La Striscia

1130 chilometri di sogni, speranze e passione

curva ovest catanzaro

L’urna di Firenze ha decretato la sfida inedita tra Feralpisalò e Catanzaro. La preparazione dei giallorossi continua sotto la pioggia

L’urna di Firenze ha decretato che sarà la Feralpisalò la prima squadra che il Catanzaro dovrà affrontare ai playoff. Andata il 19 maggio alle 20:00, ritorno al “Ceravolo” mercoledì 22 alle 17.  1130 chilometri di speranza e passione per quella che sarà una sfida difficile per entrambe le compagini, da giocare in 180 minuti. Le aquile hanno due vantaggi: il primo è di disputare praticamente il secondo tempo nella bolgia del “Ceravolo”; il secondo riguarda il punteggio: in caso di parità di reti segnate passano i giallorossi per la migliore posizione durante la regular season.

Questo fattore va però eliminato immediatamente dalla mente dei giallorossi,che in più di una circostanza (Benevento, Sora, Acireale, Pescina, Cisco Roma) si sono ritrovati in questa condizione e hanno puntualmente fallito. L’ingrediente da impiegare è semplice: giocare – con equilibrio – per vincere. Non ci sono altre “medicine”.

Forse l’unico vero svantaggio riguarda la poca conoscenza dei lombardi da colmare in pochissimo tempo, anche se si è sicuri che mister Auteri si sia fatto un’idea di tutte le cinque possibili avversarie dei giallorossi. Aquile che anche oggi hanno dovuto fare i conti con il maltempo che non dà un attimo di tregua al capoluogo con forti piogge.

LA FERALPISALO’ DELL’”AIRONE” CARACCIOLO

I lombardi si sono classificati al quarto posto del Girone B con 62 punti, come l’Imolese, ma quest’ultima ha vinto entrambi gli scontri diretti (0-1 e 3-1). La Feralpi si è posizionata dietro a Pordenone e Triestina.

Allenata da mister Toscano, l’inizio di campionato non è stato dei migliori con 1 punto nelle prime tre partite. Poi la risalita partendo dal 3-1 inflitto al Teramo il 7 ottobre con 17 punti in sette incontri prima dello stop di Sambenedetto per 2-0. Il momento più delicato dall’8 dicembre al 19 gennaio con tre pareggi e quattro sconfitte. La vittoria per 3-2 alla Ternana (umbri in nove) ha rappresentato la svolta. Ben sette successi consecutivi. Successivamente, però, nuovamente un periodo non positivo con un finale di stagione altalenante. Tre successi nelle ultime dieci partite e ribaltone in panchina. Fuori Mimmo Toscano, dentro Damiano Zenoni in panchina.  Un andamento non costante per una squadra che vanta in campo un attaccante del calibro di Andrea Caracciolo. L’”airone” classe ’81, autore di 12 gol in campionato in 31 partite ha giocato stabilmente tra Serie A e Serie B dal 2001.  190 gol in 517 partite tra A e B per lui di cui 58 in 232 incontri della massima serie; 132 in 258 nei cadetti. Complessivamente nei due maggiori campionati del calcio italiano undici volte in doppia cifra (3 in A, 8 in B). La sua miglior stagione nel 2009-2010 con il Brescia quando realizzò fra i cadetti 24 reti. Raggiunge la doppia cifra da sette campionati di fila. Dietro di lui come marcature c’è il centrocampista ex Catania Scarsella con 11 gol.

I lombardi si sono qualificati pareggiando 0-0 contro il Ravenna in casa per effetto del miglior posizionamento in graduatoria rispetto agli emiliani. Chiaramente contro il Catanzaro sarà tutta un’altra sfida perché il doppio pari non basta alla Feralpisalò.

L’andata, come detto, si giocherà al “Turina”, stadio con una capienza di circa 2300 posti. Sarà la prima volta nella storia che si incontreranno Feralpi Salò e Catanzaro.

IL PRESIDENTE DELLA FERALPI NON HA PAURA

Dopo la designazione di questa mattina, che ha affiancato ai Leoni del garda il Catanzaro, il presidente Giuseppe Pasini ha rilasciato una dichiarazione ufficiale:

“Catanzaro o un’altra squadra fa poca differenza: se vogliamo vincere sappiamo che prima o poi dovremo incontrarle tutte. Accogliamo i calabresi con lo spirito di chi vuole fare il salto di categoria. E lo stesso atteggiamento avremo in trasferta.

La Feralpisalò è abituata da qualche anno a lottare per obiettivi importanti e non ci faremo intimorire: vogliamo la Serie B e per prenderla si passa anche da queste sfide”.

 DETTAGLI SUI BIGLIETTI (QUASI ESAURITI)

Ecco i dettagli sulla prevendita in vista del match di domenica, alle ore 20 allo stadio Turina, contro il Catanzaro:

Lista punti prevendita abilitati:

http://www.ticketland1000.com/servizi/vendita.asp

Acquisto online (circuito Ticketland):

http://www.ticketland1000.com/spettacolo/descrizione.asp?idevento=7232

esclusivamente con il metodo “print at home” (acquisto e stampa del biglietto su carta comune direttamente da casa).

Nessuna limitazione per i tifosi ospiti

Prezzi

Tribuna coperta:

€ 17,00 + € 1,50 per chi acquista al punto prevendita o online

Tribuna scoperta, parterre e settore ospiti:

€ 8,00 + € 1,50 per chi acquista al punto prevendita o online

Il giorno della partita ai botteghini non saranno in vendita biglietti per il settore ospiti.

A poche ore dal sorteggio della squadra da affrontare nella prima sfida della fase finale dei play-off, i tifosi giallorossi hanno quasi esaurito i tagliandi del settore ospiti dello stadio Lino Turina, dove domenica sera le Aquile affronteranno la Feralpi Salò. Domani mattina, secondo quanto riferito allo slo del Catanzaro dall’omologo della Feralpi con cui è in continuo contatto, il gos potrebbe eventualmente decidere, se sussisteranno le necessarie condizioni di sicurezza, di aprire un altro settore del “Turina” da destinare ai tifosi giallorossi.

E’ IL MOMENTO DI FARE SUL SERIO

Nel giorno in cui 15 anni fa il Catanzaro otteneva la sua promozione in Serie B grazie al successo contro il Chieti sul neutro di Ascoli in rimonta per 1-2 (Toledo e Corona), i giallorossi di mister Auteri hanno conosciuto il loro primo ostacolo. Il momento di fare sul serio è ormai arrivato.

A proposito dell’autore

Ferdinando Capicotto

Ferdinando Capicotto

2 Commenti

Lascia un commento