Le pagelle

Catanzaro-Vibonese 2-0: le pagelle

Avatar
Scritto da Paolo Carnuccio

Il Catanzaro gioca da squadra e conquista meritatamente la vittoria. Voti alti per tutti con Fischnaller e De Risio determinanti

CATANZARO (3-4-3)

 

1) GOLUBOVIC: Primo tempo quasi di ordinaria amministrazione, nella ripresa commette un errore che poteva far riequilibrare le sorti della gara, si riscatta nel finale. VOTO 6

4) MAITA: Ottimo inizio, entra in campo con autorità dettando tempi e soluzioni corrette per la manovra del Catanzaro. Corre tantissimo ed è molto preciso. Nel secondo tempo cala leggermente di intensità per riprendersi negli ultimi dieci minuti quando lo si vede ancora leggere con efficacia ogni traiettoria della palla VOTO 7.5

5) CELIENTO: Bravissimo in marcatura ma soprattutto nel disimpegno. In uscita con la palla bassa trova sempre il compagno per la migliore situazione. Implacabile sull’uomo, riscatta l’errore di Rende VOTO 7

10) GIANNONE: Finalmente una prestazione all’altezza delle sue qualità tecniche. Disegna traiettorie perfette per la finalizzazione. Il gol di Fish è merito di una sua intuizione. Risulta continuo e sempre presente nelle giocate offensive anche con il trascorrere dei minuti distribuendo assist invitanti ai compagni di squadra VOTO 7.5

11) STATELLA: Equilibrio e sacrificio sul lato di sua competenza. Quando è uscito Statella a Rende il Catanzaro ha preso gol. Giocatore dalle caratteristiche inequivocabili, gioca con grande senso tattico. Difende e si propone in avanti sempre con intelligenza VOTO 7

13) FAVALLI: Disputa un’ottima gara fatta di fraseggi stretti ed inviti per i compagni di squadra. Corre e copre tutto il campo dal lato sinistro cercando di proporsi e rendersi pericoloso nella metà campo avversaria. VOTO 7

14) RIGGIO: Conferma ancora una volta il suo ottimo momento di forma non sbagliando nulla sia sull’uomo che in disimpegno. Elemento cresciuto dallo scorso anno in sicurezza e personalità. Gestisce il reparto ed il Catanzaro soffre pochissimo. VOTO 7

15) SIGNORINI: Tranne un piccolo errore di posizionamento nel primo tempo, per il resto la partita di Signorini è ampiamente positiva. Non concede nulla al suo avversario, vince quasi tutti i duelli ed  è altrettanto bravo a coprire le diagonali. VOTO 7

17) KANOUTE: Capace di giocare sia sul lato che al centro, svaria lungo tutto il fronte offensivo, si crea occasioni da gol, salta spesso in dribbling il suo diretto avversario. Kanoutè è sicuramente un elemento utile alla squadra giallorossa. Talvolta lo si vede sbagliare qualche palla ma bisogna considerare che è sempre nel cuore della manovra offensiva e corre tantissimo. VOTO 7

19) DE RISIO: Fondamentale a centrocampo. La sua fisicità, il suo palleggio ordinato e la sua personalità sono imprescindibili nello scacchiere giallorosso. Se sta bene ed è al cento per cento è un elemento insostituibile. Domina l’ampio raggio territoriale ed aiuta Maita nel disimpegno. VOTO 7.5

21) FISHNALLER: Ecco un altro giocatore indispensabile stavolta nel reparto offensivo. Fish attacca la palla, finalizza, si muove tra le linee, cattura palloni ed è sempre in movimento perenne. Caratteristiche e prestazioni di categoria superiore. Fa gol e ne propizia altri. VOTO 7.5

2) CICCONE: Una perla assoluta il suo gol su punizione. VOTO 7

3) PAMBIANCHI: SENZA VOTO

7) D’URSI: SENZA VOTO

8) IULIANO: SENZA VOTO

MISTER AUTERI: Cambia cinque giocatori rispetto a Rende e gli effetti si vedono subito. Signorini appare preciso e puntuale; Favalli tecnico e veloce; De Risio dominante e sempre presente; Kanoute rapido e ficcante; Giannone determinante e geniale. L’organico del Catanzaro deve essere sfruttato in tutti gli effettivi. Il sistema di gioco ed il modello di sviluppo richiedono intensità e immediata ricerca della finalizzazione. La squadra annichilisce sempre il suo avversario nei primi quindici-venti minuti di gioco quando segna e ne può fare anche altri. Ma se la partita non la chiudi ecco che inevitabilmente viene fuori il calo fisico del secondo tempo. Purtroppo non ci sono chiavi magiche per blindare il risultato perché devi fare gol, e quando non lo fai allora devi cercare di porre rimedio alla diminuita intensità di gioco. Due soluzioni: il lavoro fisico-atletico; i cambi in corso di gioco. Sul primo aspetto bisogna sempre più migliorare la condizione; sul secondo invece probabilmente accelerare le sostituzioni a seconda delle varie situazioni di gara. Una cosa deve però essere chiara: la struttura di mister Auteri è quella vincente e non può essere facilmente modificata o modificabile. Il merito è sempre del nostro grande mister che anche stavolta ci ha fatto vincere e divertire. VOTO 8

 

 

VIBONESE (3-5-2)

1) MENGONI: VOTO 6.5

3) TITO: VOTO 6.5

4) MALBERTI: VOTO 5.5

5) SILVESTRI: VOTO 6

8) OBODO: VOTO 5.5

11) CIOTTI: VOTO 5.5

15) COLLODEL: VOTO 5.5

19) BUBAS: VOTO 5

20) TAURINO: VOTO 6.5

21) ALTOBELLO: VOTO 5.5

23) SCACCABAROZZI: VOTO 5

9) CANI: SENZA VOTO

17) MELILLO: SENZA VOTO

14) DE CAROLIS: SENZA VOTO

MISTER ORLANDI: VOTO 5.5

 

ARBITRO SIG. MARCHETTI DI OSTIA LIDO: VOTO 6.5

A proposito dell’autore

Avatar

Paolo Carnuccio

9 Commenti

Lascia un commento