Catanzaro News Sala Stampa

Monopoli-Catanzaro 0-1: le dichiarazioni post partita

Le parole dei protagonisti in sala stampa al termine della gara vinta dai giallorossi contro la formazione pugliese

Il Catanzaro si impone a Monopoli grazie ad una rete di Kanoute ottenendo il primo successo esterno della stagione. Di seguito il commento dei protagonisti nella sala stampa del “Veneziani” di Monopoli.

MISTER AUTERI

«Ci sta che alla fine si possa rischiare qualcosa. Abbiamo gestito il recupero non benissimo. C’è stato qualche errore che non andava fatto. Siamo venuti a giocarci la partita ed abbiamo vinto con merito. Non so quanti altri non danno il rigore su Fischnaller. Sul gol annullato ho dubbi. Non so quanti vinceranno qui. Il tempo dirà se è cambiato qualcosa nella mentalità. Abbiamo cominciato un percorso di lavoro. Abbiamo cercato di migliorarci. Le dinamiche di mercato sono particolari. Di certo possiamo fare meglio. Abbiamo fatto una buonissima gara. La loro aggressione era continua.  C’è da lavorare su tutto. Le partite sono equilibrate. Nessuno può pensare di giocare a porta romana. Abbiamo fatto una buona gara. Ognuno deve dare il massimo e tutti dobbiamo essere funzionali al progetto. L’allenatore deve fare le scelte. Certamente il Bari ha un organico molto forte ma vince soffrendo ed è normale. Oggi ad esempio ha vinto al 95’ su calcio di rigore».

MARTINELLI

«Ci sono tanti aspetti sui quali dobbiamo migliorare. Ci sono grossi margini di crescita. La squadra è giovane. Ci sono dei giocatori nuovi che si stanno integrando. Ci prendiamo questi 3 punti importanti e sofferti. Sicuramente dobbiamo essere orgogliosi di giocare per questa società senza pensare alle altre piazze. Non ci sono match scontati. Potevamo ottenere 6 punti in queste due trasferte. Ci prendiamo questi 4 punti».

SCIENZA

«La serie C è una categoria sottostimata ma quando ci lavori ti rendi conto che si tratta di una realtà difficilissima e affascinante. Quest’anno poi è quasi una mini serie B. Ci sono tante città importanti con una storia calcistica di alto profilo alle spalle e poi ci sono realtà come Monopoli che devono fare scelte coraggiose. Il Catanzaro per organizzazione e idee di gioco è la più forte del campionato nonostante ci siano squadre con organici più forti. E poi è allenata da un tecnico che è un mistero come mai sia in C. Sempre bello affrontarlo perché bisogna spremersi le meningi per uscirne fuori. Per quanto riguarda il mio ritorno, sono contento del ritmi che abbiamo impostato questa settimana però miglioreremo. Rispetto a qualche anno fa abbiamo perso molta proprietà di palleggio e la gara di oggi lo testimonia, anche se alla fine non abbiamo concesso moltissimo ad una squadra fortissima. In questo momento non abbiamo grande autostima, caliamo subito, ma devo fare ugualmente i complimenti ai miei giocatori perché sono stati encomiabili per spirito e atteggiamento. Non ce l’abbiamo fatta ma partiamo da buone cose rispetto alla mia prima gara due anni fa che fu veramente ridicola. Probabilmente anche oggi se avessimo avuto più lucidità, soprattutto nei primi minuti, avremmo potuto fare qualcosa di più. Avevo chiesto una partenza forte proprio per compensare alcune mancanze di cui ero a conoscenza. Alla fine il bicchiere è mezzo pieno». 

Dichirazioni raccolte dal nostro inviato Giuseppe Mangialavori

A proposito dell’autore

Ferdinando Capicotto

Ferdinando Capicotto

3 Commenti

Lascia un commento