Capitano ad Ischia e capitano a Vibo, stesso risultato, stessa espulsione da pura follia. Erra lo schiera nel ruolo di terzino sinistro preferendogli Imperiale che ha sempre fatto bene. La motivazione? Patti ha esperienza e mestiere. Lui lo ripaga con una gomitata che gli costa l’espulsione diretta e toglie ogni residua speranza di conquistare qualcosa a Vibo. VOTO 3

Ads336x280

10) GIOVINCO: Sin dall’inizio gli avversari gli riservano un trattamento particolare. Cerca di muoversi per cercare la giusta soluzione ma senza grandi risultati. Viene sostituito nel corso della ripresa azzerando il tasso di pericolosità dell’attacco. Spesso abbandonato da solo al suo destino tra le grinfie degli arcigni centrali difensivi avversari.VOTO 5,5

11) MANCOSU: È un esterno offensivo e lo dimostra quando, palla al piede, semina gli avversari e conclude a rete da fuori. È costretto a giocare quasi da terzino destro aggiunto perché l’atteggiamento del Catanzaro è questo. Fa quel che può, ovviamente poco,  fino a quando le gambe lo sorreggono.  VOTO 5

14) SARAO: Solita partita gagliarda, tutta cuore e sportellate, ma nessuna conclusione a rete. Serve l’assist a Zanini nell’azione del primo goal, si rende utile anche in difesa ma dal centravanti ci si aspetta altro. VOTO 5,5

15) PRESTIA: Primo tempo perfetto, le prende tutte e gli attaccanti di Campilongo non vedono un pallone. Ripresa di sofferenza, specie quando i centrocampisti giallorossi non fanno più filtro e gli attaccanti rossoblu possono agire dettando il passaggio per la profondità. VOTO 5,5

20) MAITA: Partita di sofferenza, è sovrastato dai centrocampisti avversari che sono numericamente di più e hanno più gamba pur non essendo migliori sul piano della tecnica. Poco aiutato, non fornisce alcun contributo alla causa. VOTO 5

21) SIRRI: Primo tempo identico a Prestia, centralmente non si passa. Ripresa da dimenticare ma per colpe non sue. Ha giocato claudicante e fino a quando il Catanzaro è rimasto compatto nessuno se n’era accorto. VOTO 5,5

23) ESPOSITO: Un terzino che non sa marcare e non sa difendere non può giocare in quel ruolo. Nel primo tempo le incursioni più pericolose della Vibonese sono arrivate tutte dalle sue parti. Venti metri più avanti potrebbe rendere meglio ma si persevera a schierarlo in un ruolo dove gli avversari trovano praterie sulla sua corsia. Da dimenticare un suo cross nell’ultimo minuto di speranza per il Catanzaro. VOTO 5

25) VAN RANSBEECK: Parte bene dimostrando di essere in forma. Regge sul piano fisco il confronto con i centrocampisti avversari, ma nel momento topico della partita sparisce, perché correre e pressare per novanta minuti da solo è umanamente impossibile. Tenta pure qualche conclusione dettata più che altro dalla disperazione. VOTO 5,5

2) PASQUALONI: Entra quando il Catanzaro è in dieci e dalle sue parti Sowe insiste facendogli vedere i sorci verdi. VOTO 5,5

9) GOMEZ: Schierato in avanti lo ricorderemo come al solito perché il pallone gli batte sulle spalle senza che lui ne guardi la direzione. Inutile. S.V.

14) BASRAK: Gli bastano quattro minuti in campo per guadagnare una punizione, saltare due volte l’uomo con palla a terra e far ammonire Moi. S.V.

MISTER ERRA: Deve rinunciare ad Icardi e schiera una formazione accorta con qualche acciaccato. Il Catanzaro è aggredito fin dalle battute iniziali sul piano fisico e della grinta, ma è ben schierato in campo, anche se denota qualche limite difensivo nella zona di Esposito. Passando in vantaggio, la partita potrebbe incanalarsi sui giusti binari, sfruttando le ripartenze che non puoi avere con Sarao o con Mancuso schierato sulla linea dei difensori e con Giovinco abbandonato al suo destino in avanti.

L’approccio in campo della ripresa è drammatico. Squadra che arretra notevolmente il baricentro della linea nevralgica  e avversari che trovano spazi e profondità. Rimasti in dieci, per Erra tutto diventa più difficile. Le sue sono le solite mosse, identiche a quelle di Reggio Calabria e senza alcun apporto positivo come allora. Il mister decide di togliere Giovinco (non sappiamo se per condizione fisica precaria) per tamponare l’uscita anzitempo di Patti, poi punta sulla fisicità riproponendo Gomez insieme a Sarao.

Il risultato è che il Catanzaro non riesce più a fare un’azione degna di nota e non può essere giustificato anche se in inferiorità numerica.

Sarà vero che la squadra è stata costruita male, che è giovane e poco esperta, ma obiettivamente forse è meglio puntare sul piano della tecnica che su quello dell’ esperienza, giacché proprio i cosiddetti “senatori” in questa stagione hanno tradito più volte le attese. L’anno scorso a salvarci fu un certo Agodirin rispolverato per il finale.

È necessario che il tecnico inventi qualcosa e inizi a puntare e dare fiducia per queste partite rimaste su calciatori che magari hanno più fame, poiché fatti ammuffire in panchina. Il tabellino delle prestazioni della squadra in trasferta è disarmante, tanti scontri diretti persi con partite che sembravano impossibili da perdere. Bisognerà intervenire e cambiare registro, anche se a questo punto è troppo tardi. VOTO 5  

Salvatore Ferragina

 

 

A proposito dell’autore

Salvatore Ferragina

24 Commenti

  • Mi piacerebbe sapere come sono andate esattamente le cose al momento dell’espulsione di Patti. Mi pare che il giocatore della Vibonese sia stato anche ammonito. Arrivati a questo punto a Mister Erra non resta altro da fare che giocarsi l’ultima carta che gli è rimasta. Domani tutta la squadra in pellegrinaggio a piedi fino a Porto, andata e ritorno.

  • Escludendo De Lucia incolpevole sui due goal, dissento dall’ottimo Ferragina:insufficienza piena a tutti con nota di demerito per Patti e Bensaja (che riesce a fare danni anche stando in panchina).

  • Volete sapere che c’è?!?! C’è che "suGGNNu ancHHora ‘mVelenatu!!!". La notte non mi ha portato consiglio, nè ha placato il dolore.

  • Pensiamo ai play out, in queste condizioni morali sarà veramente difficile. Non capisco questa corrente alternata, questa situazione non è colpa di Erra però quest’anno mi lascia un pó interdetto. <br />
    Che schifo che schifo che schifo che schifo!!!! <br />
    Continuo a pensarci e dire che sono tra quelli che vi hanno difeso.

    • Purtroppo è così, aquiladelnord…la squadra dovrà concentrarsi fortemente sui play-out. Servirà però una testa molto, ma molto, diversa…..e la Vittoria.

    • L’idea è giusta, essereononessere….Volendo potrei mandarvi i commercianti cinesi che hanno già acquistato i bar della provincia in cui abito. Si fa una bella cordata imprenditoriale e il Catanzaro rifiorirà 😉 AHAH!

  • Tutti in ritiro fino alla fine della stagione!!!!! Società infame e disonesta nei confronti di una tifoseria che merita altri palcoscenici!!! Koglioni andate a zappare

    • A chissi "schiddacioti" mancu i contadini si i pigghieranu….Devono ritirarsi dai campi di calcio perchè non hanno cuore, nè rispetto per il pubblico di casa.

  • Il bandito di DS non lascia? ….INDEGNO Come tutti i cessi che ci ha rifilato. …<br />
    attaccato ai soldi e allapoltrona. …..verme strisciante. ….<br />
    dimenticavo Erra voto o.<br />
    FORZAGIALLOROSSI SEMPRE.

  • Cari fratelli giallorossi, tristissimo è leggere che nemmeno l’umiliazione sportivo/professionale di un DS gli impedisce di dimettersi. Conta solo il denaro. La loro faccia è la nuca….Gente senza dignità, senza rispetto per noi sportivi e tifosi. E’QST LA GENTE CHE MERITA IL DASPO, NON GLI ULTRAS!!!

  • Ma cosa pretendete adesso da questi ragazzi? Volete forse attribuire loro le colpe di una retrocessione annunciata? I voti li dovete dare a quella specie di politici a quella specie di classe imprenditoriale a quella specie di società che insieme sono stati capaci di scrivere una delle pagine più vergognose dello sport calabrese.

  • La Vibinese, a cui vanno i miei complimenti ha un ALLENATORE, noi abbiamo una mezza cartuccia come quelli che lo hanno succeduto, in più continua a mettere in campo un raccoglitore di patate come gomez e dei palleggiatori di carciofi, il primo goal, colpa prima, di maita che non ha passato il pallone e dopo allo stesso modo mancosu (foglia al vento).Con Basrak se gli avessero dato fiducia invece di insistere con i soliti noti, avremmo avuto qualche goal in più e un ragazzo valorizzato. erra è da tanto tempo che dovevi dimetterti non hai saputo trasmettere niente a questi pseudo giocatori che si sentono calciatori del Barcellona. Andate tutti a quel paese.

  • Patti da mandare via da Catanzaro subito, anche lo scorso anno alla fine del campionato ha confezionato un bel regalo alla squadra con due giornate di squalifica per un fallo stupido come quello di adesso.

  • Cosenti’, stammi a sentire amico mio: ora che si va in serie D hai recuperato i soldi che hai speso nei primi due anni. Inoltre e’ una bella rivincita nei confronti di chi ti prese in giro. A questo punto Ti chiedo di mettere il Catanzaro in vendita e di cederlo possibilmente a chi ha capito che nel calcio conta vincere. Non ti biasimo credimi. Al posto tuo avrei già lasciato da tempo le chiavi nel container e sarei andato a funghi o ad asparagi. Ci sono tante piazze in giro anche più blasonate di Catanzaro che hanno bisogno della tua presenza e di quella del ds.

  • La Vibo e la reggina hanno fatto un vero miracolo a gennaio, noi invece abbiamo comprato gomez che a questo punto mi chiedo come abbia fatto a segnare ben 6 gol nel girone di andata, non capisco come mai quando i giocatori arrivano a Catanzaro si imbrocchiscono tranne alcune lodevoli eccezioni come Giovinco e prestia.

Lascia un commento