L'altra partita

Oggi segna “Fischwualler”

catanzaro
Redazione
Scritto da Redazione

Un racconto fra il serio e il faceto, e con l’ausilio di espressioni tipiche della nostra lingua (u jermitu), delle giornate allo stadio quando le Aquile giocano in casa

Questo torneo di serie C, iniziato ormai da un paio di settimane lo si può paragonare alla vita quotidiana. Giochi il venerdì, la domenica, il sabato. Mo ni toccau a Vibonese e martedì.

Mugghierimma si chiama Amalia, è tifosa do Catanzaru comu a mia. Non vi nascondo ca certi voti volera ‘mpilata. Si a Lega ti ‘ncugna partiti e orari, fregandosi di noi tifosi, iddha è a stessa. In più ava l’aggravanta ca puru sparta quando si parra ca vaiu e mi viu a partita do Catanzaru mi sfutta senza colpo ferire. Ma questo genere di sfottò ve lo spiegherò più avanti.
A mia moglie spesso la paragono alla Lega Pro. Non fa i comunicati con giornate e orari assurdi, ma da matina appena apara l’occhi attacca.

Io mi alzo piano piano non ma a disturbu. Non accendo la luce, ma appena mintu u peda subba na scarpa che mio figlio ha lasciato nel soggiorno e rischi ma t’arrumbuli, scatta l’allarma. Para ca l’ava incorporato. «Tonì fa u café, ricordati ma paghi a bolletta, Tonì moticatti ca hai m’accumpagni a figghiutta a la scola, va vida si arrivaru i libri, Tonì vi ca oia iamu da mammima ca ava e ieri chi non vaiu”.

Tu ti alzi con il pensiero ma apri Puntonet ma vidi si a partita cu a Vibonese cangiau l’orariu ed è proprio in quel momento che lei deve infierire cu a lignata mattutina da frase finale «Sempra a lu Catanzaru pensi, ca ti duna cazzi si vinci, tantu a facistuvu a fina». Su quel «A facistuvu a fina» è vero che ti verrebbe voglia ma a scatti sutta i pedi, ma qua torniamo al discorso dello sfottò detto sopra. È giusto spiegare ora il perché, aggiungendo però che tutti i torti on l’ava.

Da sposini abitavamo allo stadio. In pratica bastava ma t’affacci e vidivi l’Ovest e i Distinti senza chiddu aborto e palazzina chi c’è mo’.
La domenica era sacra, non esistevano altri giorni perché si giocava tutti allo stesso giorno, tutti alla stessa ora.
«Con chi giochiamo domenica?» Mi chiedeva all’epoca u lunedì. Perché lei doveva regolarsi. Il motivo è semplice.

Si venia a Juventus u Milan o l’Inter, ‘mpastava nu centinaiu e pruppetti, e preparava na damigiana e decia litri e vino locale. Casa mia era nu Colosseo e tutti venianu ma ti salutanu a dominica matina a cuminciara de setta.

Se invece venia a Sampdoria, u Genoa o u Cesena, na cinquantina e pruppetti abbastavunu e a damigiana do vino era chidda e cinqu litri.
Insomma, se oggi ci sono vari tipi di dieta, come la Dukan, la Mediterranea e la Dissociata, con certezza posso dire ca negli anni ’80 mugghierimma Amalia, ‘mbentau a “Dieta Football”.

È chiaro che queste frenetiche giornate portavano anche a discussioni in famiglia. La domenica quando il Catanzaro giocava in casa non esisteva il riposo cu stu vai e veni. Quando io dimenticavo qualcosa delle cose di famiglia, la sua frase classica per farmi pesare la situazione era «Avera ma fina stu pallona».

La ripeteva spesso, non la diceva con cattiveria. Ma io ma signavi. Infatti, com’è “Noto” (no u presidenta) fallimmi du voti e quando io nei giorni di crisi le dicevo «Tanto ta sucasti…» lei mi rispondeva «E chi cintru eu, si abitamu a na città e perecottari».

Tutti i torti non li aveva. Lei oggi fa finta di non seguire il Catanzaro per non darmi soddisfazioni, ma è pungente. L’altro giorno mi ha chiesto  «Cu ‘ccu iocati a prossima?» Io rispondo con la Vibonese. A risposta tagliente l’ava pronta «Chi esta n’amichevole? Palanca ioca?».

Io devo incassare ed evitare risposte on ma ci vena in mente a sira do martedì na visita a la socera. Intanto si è fatta l’ora ma si va alu stadiu. Su i sette menu ‘ncuna cosa e cumiciu ma mi pigghiu a sciarpiceddha da serie A ma nesciu. Lei è al telefono con Rosalba, chi fussera a mugghiera e Mistuffo ca a lu stadiu on sta venendo ca dissa ca vo ma vida prima i risultati.

A verità è ca datu ca s’accattau u cellulare moderno, s’imparau wazzapp e verso i sette e menza puru si sapa ca a partita e all’otto e menza, mi scriva «Quantu stamu? Signammi?» Ha i messaggi memorizzati con il T9.

A Rende, ad esempio, mentre stavo per entrare nel settore, mi voleva scrivere “Giovedì ci vediamo”. Ma appena digitato la lettera g ci nesciu «Goooool».
Amalia nel frattempo continua a pitteguliara e allora ne approfitto ma ci dicu «Amò, vi ca mi nda vaiu».

Lei educatamente mi ricorda con tono pacato classico de casi popolari e Pistoia «Ietta u catu de mundizzi ca domani averanu ma cogghianu l’umidu». Da notare il verbo utilizzato “averanu” perché a Catanzaro quando parramu e raccolta de mundizzi u condizionale è d’obbligo.

Poi mi aggiunge logicamente ma si fa sentira da signora Rosalba «M’arreccumandu porta i patati come al solito». Chiaro il riferimento alle scoppole degli ultimi anni.
Arrivato davanti al Rocks trasi a lu bar ppè nu cahè. Ti giri e d’arretu trovi tanti amici. D’ottanta centesimi chi avivi misu in preventivo, ti mangi minimu sei euro, ca para ca i genti t’aspettanu ma ti vidanu chi trasi e arrivano rigorosamente in fila dopo di te.

Nesci fora e troverai sempre quello che ti cerca n’euro ca ci manca ppò u bigliettu, però è cu a quarta birra ali mani.
Prima di avviarti, chi ai Distinti, chi in Tribuna e chi in Curva, ti fai qualche discorsetto. Prima sulla partita precedente con i soliti commenti «Ni l’arrobbaru, sbagliau i cambi» poi quando senti a quello che con tono serio e obiettivo ti dice  «Ca c’era nu rigora randa quantu na casa» ti puoi avviare.

Ma prima di incamminarti incontri l’esperto, quello vestito bene e che ha stile, che ha studiato lingue e ti dice «Oggi segna Fiscshwualler». Tu da poliglotta non ma para ca fai brutti figuri e ca canusci i iocaturi, gli rispondi «Magari su passaggio Ekulu».

È finita la partita, abbiamo vinto due a zero e siamo tutti felici. Mentre esci dallo stadio rincontri quello che ti aveva detto il nome del marcatore e gli chiedo «Se, mi duni tri numeri ma mi iocu nu ternu?».

Riguardi il cellulare e ti trovi sidici messaggi e Mistuffo chi ti scrissa sidici voti “gooool” comu ca vincisti sedici a zero.

Dopo aver guardato il prossimo turno sai che si va a Caserta. Allora qua inizia la strategia per autorizzazione trasferta. Scrivo ad Amalia e le dico «Amo’, abbiamo vinto, se vuoi sabato notte accattu nu kg e mozzarelli e bufala ca vogghiu ma ti cacciu sta gulia».

Lei, ricordandosi i scusi e l’anni da C2, risponde immediatamente così «Tonì, duv’è a prossima? Per caso cu a Battipagliese?».

Forza Giallorossi.

Tonino

A proposito dell’autore

Redazione

Redazione

Dal 2002 il portale più letto e amato dai tifosi giallorossi del Catanzaro

8 Commenti

Lascia un commento