Intervistiamo

Ingegnere, vuol ballare?

Redazione
Scritto da Redazione
Cosentino molla e il Catanzaro sprofonda. Si apre il valzer della successione, alla ricerca di un cavaliere a cui nessuno possa dire no

noto e colosimo

C’è un grande cartello affisso sulla porta del Catanzaro calcio. C’è scritto VENDESI.
Proprio così, a caratteri cubitali. L’Uesse è alla ricerca, ancora una volta nella sua storia, di un proprietario. L’epopea di Cosentino è finita, conclusa, terminata, kaputt.
Non sarà lui l’uomo dei progetti vincenti, della serie B, dell’Europa. Anzi. È stato il primo e unico presidente a vincere il campionato, tirandoci fuori dalla vecchia C2. Rischia oggi di diventare il primo e unico presidente a trascinare il Catanzaro in serie D, tra i Dilettanti.

giuseppe cosentino

Pagherà i conti fino a giugno ma è pronto sin da ora a farsi da parte per sempre. Cosentino lo dice da tempo e adesso, quelle parole tante volte pronunciate a caldo dopo una sconfitta, un paio di fischi, uno screzio, una promessa da marinaio dei soldatini locali, sembrano improvvisamente riempirsi di significato.
Una squadra costruita male (per i tempi oltre che per i valori assoluti) e al risparmio è l’ulteriore conferma di una situazione di stallo che giorno dopo giorno rischia di farsi ingestibile.

Ads336x280

Della crisi tecnica ci occupiamo dalle prime avvilenti amichevoli estive. L’assenza di qualità è un fatto, la scarsa efficacia del manico – quel mister D’Urso scelto con le logiche low cost degli ultimi tempi – lo diventerà probabilmente tra qualche settimana. Ma da una crisi di questo tipo si può uscire brillantemente, a patto che ve ne sia la volontà e che non si aspetti troppo a intervenire.

massimo d'ursoÈ invece la crisi societaria ad allarmare. Meglio, la crisi del patron. Non analizzeremo qui le cause della situazione che stiamo vivendo. Cosentino ha mollato, questo è quanto, e pare disinteressato alle conseguenze della sua resa. Ognuno si faccia la propria idea, ne ha tutto il diritto. Noi riteniamo in ogni caso che (ci perdonino i fan dei de Coubertin) Dignità e Dilettanti abbiano in comune soltanto le due lettere iniziali.
Mollando così repentinamente la presa però, Mr. Gicos ha anche lanciato una sfida alla città: «chi può fare meglio di me si faccia avanti». C’è oggi qualcuno in grado di garantire all’Uesse sopravvivenza e un futuro in cui le ambizioni non siano bandite per legge?

A questa domanda non può certo rispondere la politica. Da tempo, uno scandalo dopo l’altro, quella del capoluogo è nuda. E il nostro Stadio Ceravolo con tutte le sue strane vicende è la rappresentazione plastica di quella che oggi è senza dubbio la parte peggiore della città.

joe kamaraE dunque come se ne esce?
In queste ore in molti (singoli tifosi, giornalisti, club, professionisti, accattoni, aspiranti Ad/Dg/Ds) si stanno muovendo per capire quale possa essere la soluzione giusta. È un triste valzer a cui un tempo eravamo abituati e in cui Cosentino ci ha infilato senza che avessimo alcuna voglia di ballare.
Kamara, Massimo Mauro (entrambi interessati, entrambi potenziali straordinari garanti tecnici di un nuovo progetto vincente), imprenditori piccoli e medi della provincia. La sensazione è che non sia un’impresa impossibile rilevare un Catanzaro sano e con costi gestionali decisamente sostenibili. Ma, a meno che non si creda agli emiri o agli orsacchiotti, abbiamo anche idea che senza il placet (e magari l’intervento diretto) di chi in città è più che influente – grazie alla concentrazione di risorse economiche più stupefacente che si sia mai vista nella nostra realtà – non si possa davvero concludere alcuna operazione di successo.

floriano notoLa domanda vera allora è un’altra: Floriano Noto e il suo gruppo saranno vicini all’unico patrimonio collettivo di questa martoriata città? Sì, perché ogni operazione che non includa Noto e il suo gruppo sembra sia irrimediabilmente destinata all’insuccesso. Sfortuna, incapacità, ignoranza grassa, scarsa conoscenza dell’ambiente: e se per una volta ci affidassimo all’unico soggetto a cui nessuno in città direbbe di no?

I puristi del libero mercato non si indignino (a Catanzaro poi…): ovunque e da sempre in caso di necessità ci si rivolge ai più facoltosi, a costo di risultare insistenti.
Il valzer è aperto, in pista già si danza e noi il nostro cavaliere lo abbiamo puntato.
Ingegnere, vuol ballare?

 

 logo twitterLa Redazione

Autore

Redazione

Redazione

Dal 2002 il portale più letto e amato dai tifosi giallorossi del Catanzaro

60 Commenti

  • Si era capito sin dall’inizio che questo presidente non ha nulla a che fare con il mondo del calcio……per questo motivo vuole costruire le squadre sempre in economia……giustamente come la sua mentalità aziendale…….ma con questa mentalità non può pretendere nulla dal popolo giallorosso!!!!…..abbiamo sempre risposto presente quando il dovere ci ha chiamato!!!!!…..e poi anche quando c’erano società alla deriva le squadre non sono state mai così scarse!!!!!!!!….

  • Complimenti ….solo 3 partite e’ gia sentenze ….l anno scorso la maggior parte di voi dopo quei 2 risultati positivi era subito pronta a promuovere d’ urso dicendo che l allenatore l avevamo in casa …adesso subito merda ….ma perché non aspettare dico io ..io sono il primo a dire che e’ un allenatore da settore giovanile …però tutta sta cazza e fretta …..bho. .e poi se ci siamo stancati noi di cosentino immaginate un po lui chw sicuramente tira fuori piu soldi di noi ….adesso e’ il momento che qualcuno si faccia avanti …si certo …….vediamo sono curioso ….dai ingegnere si faccia avanti …il problema non e’ lo stadio però la mentalità e’ quella che rispecchia il nostro campo in altre citta fanno stadi in un anno qui sono sei anni che prendono x il culo e tutta la citta rispecchia il comune ….vidimu chi succeda ..tanto nu cunnu chi si pia u catanzaro u trovamo sempra …..sfrofonderemo nella merda come la citta che lo e’ gia ….almeno ccalcisticamente siamo in un onorevole campionato di lega pro senza debiti nonostante la merda attorno al ceravolo

    • concordo pienamente, per il mister sono più tollerante, non è un allenatore di serie A ma può ben figurare in lega pro, ricordiamoci che tutti gli allenatori a Catanzaro sono stati pesantemente contestati.

  • Dopo tanti anni tirate in ballo ancora l’alimentarista? beh allora scusate ma non avete capito nulla dalla vita, quello, mi riferisco all’alimentarista si sta facendo costruire una tasca supplementare per portarsi dietro i soldi, fra cento anni s’intende.

  • Presidente Cosentino per favore rispondi !!! Dici qualcosa! Esprimi uno slancio d’amore che sicuramente provi. Manifesta uno scatto d’orgoglio! Il popolo giallorosso vuole vedere questo attaccamento, poi si vince e si perde insieme. Resta nel cuore dei tifosi il Presidente del rilancio…!!!

    • E’ uno dei suoi difetti, come comunicazione è veramente scarso, forse anche l’interlocutore (tifoso giallorosso) non è facile e la stampa gli è sempre stata contraria, però in questi frangenti la società ha il dovere di uscire con un comunicato, preferibilmente positivo e di fiducia nella squadra.

  • Ancora a parlare di NOTO, non spenderà mai un centesimo se non è sicuro di incassarne 100.<br />
    Guardate quante attività commerciali stanno chiudendo. I soliti noti hanno ucciso la città e di conseguenza il Catanzaro.<br />
    Meditate quando saremo nuovamente chiamati a votare.

  • Ma scusate….come sempre a CZ si predica bene …ma si razzola male …si parla di 12 uomo in campo , come tifoseria calda , ma domenica c’erano 4 gatti in curva , i veri tifosi si vedono nei momenti difficili …manca la cultura , come in tutta Italia, si capisce che un presidente aldilà dell’inesperienza gli girano un pò le scatole …Cz non è la Juve …forse alcuni tifosi ancora non l’anno capito , a tutti piacerebbe avere la serieA …ma per il momento cari tifosi cosí come siamo messi fare la C1 è già un lusso ….e poi x ultimo fatemolo dire non lecchiamo il culo (Noto) a chi non interessa il bene dei giallorossi , xchè potrebbe risultare un muro di gomma<br />
    Saluti a tutti.

  • Signori miei oramai come ben avevo anticipato Dicembre 2014 il Presidente Cosentino lascera’ la nave (anzi mi meraviglio non sia avvenuto prima)<br />
    Ci ha fatto l ultimo regalo e cioe’ quello dell iscrizione al campionato e con il presupposto di lasciare una societa’ sana e poi dissa "e mo va futtiti vui e l imprenditoria di CZ)<br />
    Ma pensare all Ingegnere che e’ ben NOTO a Catanzaro per il suo essere ACCORTO in questioni che riguardano THE MONEY (se non prima e’ sicuro di intascare il 100% mo nda vidiiiii) e’ davvero roba da fantacalcio societario.<br />
    E’ comu a Reggina Calcio chi ancora aspetta l australiani!!!

  • ieri lo stadio era vuoto. non c’è partecipazione. ricordatevi che, come in tutte le cose della vita, una mano lava l’altra e tutte e due lavano la faccia. Lui ha provato a metterci i suoi soldi e il suo amore, ma allo stadio non va nessuno. che cosa deve fare di più questo? io ho scherzato sugli acquisti di quest’anno, molto scarsi per la verità. Ma dopo lo sforzo che ha fatto lo scorso anno (non ripagato dai tifosi) che cosa vi aspettavate??? qualcuno sa rispondere? Presidente del rilancio? lui ci ha provato ma i tifosi cosa aspettano l’eventuale ultima giornata di campionato per andare a festeggiare la B per riempire lo stadio? Lo dico a tutti i non abbonati e soprattutto a quelli che parlano tanto ma non danno una lira all’US. CHE STIANO ZITTI. sccccccc MUTI

  • Ancora con Noto. MA non l’ho avete capito che<br />
    all’ingegnere del Catanzaro non gliene frega niente. <br />
    Mi rivolgo a tutti i tifosi del Catanzaro è dico teniamoci <br />
    stretto il nome nostro Presidente perché se va via<br />
    Cosentino finisce il calcio a Catanzaro. Se poi il sig. Noto insieme a tutti i maggiori esponenti dell’imprenditoria catanzarese vuole dare un sostanzioso aiuto economico alla società lo può fare affiancando la famiglia Cosentino nella conduzione della squadra. Immaginate una societa formata dalla famiglia Cosentino, Noto, Colosimo, Abramo e altri con Massimo Palanca presidente onorario operativo come Ceravolo ai tempi della Presidenza Albano. A parte tutto quello che piu conta è il Catanzaro, perché gli uomini passano il Catanzaro resta. Ora sempre e comunque FORZA CATANZARO.

      • Cortesemente un’alternativa valida a Cosentino<br />
        me la puoi indicare a me e a tutti i tifosi Giallo Rossi?<br />
        No perché non esiste. A questo punto 2 sono le strade <br />
        da seguire: O si continua con Cosentino aspettando tempi migliori o si chiude perché senza l’attuale società finisce il calcio a Catanzaro . Ognuno è libero di scegliere la strada che vuole io personalmente scelgo la prima strada. Avanti con Cosentino.

          • Quello che dici purtroppo è esatto. Ma è <br />
            proprio in questi momenti che viene fuori<br />
            il vero tifoso, è in questi momenti che più <br />
            vicini alla squadra e alla società. Non vorrei<br />
            che successe come con Pino Albano al<br />
            quale abbiamo fatto la guerra per quasi 20 anni <br />
            e dopo morto ci siamo accorti che età un grande<br />
            Presidente. Una buona giornata e <br />
            FORZA CATANZARO SEMPRE E COMUNQUE.

          • alecatanzaro concordo, il presidente se è stanco (comprensibilmente) potrebbe affidare la squadra alle figlie e lui rimanere presidente onorario.<br />
            FORZA AQUILE!!!!!!!!!

  • Ma possibile che non volete capire che questa squadra non sarebbe buona neanche per la serie D. Cosentino per piacere se sei un uomo di parola lascia subito le chiavi al Sindaco senza pretendere niente.

    • Gabriele ma hai finito di scrivere cazzate?<br />
      Ma che cazzo di tifoso sei? <br />
      Vediamo un pò se ti ricordi questi passaggi :<br />
      1)arriva un presidente che ci toglie dal fallimento,<br />
      2)vince un campionato,<br />
      3)dopo aver provato a a costruire una squadra vincente capisce che il calcio è un letamaio <br />
      4) rifà a Gennaio la squadra per salvarsi.<br />
      5)ricomincia con un progetto di crescita in cui non promette nulla ma proiettato nel raggiungimento nel medio termine di una promozione , con un percorso se vuoi lento ma non dissanguante<br />
      <br />
      Ora siamo alla terza di campionato e ci lamentiamo che non abbiamo gioco, che non siamo di categoria! <br />
      MA ASPETTIAMO UN ATTIMO CAZZO !! Diamo tempo a questi ragazzi ! I CONTI SI FANNO ALLA FINE … in tutte le cose e questo vale anche nel calcio.

  • Per puntone tanto per precisare, il campionato lo ha vinto il PERUGGIA, siamo arrivati secondi, secondi come lo siamo stati l’anno di Provenza e l’anno di Auteri solo che l’anno di Cozza siamo stati fortunati che saliva anche la seconda altrimenti ci sarebbero toccati i Play Off e non so come sarebbe andata a finire.

    • razziti ti sembra un giocatore di serie D?<br />
      Foresta, Taddei, Scuffia, Squillace ecc… non mi sembrano proprio giocatori da D.<br />
      lo stesso Mancuso che sta giocando male è un giocatore di categoria superiore.<br />
      giampà ha giocato anche in serie A<br />
      E potrei continuare

  • Siamo in uno stato di evidente difficoltà tecnica e societaria, occorre ritrovarsi insieme, tifosi, società e istituzioni per fare quadrato e cercare tutti insieme di remare verso la stessa direzione per provare quantomeno a mantenere la squadra in lega Pro.<br />
    I processi facciamoli alla fine, sosteniamo finchè morte non ci separi il CATANZARO…..<br />
    (NON ERA QUESTO CHE SI SOSTENEVA UN DECENNIO FA…… O RICORDO MALE!!!!!)

  • Siamo alle solite! Tutti via Cosentino, però nessuno che si fa avanti. Diamo le chiavi al Sindaco, accussì spariscianu puru chiddi. Vi rendete conto? Dopo Cosentino c’è il nulla! Kamara? Un pagliaccio. Gli altri imprenditori catanzaresi? Senza un tornaconto non si muovono. Lasciamo lavorare questi ragazzi e tiriamo le somme alla fine. Se invece di parlare andassimo tutti allo Stadio, forse sarebbe un’altra storia. Forza giallorossi e forza Presidente (meglio soli che male accompagnati).

  • Voglio fare i complimenti a Tancredi e a tutti quelli che credono in Cosentino e nella società.<br />
    Dopo Cosentino c’è il nulla …. ve ne siete accorti o siete in verità tutti pseudo tifodi reggini e cosentini che venite qui a rompere le palle !!!<br />
    Basta con tutte queste cazzate … riempite lo stadio e vedrete che con il dodicesimo uomo in più si tornerà a vincere.<br />
    Ma cosa pretendete … che un angelo venuto dal cielo vi paghi l’iscrizione al campionato e vi faccia una squadra di serie "A" se nessuno partecipa andando allo stadio?<br />
    Dov’era la curva Capraro? …semivuota!!! Ma fatemi il piacere … siete tutti tifosi sui "generis" … è troppo facile partecipare quando si vince!!<br />
    Se avete i coglioni andate allo stadio e incitate i giallorossi!<br />
    Vi faccio presente che a Carpi …..quando la squadra ancora non vinceva , il Cabassi era gremito da 5/6 mila spettatori e Carpi fa 58000 abitanti. E i tifosi del Modena non si sognano di andarlo a vedere.<br />
    Qui a Catanzaro oltre ai "tifosi" (se esistono ancora) della città , ci sono anche quelli della provincia . Ma dove cazzo sono finiti ????<br />
    VERGOGNATEVI !!! non mi stancherò mai di dirlo. Imparate ad essere più umili ! Il presidente vi da la possibilità di continuare a fare calcio a Catanzaro …. tocca al tifoso catanzarese rispondere con la sua presenza … nel bene e nel male!!<br />
    <br />
    <br />
    <br />

  • E’ una vita che sento accostare Noto al catanzaro.<br />
    E tutte le volte sono fantasie dettate da sconforto e rabbia!<br />
    Bene …. poichè al sig. Noto del Catanzaro non interessa nulla e ne ha tutto il diritto ( ognuno è padrone dei propri averi e non deve rendere conto a nessuno del suo operato! ) … dobbiamo tenere tutti in mente che il Catanzaro ha un solo presidente , il sig. Giuseppe Cosentino che senza che gli venisse chiesto nulla ci ha regalato ancora "calcio".<br />
    E bene che tutti si mettano in testa questo concetto : a Catanzaro il calcio esiste solo grazie al presidente Cosentino.<br />
    Mi meraviglio della redazione di puntonet che anzichè far quadrato con la società e cercare di riunire i tifosi intorno alla squadra per la giusta e comune causa , pubblica questo articolo che sa tanto di "remiamo contro" e aiutiamo il presidente ad uscire di scena il prima possibile.<br />
    Tutto questo lo trovo veramente assurdo!!

  • Gli imprenditori che non hanno perso tutto fino ad oggi (con la crisi passata) lo hanno fatto perche son stati bravi e hanno fatto investimenti non rischiosi.il Catanzaro è un investimento a perdere purtroppo… Già solo dover pagare mille euro per un paio di petardi direi che fa girare le scatole..non vedo perche tanto odio nei confronti di chi non vuole impegnarsi economicamente…voi investireste i vostri soldi sapendo che la probabilità di guadagnarci è bassa?scommettereste 100 euro su Juve Frosinone 0-3?è lo stesso concetto

    • secondo me se allo stadio andassero almeno 5000 persone cosentino sarebbe anche disposto ad investire di più.<br />
      Perché deve sborsare soldi per una squadra che non è seguita e con dei tifosi che lo hanno da sempre contestato?

  • Tutti ci stanno mettendo del proprio per affossare il CZ, le istituzioni hanno le loro colpe ma esistono squadre con stadi pessimi che sono in serie B o anche in A, gli imprenditori hanno latitato ma sono i meno colpevoli perché possono fare dei loro soldi ciò che vogliono e magari non tifano neanche per le aquile, alla stampa piace pescare nel torbido e quindi gli piace questa strana situazione, la società ha sbagliato a non perseguire un obbiettivo di lungo periodo ad agire spesso in modo frettoloso, a non aver curato le relazioni pubbliche e il rapporto con i tifosi, a non aver dato fiducia ad un nucleo di giocatori vendendo i migliori ed infine il tifoso ha spesso criticato esageratamente alla prima difficoltà, ha dato per scontata la società non valutando le alternative, ha disertato in modo scandaloso lo stadio e i migliaia di tifosi fuori calabria non hanno dato il proprio contributo economico comprando materiale dal sito ufficiale del Catanzaro.<br />
    Chi è causa del suo mal pianga se stesso, anche se in modo prematuro perché siamo alla 3^ di campionato e si può rimediare a tutto e forse questa squadra non è neanche così scarsa se consideriamo ogni singolo giocatore a cominciare da razziti, passando per foresta e squillace, perfino Mancuso che non sta facendo niente sulla carta è un’ottimo giocatore di lega pro.

  • Bisogna essere irriconoscenti. Cosentino sta facendo il possibile da alcuni anni senza essere catanzarese. A Noto non importa nulla della città figuriamoci del calcio. In questa città non c’è foglia che non si muova se non passando dal suo centro commerciale, destinato a fallire non appena la gente rinsavirà e ricomincerà a favorire i piccoli commerci quelli che fanno vivere le famiglie e non quelli che le famiglie le disgregano facendole lavorare la notte e la domenica. Dobbiamo a Noto e ai suoi accoliti se Catanzaro non ha un cinema e non ha un parcheggio. Cosentino ha la sola colpa di non essere esperto e di aver provato a fidarsi di qualcuno, Cozza ad esempio ed ora D’Urso conosciuti in qualche modo. Fino ad un mese fa il mister era imbattuto. Ma era solo un caso. La squadra c’è ma bisogna organizzarla bene

  • Ancora dietro a questa gente andate? Questa é gente che gode a farsi leccare il deretano. SVEGLIATEVI!!!!!! QUESTI prenderanno l’ US solo se avranno finanziamenti dalla comunità europea!!!!!!!!! Soldi dalla loro cassaforte <br />
    non non ne sganceranno mai.

Scrivi un commento