Avversario di turno Catanzaro News

Palermo: sfida d’alta quota

Redazione
Scritto da Redazione

I rosanero dopo la vittoria in coppa Italia contro il Monopoli ospitano le aquile nel big match del quarto turno di Serie C

Dopo gli impegni infrasettimanali di Coppa Italia, Catanzaro e Palermo si affronteranno al “Barbera“. Sarà il primo confronto stagionale tra le due squadre, il primo dei tre in programma nella stagione regolare. Infatti oltre al doppio confronto di campionato, rosanero e giallorossi si troveranno di fronte ancora una volta il 3 di novembre nella sfida degli ottavi di finale di coppa.

La squadra di Calabro arriva alla sfida dopo il passaggio del turno ai danni del Catania, arrivato negli istanti finali del match grazie al gran colpo di testa del difensore Monterisi. I palermitani invece hanno superato per 2-1 l’attuale capolista del girone, il Monopoli.

Lo scorso anno, per i siciliani, fu amarissima la partita contro le aquile al “Barbera”. Un indigesto 1-2 con goal di Verna e Martinelli, regalò alla squadra del presidente Noto un esaltante successo sul finire del mese di febbraio. Questa sconfitta e la successiva contro la Viterbese costarono la panchina a mister Boscaglia, sostituito dall’attuale tecnico Giacomo Filippi. Sotto la nuova guida tecnica il Palermo trovò un’ottima continuità di risultati riuscendo a viaggiare con la media di oltre due punti a partita.

Filippi arriva quindi al suo primo anno da allenatore vero e proprio, con la possibilità di preparare fin dalla preseason la sua squadra ideale. L’inizio di stagione non è stato però entusiasmante, 3 punti in nelle prime tre di campionato. Esordio vincente in casa contro il Latina, poi il pareggio in casa del Messina e infine nell’ultima giornata una sconfitta in trasferta contro il Taranto di Giovinco.

La partita di domenica sarà per entrambe le squadre un crocevia importante per l’inizio della stagione, vincere questi tipi di scontri può far schizzare alle stelle l’entusiasmo della squadra e soprattutto della piazza. Tutti e due gli allenatori vogliono vincere e iniziare a fare sul serio per quanto riguarda l’aggressione al campionato, partito per entrambi in sordina.

L’ANALISI TECNICO-TATTICA

L’avvento di Filippi ha portato il Palermo verso una nuova identità tattica diversa dal quella di Boscaglia dello scorso anno. I rosanero sono passati dal 4-2-3-1 al 3-4-2-1, cambio arrivato gradualmente passando per un 4-3-3 di transizione.

Il modulo di riferimento può subire una leggera variazione in base agli interpreti a disposizione e alle scelte del mister in base alla partita da affrontare. La variazione in questione consiste nello spostare un trequartista sulla linea dell’attacco e quindi giocare con due punte. Registro tattico che quest’anno si è visto solo nella partita persa di Taranto.

Le assenze pesanti nel reparto difensivo (Accardi e Peretti infortunati mentre Lancini è squalificato) costringeranno l’allenatore dei siculi ad un terzetto inedito composto molto probabilmente da Buttaro, Perrotta e Marconi, mentre tra i pali rientrerà Pelagotti dopo il riposo nella partita di coppa.

A centrocampo, Almici e Valente sono gli inamovibili della fascia, capaci di creare pericoli sulle corsie laterali del campo. Nella zona centrale di campo, a metterci i muscoli ci penseranno i due mediani, De Rose e Luperini.

I tre davanti rappresentano il vero dubbio di formazione per il tecnico di Partinico. Se per il posto da terminale offensivo la maglia sarà di Brunori, i due trequartisti restano ancora un’incognita. A disposizione due maglie per tre calciatori: Dall’Oglio (in pole su tutti), Fella e Soleri.

La difesa inedita dei rosanero potrebbe rappresentare il punto debole dei siciliani, sfruttare i meccanismi poco oleati del trio difensivo potrebbe essere la chiave della partita per la squadra giallorossa e soprattutto per gli attaccanti di mister Calabro. Il Palermo davanti è però una squadra molto talentuosa, capace di trovare il “colpo” dai diversi interpreti che occupano il campo dalla mediana in su. Sarà il campo, come sempre, a parlare e soprattutto a decidere chi premiare nel quarto turno di questa Serie C.

Samuele Cardamone e Emanuele Mongiardo

Autore

Redazione

Redazione

Dal 2002 il portale più letto e amato dai tifosi giallorossi del Catanzaro

1 Commento

Scrivi un commento