La Striscia

Un occhio alla Paganese e uno a giorno 15 dicembre

Domenica in programma l’ultima d’andata, venerdì il primo round nel processo sportivo che vede coinvolto il Catanzaro
 
noto presidente catanzaro

Gli allenamenti a porte chiuse stano diventando ormai routine in seno al Catanzaro. Ci viene pertanto difficile informarvi su ciò che accade attorno alla squadra giallorossa.

Ads336x280

Il Catanzaro di Dionigi giocherà domenica contro la Paganese al Ceravolo alle 16:30. La gara è valida per l’ultima giornata del girone d’andata.

Sicuramente il tecnico modenese non potrà disporre dei suoi attaccanti, vale a dire Infantino (per lui la speranza di portarlo almeno in panca), Letizia e Cunzi e pertanto il mister dovrà adattare ancora una volta la formazione, che sarà monca pure di Onescu appiedato per due turni.

A proposito del rumeno, c’è da annotare che il sodalizio giallorosso ha presentato ricorso e punta a ridurre di almeno un turno la squalifica ricevuta dopo l’espulsione per scorrettezze con un avversario, nell’ultima sfida giocata contro il Racing Fondi.

Domani, ancora una seduta al mattino e a porte chiuse.

La Paganese di mister Favo arriva al Ceravolo rinfrancata dai quattro punti conquistati nelle ultime giornate, con la vittoria in trasferta contro la Sicula Leonzio e il positivo pareggio interno contro la capolista Lecce.

Non potrà disporre dell’esperto centrocampista Tascone squalificato, ma ritrova il difensore Meroni che ha scontato il turno di squalifica.
Nelle fila degli azzurrostellati militano due ex giallorossi. I due centrocampisti Bensaja e Baccolo. C’era anche Carcione, ma di recente ha rescisso il suo contratto con la società campana.

Un altro ex lo si trova nello staff tecnico ed è l’allenatore in seconda. Fabio De Sanzo, difensore del Catanzaro nelle stagioni di C2 dal 2001 al 2003, quando collezionò 51 presenze.

Money Gate – Fra due giorni il Catanzaro con i suoi avvocati nominati dal presidente Noto, si dovrà difendere davanti al Tribunale Federale che ha sede in Roma, in Via Campania 48.

La data del 15 dicembre è cerchiata in rosso dai tanti tifosi giallorossi che sono in trepidante attesa di sapere come andrà a finire una vicenda che è un’eredità della vecchia società, che per come è maturata ha dell’assurdo.

Un’inchiesta penale per vicende non calcistiche, un presidente intercettato da almeno cinque anni (durante i quali sono state giocate più di 150 partite) e alcune telefonate fatte con amici e parenti, nelle quali impreca su un accordo di pareggio saltato.

Da annotare inoltre che sembra assurdo anche che l’unico calciatore indagato fra tutti quelli scesi in campo sia Russotto, reo di aver fallito due occasioni.

Ads336x280

Riguardando le immagini, Russotto sfiorò la rete con un tiro che terminò a un millimetro dal palo e l’altra occasione da goal, da cui deriva il deferimento, fu mancata non dall’ex attaccante del Napoli ma da Masini.

Ma in ogni caso, è ancora più assurdo che non ci siano indagati calciatori dell’Avellino e pertanto ipotizzare un accordo è davvero difficile.

Infatti, non comprendiamo come si possa accomodare un risultato senza che gli avversari andati in campo, sapessero qualcosa.

L’appuntamento è alle 10 davanti al Procuratore Federale e al collegio giudicante presieduto da Cesare Mastrocola e all’accusa guidata dal Procuratore Federale Giuseppe Pecoraro.

Di certo nella sfida con la Paganese, i tifosi giallorossi gremiranno il Ceravolo per dimostrare, ove ce ne fosse bisogno, l’amore verso la propria squadra del cuore.

Salvatore Ferragina

 

A proposito dell’autore

Salvatore Ferragina

15 Commenti

  • Questi saranno coloro che avranno nelle mani il ns futuro: <br />
    <br />
    SEZIONE DISCIPLINARE<br />
    PRESIDENTE<br />
    Cesare Mastrocola<br />
    VICE PRESIDENTI<br />
    Roberto Proietti, Giuseppe Rotondo, Mario Antonio Scino <br />
    COMPONENTI<br />
    Amedeo Citarella, Angelo VenturiniClaudio Gorelli, Edoardo Ales, Ernesto Nicolai, Fabio Micali,Gaia Golia, Giancarlo Guarino, Giuseppe Sigillò Massara, Licia Grassucci,Marcello Frattali Clementi, Marco Santaroni, Marco Stigliano Messuti, Maurizio Lascioli, Paolo Clarizia, Pierpaolo Grasso, Sergio Quirino Valente, Valentina Ramella, Valentino Fedeli<br />
    RAPPRESENTANTI A.I.A.<br />
    Paolo Fabricatore, Gianfranco Menegali<br />
    SEGRETARIO<br />
    Claudio Cresta<br />
    <br />
    Speriamo siano veramente capaci di far prevalere la giustizia.

  • Io ho paura che sia stato tutto deciso purtroppo si tende a dare un esempio per le altre squadre e mi auguro che la mano non sia pesante e vero che ci voglio le prove ma è anche vero che i giudici sportivi giudicano anche le intenzioni e quelle ci sono. Speriamo bene vorrei essere ottimista speriamo in una penalizzazione minima. Ragazzi incrociamo le dita….. speriamo bene.

      • incredibile…lui scrive di INTENZIONI…. da sbellicarsi per le risate. Ho intenzione di diventare multimiliardario e vivere per l’eternità….AHAHAHAHAAHAHAH

        • Caro amico che ti fai un sacco di risate sappi che la giustizia non sta mai dalla parte dei giusti e la storia ci insegna a non avere fiducia di chi amministra la giustizia fidati

  • u munnu è tuttu mbrugliatu e se puniscono noi dovrebberero punire dalla terza categoria alla serie A e lo sanno tutti e lo sanno anche bene che non esiste una squadra illibata

  • Amici tifosi giallorossi, non siamo mai stati amati dai poteri forti della lega calcio, ci odiano tutti, vi ricordate che ci hanno fatto giocare una finale e il giorno dopo se non ricordo male ci hanno retrocessi. Noi siamo persone per bene e anche la società, se fossero state altre squadre calabresi nelle nostre attuali situazioni avrebbero dormito sonni più che tranquilli. Speriamo bene e forza sempre Giallorossi

  • Cerchiamo di essere realisti… i giudici non tifano Catanzaro, pertanto non ci andranno leggeri se sarà appurato anche il solo tentativo di combine. Questa è una delle classiche cose che si possono reputare o bianche o nere, non ci sono sfumature nel mezzo! Se sarà appurato che c è stata combine o anche solo il tentativo, poiché a predisporre l’illecito sono stati i presidenti, allora sarà retrocessione. Altrimenti (e ce lo auguriamo) nulla di fatto! Non esiste una penalizzazione di 3 o 5 punti, non te la cavi con così poco se c è stato anche il solo tentativo di illecito. È come se in campo un giocatore tenta di dare una testata all’avversario: si becca il cartellino rosso sia che ci riesca, sia se va a vuoto, xchè l’intenzione è punita come se il fatto fosse avvenuto. Poi magari ci becchiamo davvero una penalizzazione lieve, ma in quel caso qlcuno mi dovrà spiegare che senso ha, che cosa è atta a punire…..

  • … Tranquilli nessun rischio reale né per noi né tanto meno per l avellino…. Qui ci sono in gioco la serieta di una nuova compagine societaria ( catanzaro) e una società intoccabile l avellino ( Sibilia )….

Lascia un commento