Brevi

Daspo Catania: il comunicato dei Tipsy

tipsy catanzaro
Redazione
Scritto da Redazione

Un altro gruppo della Curva decimato dai provvedimenti post Catania annuncia scelte complicate per il prosieguo

Riceviamo e pubblichiamo il comunicato del gruppo ultras giallorosso.

Alla luce di quanto accaduto a Catania, con la conseguente cervellotica scelta di colpire il nostro gruppo in ordine sparso da parte della questura etnea, ci sentiamo in dovere di precisare alcune cose. Non crediamo di dover fare premesse per ciò che abbiamo fatto e stiamo facendo seguendo da sempre le sorti dell’Uesse. Siamo tornati attivi negli ultimi anni perché abbiamo voluto intraprendere un percorso di sostegno alla squadra ed alla curva tutta.

Rispettando e condividendo la scelta degli UC73 ci si è posti ormai il problema che perseguire alcune strade è diventato praticamente impossibile. Presenti oggi per onorare chi ha subito un torto. Ma già da tempo meditiamo sul da farsi per via di orari, date, spostamenti illogici che non hanno nessun rispetto verso la parte più viva e colorata del calcio intero. La tifoseria, di ogni ordine e grado, va rispettata e messa a nostro avviso su un gradino più alto.

Nelle dinamiche affaristiche di questo mondo non vediamo molto più spazio verso la componente più importante e, pertanto, come Tipsy non ragioneremo più secondo la logica che tutto ci stia bene in nome di una passione che ci lega fino al midollo.

Noi non saremo le vittime sacrificali, non saremo lo strumento per appendervi una stelletta al petto. Noi non subiremo le disposizioni della questura di turno che ci obbliga ad entrare a partita praticamente finita. Noi non ci saremo, dovendo subire acriticamente, orari, date impossibili, spostamenti all’ultimo giorno, apertura dei biglietti a poche ore dalla partita.

Non ci saremo, perché solo chi come noi si impegna ad essere presenti ovunque sa di cosa parliamo. Sostenere e seguire la propria squadra è diventata un’agonia, un insulto alla passione, un daspo alle emozioni che solo i tifosi, non certo i burocrati, possono comprendere. Continueremo per quanto possibile a dare il nostro apporto, occuperemo sempre la nostra parte di Curva senza colori e/o tifo, essendo consapevoli della gravità della situazione e del fatto che la squadra risentirà del mancato apporto del 12° uomo in campo.

Unità di intenti a sostegno di una fede significa anche questo. Sperando che la farsa venga rimessa nei giusti binari e la CMC e tutti i suoi gruppi organizzati tornino ad essere di nuovo protagonisti.

TIPSY GROUP 1989

A proposito dell’autore

Redazione

Redazione

Dal 2002 il portale più letto e amato dai tifosi giallorossi del Catanzaro

10 Commenti

  • dai su non diciamo cazzate ,,,,bisogna sostenere il catanzaro e onorare i diffidati riempiendo la curva non svuotandola ,,,,,a verona prosciolti i 109 daspo dati a Frosinone ,,,,per cui anche questi secondo me verranno prosciolti ci vorra’ tempo ci vorra’ pazienza ,,,ma nel frattempo bisogna sostenere tutto e tutti ,,,FORZA IL CATANZARO FORZA UC73 E SOPRATTUTTO DIFFIDATI TENETE DURO ,,,

  • Sembra un comunicato di un politico, la curva tutta? ma che termini usate?. Sti articoli publicateli su Catanzaroinforma. Io faccio spesso molte trasferte e quando vedo particolari soggetti sui pullman io non ci salgo. Sappiamo tutti chi ha rotto il vetro e per colpa sua sono state diffidate persone per bene che non c’entrano un cazzo col movimento ultras e vanno a VEDERE la partita. Diffidate a tutto spiano, lo stadio è per le famiglie. Chi viene per fare il violento e non sa nemmeno contro chi giochiamo non lo vogliamo. FORZA CATANZARO E BASTA

  • Perché chi ha rotto il vetro non si autodenuncia e fa prosciogliere gli altri? Tutti dei grandi nel gruppo, poi quando c’è da tirare fuori le palle e fare un gesto da uomini e non da idioti tutti muti. ….. Forza vieni fuori, tutti ti ringrazieremo dopo averti dato del pirla, diciamo un coglione chelp ha i coglioni

    • che risposta del c…o, io non sono un ultras ma qualche trasferta l’ho fatta e riesco a capire chi a “catania” dopo aver fatto il giro della città (e per anni sopportato di tutto) in pullman abbia esultato pesantemente al goal! (tropea ci sei mai stato insieme a stefchenko a CT???). ricordati che questi pirla o coglioni come li definisci tu sono quelli che a ct ci vanno anche ad agosto in 12/13 o di mercoledi in coppa italia a taranto in 13 mentre io e te ascoltiamo la radio e sono anche quelli che se ti circondano la macchina in trasferta magari ti danno una mano e rischiano sulla propria pelle. Tipsy non mollate, UC liberi. forza CMC
      forza aquile

  • Indubbiamente fanno di tutto per farci passare la passione, non si può giocare tutti i giorni della settimana a tutti gli orari, non si può fare entrare i tifosi che hanno fatto centinaia di kilometri a partita ampiamente iniziata, non si può multare un campo solo perché i tifosi hanno la sfrontatezza di dire arbitro cornuto (negli anni 80 nessuno si scandalizzava, anzi ci facevano i film) e potrei andare avanti.
    Però non si può fare mancare l’appoggio al mitico, qualcuno si costituisca per salvare i veri ultrà, FORZA AQUILE!!!

  • Caro Catanzarese73 trasferte ne ho fatte anche io, rispettando le regole per non creare problemi a nessuno. Il pirla non è rivolto a tutti ma a chi, sapendo come poi va a finire (DASPO, generalizzazioni varie.. ) non si contiene e rompe il vetro, poi però non si autodenuncia e fa condannare altri 36 fratelli giallorossi. Vogliamo dire che è bravo e di continuare così ? E chi non c’entra e ha avuto la sfortuna di essere su quel bus e ora ha le domeniche rovinate per un bel po’ di tempo cosa credi che pensi di chi ha rotto il vetro ? So che è difficile perché è comodo scrivere quello che che hai scritto tu, ma penso che dobbiamo anche anche crescere come persone e come tifosi. PoI va da sé che la pena inflitta sia spropositata e fuori logica e mi auguro che il nostro avvocato riesca a farla revocare, ma è comunque un terno all’otto. Sapendo come veniamo trattati non dobbiamo dare pretesti a questa o quella Questura di trovare una qualsiasi scusa per farci dare dei DASPO. Comunque Forza Catanzaro sempre

    • sono d accordo. in lega pro succedono cose strane. un anno a Sorrento fui ripreso in tribuna dallo steward perché seguivo in piedi il riscaldamento, e costretto a sedermi. il presidente noto per solidarieta’ con i suoi ospiti e’ andato in curva a Cosenza. il calcio e’ passione ed i tifosi motori del movimento hanno diritto ad andare allo stadio per tempo. immaginate se ad Ascoli nel2005 ci avessero fatto quanto accaduto a Catania? bisogna avere forza nel farsi rispettare. buona serata

Lascia un commento