Catanzaro News Le pagelle

Avellino-Catanzaro 1-3: le pagelle

Redazione
Scritto da Redazione

Martinelli autore di due assist. Prima rete in giallorosso per Curiale e Di Massimo

Primo successo esterno del Catanzaro in stagione targato attaccanti: a segno Curiale, Di Massimo e Di Piazza per la vittoria in rimonta ad Avellino. Di seguito le pagelle delle Aquile.

Branduani – Poteva fare di più sulla rovesciata di Fella ma si riscatta con due ottimi interventi che non permettono all’Avellino di riaprire la gara. VOTO 6

Riccardi – Dopo il disastro contro il Palermo si riscatta con una prestazione solida e stavolta vince sempre gli uno contro uno. VOTO 6,5

Martinelli – Il migliore dei giallorossi, gestisce bene la difesa nonostante l’ammonizione rimediata nel primo tempo e serve due assist di notevole fattura, di cui il primo di esterno destro. VOTO 7+

Fazio – Solita gara attenta del centrale che gestisce tranquillamente le rare discese offensive degli avversari. VOTO 6,5

Contessa – Non si rende protagonista di giocate importanti, tenta qualche cross ma senza risultati. Spreca una punizione nella ripresa calciando alto dal limite dell’area. Nel complesso non compie errori grossolani. VOTO 6

Verna – Buona partita di quantità, mette a disposizione della squadra la sua corsa fino alla fine. VOTO 6,5

Risolo – Il migliore del centrocampo giallorosso. Scelto al posto di Corapi, disputa una partita di alto livello, molto preciso nei passaggi e attivo nella creazione del gioco. VOTO 7

Casoli – Solito motorino sulla fascia destra, tanto impegno ma raramente è pericoloso. VOTO 6

Carlini – Rispetto alle ultime uscite è più in palla, fraseggia bene con i compagni e conquista il fallo che costa il rosso all’Avellino. Peccato per il gol clamoroso sbagliato ad inizio gara. VOTO 6+

Di Massimo – Lanciato a rete da Martinelli, questa volta è freddo e fa la scelta giusta portando in vantaggio i giallorossi. Oltre al gol si fa notare per le sue abilità nel dribbling e riesce a saltare l’uomo più volte. VOTO 6,5

Curiale – Ha il merito di ridare nuova linfa alla squadra con un gol su un tiro (sembrava più un cross malriuscito) che terminando all’incrocio riequilibra il match. Per il resto della gara è un lottatore e sfrutta il fisico per aiutare la manovra. VOTO 6.5

Garufo – Subentra poco prima del vantaggio. Da quel momento in poi tutta la squadra controlla bene la gara e anche lui la gestisce senza grossi problemi. VOTO 6

Di Piazza – Finalmente entra con il piglio giusto e dopo gli errori di questo inizio stagione sigla il definitivo terzo gol. I suoi movimenti in profondità si sono rivelati fondamentali per portare a casa la vittoria. VOTO 6,5

Corapi – Ordinaria amministrazione per il capitano giallorosso, gestisce la manovra in superiorità numerica con esperienza. Ci prova su punizione con un tiro sul lato del portiere che rimane fermo e blocca. VOTO 6

AltobelliSENZA VOTO

Mister Calabro – Nonostante fosse una partita da dentro o fuori, il Mister l’ha preparata con coraggio, basti pensare alla scelta di Risolo dal primo minuto, rivelatasi poi corretta. Al Partenio si è rivisto il Catanzaro di Calabro delle prime giornate, incapace di incantare nel gioco ma combattivo ed equilibrato. Bella la lettura del Mister che ha capito di poter fare male all’Avellino giocando in profondità, ancora più bello l’abbraccio dei giocatori con tutto lo staff, simbolo del fatto che i giocatori siano con l’allenatore. Preso atto della ritrovata unità d’intenti, c’è tanto lavoro da fare, sia per trovare la famosa ‘quadratura’ tattica, sia per lavorare sulla mente dei giocatori, in modo da evitare ulteriori cali di concentrazione imbarazzanti. VOTO 6,5

Emanuele Panza e Giovanni Sicilia

Autore

Redazione

Redazione

Dal 2002 il portale più letto e amato dai tifosi giallorossi del Catanzaro

3 Commenti

    • Giusto, Martinelli a mio parere non è un difensore, spostato più avanti farebbe meno danni in difesa e sarebbe libero di impostare e lui i piedi buoni ce li ha..

  • Dispiace dirlo ma Riccardi ha ancora molto da imparare , in questa categoria ci vuole grinta ma soprattutto carattere e fino ad ora non l’ha dimostrato spesso non tiene la posizione e si fa saltare facilmente ricorrendo al fallo. Non va bene , non ho nessun pregiudizio contro di lui ma le credenziali con cui e’ stato presentato sono disattese, mi auguro che possa dimostrare il contrario.
    Di Massimo quando parte da dietro puo’ fare danni se non porta troppo palla.

Scrivi un commento