Avversario di turno Catanzaro News

Monopoli, c’è vita dopo Scienza

Emanuele Mongiardo
Scritto da Emanuele Mongiardo

Al “Ceravolo” arriva un avversario del gruppone all’inseguimento di Catanzaro e Bari

Beppe Scienza è stato l’allenatore più importante della storia recente del Monopoli. I pugliesi con lui hanno messo in difficoltà qualunque avversario, nei momenti migliori si sono attestati come squadra d’alta classifica e hanno giocato anche un calcio gradevole per gli standard della Serie C. Dopo quattro stagioni, però, l’ex tecnico della Reggina è tornato al nord, alla Pro Vercelli. La scorsa stagione, infatti, è stata piuttosto deludente, col campionato concluso all’undicesimo posto e la mancata partecipazione ai playoff. Il Monopoli allora è ripartito da Alberto Colombo, che ha chiuso la scorsa stagione alla Virtus Francavilla

La squadra è ripartita bene e i biancoverdi adesso si sono ripresi il loro status di squadra di medio-alto lignaggio. Al momento il Monopoli è quinto in classifica, posizione frutto di cinque vittorie, quattro sconfitte e un pareggio. I punti conquistati sono sedici, e al momento gli uomini di Colombo si trovano a pari punti con un lungo gruppo di squadre, composto da Turris (terza), Foggia (quarta), Palermo (sesto) e Taranto (settimo). Insomma, dopo il Latina il Catanzaro torna a confrontarsi con un avversario da zona playoff.

L’inizio del Monopoli è stato di certo incoraggiante, ma se si può rimproverare qualcosa alla squadra di Colombo è il rendimento contro le big. Il risultato migliore, fino ad ora, è uno 0-0 con l’Avellino, che però ha vissuto un inizio di stagione davvero pessimo. Per il resto, sono arrivate due sconfitte, una per 2-1 col Palermo e un’altra per 1-0 nel derby col Bari. Il Catanzaro, quindi, dovrebbe partire con un certo vantaggio psicologico, oltre che tecnico. Certo, la stagione è ancora agli albori, ma se dovesse arrivare una sconfitta anche con i giallorossi allora il Monopoli dovrebbe iniziare a lavorare sulla propria consistenza contro le grandi squadre.

ANALISI TATTICA
Il Monopoli è la classica squadra del girone C che adotta il 3-5-2 e le sue giocate standard. In prima costruzione, si parte da un giro palla perimetrale tra i tre difensori e il regista, di solito Vassallo. Tra i centrali, Mercadante è quello che si assume più responsabilità palla al piede, sia con le conduzioni che con i passaggi. L’obiettivo è provare ad allungare gli avversari per giocare in verticale sulle punte. L’attacco titolare dovrebbe essere composto da Ernesto Starita e Ciccio Grandolfo. Tra i due, Grandolfo riveste il ruolo di prima punta, dedita al gioco spalle alla porta e ai contrasti aerei. Starita gli gira intorno, sia per attaccare la profondità, sia per raccogliere le sponde e calciare dal limite. Con sei gol, l’ex Casertana è secondo in classifica marcatori dietro Moro del Catania.

In fase difensiva, la squadra si abbassa per intasare il centro e provare a ripartire. Protagonista, senza palla, Michele Fornasier, qualche anno fa talentuoso difensore delle giovanili della Fiorentina e della nazionale. Per squadre come il Monopoli il rischio è di rimanere troppo passive e di attirare troppi uomini nella propria area.

Per il Catanzaro, dunque, si tratta di una sfida da non sbagliare per preparare al meglio la partita col Bari.

Autore

Emanuele Mongiardo

Emanuele Mongiardo

Scrivi un commento