L'altra partita

Uno a zero. Avanti il prossimo

catanzaro
Redazione
Scritto da Redazione

La prima di campionato raccontata da Tonino, il tifoso giallorosso nascosto in ognuno di noi. Un racconto fra il serio e il faceto, e con l’ausilio di espressioni tipiche della nostra lingua (u jermitu), delle giornate allo stadio quando le Aquile giocano in casa

Care lettrici, cari lettori di Puntonet. Dopo avervi raccontato “La prima al Ceravolo” ccu’ a Cavese, oggi bisogna raccontare la prima di campionato. Per farlo è necessario andare a ritroso. Perché mai come questa volta la prima di questo campionato è sembrata un parto.

Ripescaggi, composizione di gironi e calendari, e ancora para ca on finiu.

Tutto sembra irreale. Per fare gironi e calendari è stata un’impresa, simile a quei travagli, che le nostre mamme con la collaborazione di parenti, ostetriche e ginecologi, compivano negli anni ’60/’70. Il paragone non è azzardato, perché quando oggi senti le giovani coppie e chiedi di quanti kg è nato il bimbo, ti rispondono «du chili e menzu». Per arrivare a tri, hai m’arrotondi per eccesso.

E allora nel momento in cui vai e ti guardi a cartella do spitala e l’epoca, e si non l’hai ca nescisti ala casa cu u vacila a lu cantu, chiedi a li genitori. Loro ti dicono ca pisavi sei kg e ‘ncuna cosa. Allora pensi «Povera mammaredda mia, para ca sgravau nu viteddu». Tutto questo serve pure per fare comprendere ai più giovani, il perché nelle foto d’epoca calzavi a pennello sin da piccolo a maglia (e Bui per i più anziani e de Piccinetti per i più giovanotti) puru si era XL.

Come dicevo sopra, devi guardare a quello che è successo in settimana. I più esperti di internet e social hanno seguito passo dopo passo la vicenda. Io ho avuto la fortuna ca u martedì jivi ma mi fazzu i capiddhi e ho saputo tutto in quella sede.

U varvera meu non è moderno. Esta all’antica. Ava i foto ‘ccu i fimmini nudi, i fotografii da curva ‘ccu u pinu e i genti sutta ‘ccu i baffoni. Mammì, Ceravolo e Palanca mpenduti a la parete e nel locale trasanu genti di ogni specie. Chiaramente tifosi do Catanzaru.

Quando sono usciti i calendari, è entrato uno tecnologico con il cellulare in mano. Eu eru assettatu a lu sciampo e questo a voce alta dice: «Finalmente nesciru i calendari». Unu chi è tifoso ma chi s’avia’ ncrisciutu m’aspetta fra fila ppè i capiddi e attesa de calendari, s’avia scordatu ca si parrava e pallona e do Catanzaru, risponde «E fammilli vidira sti calendari, almenu mi guardu ‘ncuna minna».

L’attesa cresce durante la settimana, ormai si conoscono le partite, i calendari sono pronti anche se monchi. Si sapa l’orario, si sapa u iornu, ma tu incontri sempre quello che ti chiederà «Se, a chi ura iocamu? Quandu iocamu? Cu ‘ccu iocamu?» Anche se lo sanno te lo devono chiedere altrimenti ci para bruttu. Poi, quando gli dici ca iocamu ‘ccu u Potenza due sono le risposte classiche: «C’inda iettamu tri – Nculu, chista è tosta». Chiaramente non mancano i contabili comu si i sordi ci trasanu a iddhi e ti chiedono «Quanti biglietti vindimmi?».

Arriva la domenica. A iornata è classica e appena t’izi ci dici a mugghieritta «Se, oia vi ma mangiamu ‘ppè l’una ca poi c’è a partita». Inutile ricordarvi u menù anche perché, per tanti di Catanzaro, se gli chiedi chi sono Cracco e Bastianich, ti rispondono ca unu è nu portera e l’atru è na punta, e t’aggiungono «Su du boni cessi».

Mentre si sale per arrivare allo stadio si respira l’aria della partita. Si arrivi ‘ccu a machina, basta ma guardi i genti ‘ccu a sciarpa giallorosa iettati ala fermata do purmina ‘ccu u rosario in mano sperando ca passa. Essendo la partita alle 17:30 allo stadio si arriva carichi non solo per l‘adrenalina del match, ma pecchì t’abbuttasti. La domenica è un classico e non c’è gourmet che tenga e tinda accorgi e comu i genti si fannu a ‘nchianata de pomperi o de Via Mario Greco. Arrancanu.

I megghiu su però chiddi chi vannu a li distinti, i quali durante a simana i vidi ‘cchi fannu footing a lu parco. Poi l’incontri prima da ‘nchianata m’arrivi a lu settora fermi che ti dicono con voce asmatica a la Claudio Baglioni «Aspè ca t’haiu e parrara».

A verità è che si preparano mentalmente ma pigghianu a rincorsa ma fannu l’ultima sagghiuta ingegnata de tecnici comunali e de progettisti esperti. Si, chiddi chi ficiaru a palazzina e furu denunciati in Cina ppè plagiu ca copiaru a Pagoda chi ava Gicos e chiddhi parti.

Intra u stadio l’anno scorso mi ricordo ca ‘ccu i led luminosi c’era tanta pubblicità. St’annu ‘nd’esta de menu e de na parta è megghiu. Infatti, mi ricordo ca mentre c’era a partita ti s’aparia u stomaco ca nescia prima a pasta e casa dei Sapori del Vallo, poi a Sarsa da Nunna e i sozizzi San Vincenzo ‘ccu i papati silani a lu cantu. Fra na iestimata e n’esultanza ti s’aparia e novu u stomacu comu si non avivi mangiato e na simana.

Oggi come mazzicogna c’è solo Orocarni, ma passa inosservata ca tanti si pensanu ca esta na gioelleria. Si entra nel settore e vidi i genti cchi ti salutanu, tu puru si non i canusci respundi u stessu. Poi si voi ma ti fai u figu ma para ca si importanta, azi l’occhi e fai ciao a unu da palazzina a casu e al tuo vicino ci dici, «Chiddu è nu pezzu grosso, poi ti cuntu»
In tanti si sistemano al centro m’aspettanu ma vidanu e duva attacca il Catanzaro così poi comincia la migrazione a secondo della scelta del campo..

A lu stuart ‘cchi ti dicia ca hai ma t’assetti a lu postu numeratu ppè legge, e solito si risponda accussì «Compà on ma scorticara ca quando eu ia a lu stadiu tu iocavi ‘ccu i bamboli».
Chi è abituato ma si sta arretu a panchina do Catanzaru, appena completata si minta d’arretu e cumincia ma grida. «Auté, Autéé, Auteriiiiii» poi si gira verso quelli di sopra e ti dicia «Stu merda on si gira, diventau presuntusu». Fortunatamente unu ci spiega, «Vi ca cangiammi panchina» e allora dopo che ti chiede come si chiama l’allenatore loro e n’anima pia gli dice mister Ragno, spariscia. Ma prima ha de completare l’opera così: «Ragnoooooo, baaanculu tu e cu non tu dicia». E qua nessuno si tira arretu, tutti partecipano per ovvi motivi.

Cumincia a partita e dopo cinque minuti c’è chiddu chi cangia posto ca u vicinu è n’esperto e calcio e comincia ma ti spiega moduli, fase di possesso e non possesso.
Tempo di mettere la palla al centro e lanciarla in avanti, ci sarà sempre quello che ti dirà «Però on avimu e iocara all’ammuzzo».

La partita è iniziata. Signamu subba rigora e finirà così il risultato, unu a zero. Durante il corso della partita i commenti sono svariati e ti suchi i frasi classichi: «Ci vo’ u secundu – Ava ma fa ‘ncunu cambiu – U vi duv’è».

Su tutte si può non essere d’accordo, solo su un’espressione tutti sono una pigna e anche se non la senti con le tue orecchie la percepisci perché qualcuno l’ha detta «Mo na pareggianu». Ed è in quel momento che vedi in contemporanea tanti mani scendere verso il basso ventre.

Applausi alla squadra, volti sorridenti, finiu a partita e ci si dirige verso casa soddisfatti. «Se ca u venerdì jamu a Rende» dice uno all’amico. L’atru non ma duna soddisfazioni respunda «E chi cazzu mi scordavi» però aggiunge, «Ppò bigliettu ta vidi tu?»

Forza Giallorossi

Tonino

A proposito dell’autore

Redazione

Redazione

Dal 2002 il portale più letto e amato dai tifosi giallorossi del Catanzaro

11 Commenti

Lascia un commento