Le pagelle

Catanzaro-Bari 1-1: le pagelle

Emanuele Panza
Scritto da Emanuele Panza

Molto bene De Risio e i subentrati, poco attenta la difesa

Giallorossi dalla doppia faccia. Primo tempo insufficiente, secondo tempo a ritmi alti. Molto bene De Risio e i subentrati, poco attenta la difesa.

BLEVE – Incolpevole sul vantaggio del Bari ad inizio gara, si fa trovare pronto e concentrato e vive una partita relativamente tranquilla. VOTO 6

RIGGIO – Il suo errore proprio al fischio d’inizio compromette la gara fin da subito, esce sconfitto dalla sfida con gli esperti attaccanti biancorossi ed appare visibilmente in difficoltà. Nel secondo tempo, come tutta la squadra, entra con un altro spirito ed è più incisivo, ma non basta per recuperare il grave errore che obbliga il Catanzaro a rincorrere l’avversario. VOTO 5

ATANASOV – È molto impreciso nella trasmissione del pallone e i suoi errori in fase di impostazione spesso impediscono una costruzione fluida dell’azione. VOTO 5.5

MARTINELLI – Non riesce ad illuminare con i suoi classici lanci lunghi per gli esterni ed è molto disattento nelle uscite sugli avversari, causando non pochi problemi all’intero sistema difensivo giallorosso. VOTO 5.5

CELIENTO – A sorpresa viene avanzato a esterno destro di centrocampo nella speranza di usare la sua propensione offensiva nelle discese laterali, ma non riesce ad esprimere il suo talento e dai suoi piedi non nascono mai giocate importanti. Nell’ultimo periodo non è apparso in condizioni ottimali e il cambio di posizione non ha invertito il trend negativo. VOTO 5.5

DE RISIO – Il migliore in campo degli 11 titolari. Come di consueto garantisce grande corsa e temperamento nel centro del campo, lotta sulle seconde palle ed è sempre attivo sia nelle azioni di attacco che di difesa. Il suo è un momento positivo, sarà un peccato vederlo fermare a causa dello stop forzato dei campionati italiani. Con la giusta costanza sarà il protagonista del centrocampo giallorosso. VOTO 6.5

IULIANO – Inserito al posto di Corapi a causa di un risentimento fisico, non è in grado di esprimere le sue qualità palla al piede e cerca di compensare con la quantità, senza però incidere in alcun modo sulla gara. VOTO 5.5

CONTESSA – La sua prestazione vive di sprazzi, non è continuo e nella prima frazione sbaglia molti palloni e non è mai pericoloso. Nel secondo tempo, rientra in campo con grande concentrazione e disegna il cross che porta al pareggio. VOTO 6

KANOUTE – Ripaga la fiducia del Mister con un gol importante ed una prestazione di buon livello. Rispetto alle ultime uscite è in palla e finalmente torna al gol contro una delle difese più solide del campionato, concludendo di testa una grande palla di Contessa. Il suo apporto è fondamentale negli schemi del Catanzaro ed è importante ritrovare soprattutto le sue giocate decisive. VOTO 6.5

DI PIAZZA – Cerca di rendersi utile con delle sponde e degli appoggi, ma non è mai incisivo in area di rigore e non si rende protagonista di alcun tiro pericoloso. Disputa una prestazione anonima, fino ad essere sostituito per Bianchimano. VOTO 5.5

TULLI – Rientrato in seguito all’infortunio, appare in difficoltà e non riesce ad esprimere le proprie qualità che aveva dimostrato nelle primissime uscite. Il forte pressing dei pugliesi non lo fa respirare e non è mai nelle condizioni di fare male agli avversari in quanto troppo distante dalla porta. VOTO 5.5

BIANCHIMANO – Entrato al posto di Di Piazza ad inizio ripresa, è la svolta per l’attacco giallorosso. Scambia molto bene con i compagni e fa stare in costante apprensione la difesa avversaria. Se a questa determinazione aggiungesse la continuità, potrebbe diventare un punto di riferimento per il reparto offensivo. VOTO 6.5

CARLINI – È la sua miglior prestazione dall’arrivo in giallorosso. Assieme a Bianchimano spacca la partita, è imprendibile palla al piede, spesso si accentra verso la parte centrale del campo e dai suoi piedi nascono sempre giocate mai banali. VOTO 6.5

STATELLA – Riproposto nella sua posizione di esterno destro, anche lui entra con il piglio giusto e conquista la fascia di sua competenza. VOTO 6

GIANNONE – Come tutti i subentrati, entra bene in partita e prova ad impensierire con il suo sinistro educato. Qualche errore di troppo nella conduzione del pallone esagerata. VOTO 5,5

URSO – Entrato al posto di Iuliano, si limita al suo compito di contenimento e mantiene bene il ritmo negli ultimi 20 minuti. VOTO 6

MISTER AUTERI – L’errore sul nascere compromette il suo piano di gioco, ma è bravissimo nel riprendere la gara cambiando totalmente la faccia della squadra ad inizio ripresa. Gli innesti di Bianchimano e Carlini sono di livello, risultato della buona lettura in corso da parte del tecnico siciliano, e consentono al Catanzaro di conquistare un punto che tutto sommato risulta meritato. È un peccato dover interrompere il lavoro settimanale a causa dello stop forzato del campionato, esattamente come è un peccato disputare un match di alto livello come Catanzaro-Bari a porte chiuse.

Parlare di calcio in una situazione così delicata risulta difficile, quasi impossibile, eppure entrambe le squadre hanno onorato la loro maglia, dando vita ad una gara accesa e agonisticamente intensa. Il Catanzaro ha dimostrato sul campo di essere in grado di competere con le più grandi, uscendo però con un solo punto dalle sfide casalinghe contro Reggina e Bari. Il lavoro dei ragazzi dovrà trovare continuità nel tempo, per quanto possibile viste le restrizioni, in modo da acquisire consapevolezza delle proprie capacità per raggiungere gli obiettivi che contano, tutto ciò nella speranza che il pubblico catanzarese possa tornare a supportare i gloriosi colori giallorossi sugli spalti il prima possibile, e soprattutto in sicurezza. VOTO 6.5

A proposito dell’autore

Emanuele Panza

Emanuele Panza

10 Commenti

  • RIGGIO … Nel secondo tempo, come tutta la squadra, entra con un altro spirito ed è più incisivo…
    Già… peccato che Christian, il secondo tempo, non lo abbia giocato, in qunto sostituito da Statella dopo l’intervallo.

  • Carlini non e’ una punta e credo non sfigurerebbe dietro gli attaccanti anzi probabilmente ne beneficerebbero sopratutto Di Piazza , Auteri deve convincersi a cambiare atteggiamento tattico sopratutto dal centrocampo in poi gli esterni sono troppo larghi e il centrocampo ne soffre specie nel primo tempo.

    • Sono d’accordo con Te, Freccia del Sud; il centrocampo ha necessità di essere supportato, soprattutto in fase costruttiva con un uomo dietro le punte che possa verticalizzare di più il gioco nella tre quarti avanzata. Ma concordo anche con l’analisi finale di Panza, laddove chiede a tutti i tifosi di supportare, con la presenza sugli spalti del Ceravolo, questa squadra che nulla ha da invidiare agli organici che ci precedono, ma deve trovare con determinazione la consapevolezza, soprattutto psicologica, della propria forza, per dare un significato diverso a questo “anomalo” campionato.

  • A MIO PARERE DI PIAZZA SI RISPARMIA DA VERO MARPIONE NON TANTO DELLE AREE AVVERSARIE MA PER IL CONTO IN BANCA . PIU’ SI RISPARMIA PIU’ ALLUNGA LA SUA CARRIERA E IL SUO CONTO . PURTROPPO MI SA CHE NOTO CHE E’ ANDATO A CATANIA A PRENDERLO PERSONALMENTE HA PRESO UNA CANTONATA COME ANCHE NOI TIFOSI ,INTANTO LO MONACO , DISONESTO PER QUANTO LO ABBIAMO PAGATO , SI FREGA LE MANI ALLA FACCIA NOSTRA .

  • Speriamo possa riprendere il campionato, così questo vuol dire cessata emergenza, che se continua è perchè non si rispettano le disposizioni in materia, ci sarà da soffrire tutti indistintamente. Tornando alla nostra squadra, alla ripresa del campionato tante altre squadre ci superaranno non avendo noi, nè la mentalità nè le qualità ( nonostante una campagna acqusti eccellente e con giocatori navigati) per sovvertire le incapacità tattiche e le continue imbarazzanti prestazioni determinate dall’aggregazione di giocatori fuori posizione o altri vedi martinelli, che giocano per le squadre avversarie, senza che l’allenatore abbia il coraggio di mandarlo in tribuna, non che gli altri siano migliori di piazza giannone urso etc…: Purtroppo le continue giustificazioni dopo due e passa mesi non reggono più: Speriamo finisca presto quest’ennesima agonia, per proiettarci con tutte le nostre forze noi tifosi e società al prossimo torneo, che non sarà più facile di questo, ma se ci sapremo muovere con anticipo e con determinazione già da oggi, potremmo cercare di sovvertire questo continuo negativo andazzo che ci perseguita da sempre.

Lascia un commento