Catanzaro News Numeri Giallorossi

Catanzaro-Fidelis Andria 3-1: le statistiche

Primo gol in campionato per Scognamillo, Martinelli e Verna

Il Catanzaro ritrova il sorriso grazie al 3-1 con cui i giallorossi liquidano la Fidelis Andria. Dopo i cinque pareggi consecutivi giunti con Picerno, Potenza, Palermo, Catania ed Avellino, gli uomini di mister Calabro riconquistano i 3 punti che mancavano dalla prima giornata. A segno Scognamillo, Martinelli e Verna per il loro primo gol in questo torneo. Il numero 14 si è sbloccato con la maglia giallorossa. Il gol, invece, del centrocampista, interrompe un digiuno di 541 minuti senza reti su azione delle Aquile.

LE STATISTICHE

Il Catanzaro tira in totale 10 volte, di cui ben 8 volte dentro l’area di rigore contro le 5 della Fidelis Andria che calcia soltanto in una circostanza in area. Insomma Aquile che vanno alla conclusione e non concedono tanto.

Migliorare la mira dei giallorossi? Gioverebbe perch dei 10 tiri, 4 terminano nello specchio della porta. Oltre alle tre reti c’è un tentativo debole di Verna dal limite dell’area nel primo tempo.

Gli ospiti invece, impegnano Branduani con un tiro dalla lunga distanza dell’ex Casoli e segnano con Benvenga su punizione. Fine. Un attacco composto da Bubas-Di Piazza-Tulli, completamente neutralizzato.

Pochi cross in area di rigore delle Aquile, soltanto 5 e tutti provenienti dall’out di destra. I biancoazzurri, invece, effettuano 8 traversoni di cui 6 dalla fascia mancina con il trio Sabatino-Carullo-Tulli che prova, specialmente nella ripresa e senza risultati, a mettere in difficoltà la retroguardia giallorossa.

5-2 il conto dei corner battuti in favore del Catanzaro che si sblocca da calcio d’angolo con Scognamillo.

Il direttore di gara – insufficiente la sua prestazione – decreta 39 punizioni: 15 alle Aquile, 24 agli ospiti ed estrae 4 cartellini gialli ed un rosso. 3 gli ammoniti dei giallorossi, mentre ad essere espulso è Bolognese dell’Andria.

Nessun calcio di rigore fischiato.

Autore

Ferdinando Capicotto

Ferdinando Capicotto

Scrivi un commento