Interviste video

Auteri: «La prima è una gara anomala ed emotiva. Noi la giocheremo da squadra» [VIDEO]

Redazione
Scritto da Redazione

Le parole del tecnico giallorosso alla vigilia dell’esordio in campionato con il Teramo

Esordio in campionato per il Catanzaro. Al “Ceravolo” arriverà il Teramo di mister Tedino. Il tecnico dei giallorossi Auteri ha incontrato la stampa.

<<Indisponibili Urso e Fischnaller con quest’ultimo sulla via del recupero. Ci siamo allenati con impegno, attenzione, limitatamente al periodo. C’è qualcuno più avanti e qualcuno indietro. È compito dell’allenatore compiere le scelte più adeguate. Le prime partite di campionato sono sempre anomale. Abbiamo entusiasmo, giochiamo in casa e non dobbiamo dimenticarlo. Dobbiamo fare la partita giusta per cominciare bene.

Il Teramo ha operato nel mercato acquistato calciatori di spessore. Possono competere fino in fondo per le primissime posizioni. Sarà un test importante per noi ma anche per loro.

Noi partiamo decisamente meglio dell’anno scorso perché c’è un gruppo che ha un anno di lavoro insieme. Sono arrivati dei giocatori che abbiamo inserito. Calciatori di spessore come Martinelli e Nicastro che ci aiuteranno. Noi ripartiamo da quello che abbiamo lasciato con una buona posizione in campionato ed un’eliminazione ai playoff con tanta amarezza. Va però tutto confermato. Vietati cali di concentrazione e superficialità.

Diamo a tutti il tempo di crescere ma dobbiamo fare punti. Alla prima non si può essere perfetti. Cercheremo di fare un calcio a ritmi elevati. I punti si ottengono attraverso le prestazioni. Attraverso i cambi si può cambiare l’inerzia della partita e ce ne sono a disposizione cinque.

In questo campionato le trappole saranno disseminate sempre. Nessuno può pensare di vincere facilmente. Si vincerà con la capacità di soffrire, con il gioco. Intanto vediamo di iniziare con il piede giusto.

Figliomeni e Maita fanno parte del contesto. Sono giocatori importanti e possono fare tanto per il Catanzaro.

Tante squadre pensano di fare qualcosa sul mercato e pure noi. Che senso ha chiudere il 2 settembre? C’è stata qualche situazione legata a Nicoletti ma è un calciatore cresciuto tanto e dovrà imparare a mangiare pane duro. Abbiamo fatto tante scelte sui confermati, parlato tanto sui calciatori che potevano rinforzarci. Spesso ci siamo ritrovati di fronte a rifiuti e sembra strano visto che Catanzaro è una piazza importante. Abbiamo una grande società alle spalle che adempie perfettamente agli impegni mensili. È un percorso di 38 partite, un’eternità. Ci serve un centrale difensivo mancino, ed un attaccante.

Sono stracontento dei tifosi, ora tocca a noi fare le prestazioni giuste>>.

A proposito dell’autore

Redazione

Redazione

Dal 2002 il portale più letto e amato dai tifosi giallorossi del Catanzaro

6 Commenti

Lascia un commento