Catanzaro News In primo piano La Striscia

Aquile: è cominciata la preparazione alla trasferta di Terni

Allenamento a Giovino incentrato sulla sfida in programma per domenica prossima contro i rossoverdi. Assenti Garufo, Di Piazza e Urso

Rinviata la gara con il Palermo prevista, inizialmente per domenica, il Catanzaro si è proiettato alla prossima settimana. I giallorossi sono attesi da due impegni: la gara suggestiva a Genova contro gli uomini di mister Maran per il turno di Coppa Italia e, soprattutto, la trasferta complicata di Terni.

L’ALLENAMENTO A GIOVINO

I giallorossi si sono ritrovati nel pomeriggio al PoliGiovino per una seduta d’allenamento molto interessante.

Intorno alle 15:40 la rosa – tranne gli assenti Di Piazza (fermo per infortunio), Garufo e Urso – si è disposta al cerchio del centrocampo attorno a mister Calabro. Il tecnico ha catechizzato i suoi con parole motivanti.

Successivamente i portieri hanno lavorato a parte mentre i giocatori di movimenti hanno effettuato una corsetta e degli esercizi fisici sul posto (affondi, saltelli e plank ad esempio). La squadra si è poi divisa in due gruppi. Mentre uno continuava a curare la parte atletica, l’altro lavorava sulla tattica.

In campo erano disposti undici sagome disposte con il 4-2-3-1, il modulo utilizzato dalla Ternana, segno che la squadra, oggi ha cominciato già a preparare la difficile trasferta in Umbria, avendo a disposizione più tempo.

L’esercizio era impostato sull’atteggiamento e marcature in fase di non possesso per poi, una volta recuperata palla, impostare l’azione. Giro veloce della palla, squadra corta e cattiveria sotto porta sono stati i concetti sui quali Calabro ha insistito con particolare veemenza. Il tutto di fronte all’occhio vigile del direttore Cerri.

Il primo gruppo ad esercitarsi sulla tattica è stato composto da: Riccardi, Riggio e Martinelli in difesa; Casoli e Contessa sugli esterni con Altobelli in cabina di regia; Verna e Carlini come interni; Curiale punta insieme al vice di Calabro in assenza di Di Piazza. Il secondo gruppo, invece, era formato da Salines, Fazio e Pinna in difesa; Risolo ed Evan’s sulle fasce con Baldassin, il vice del tecnico e Corapi in mediana (il capitano ha lavorato come interno mancino); Evacuo e Di Massimo in avanti.

La squadra ha poi effettuato una partitella a campi ridotti. Da segnalare che, alla prima azione di gioco, Evacuo è sfuggito abilmente alla marcatura di Riggio ed ha insaccato di testa battendo Branduani.

La speranza è che reti del genere si ripetano durante le partite perché il gol sbagliato dal bomber contro la Casertana deve rimanere un’eccezione. Come ripetuto più volte da Calabro, il Catanzaro deve diventare cattivo sotto porta.

A proposito dell’autore

Ferdinando Capicotto

Ferdinando Capicotto

3 Commenti

Lascia un commento