Intervistiamo

60mila euro per ingiusta detenzione al jihadista ucciso in Siria

Redazione
Scritto da Redazione
Brahim Garouan, prima di essere assolto, trascorse 8 mesi e 8 giorni in carcere. E’ morto ad aprile in un bombardamento

Catanzaro, 60mila euro per ingiusta detenzione al jihadista ucciso in SiriaAll’estero è considerato un jihadista, morto in Siria mentre combatteva contro l’esercito di Assad. Ma per la giustizia italiana, Brahim Garouan, magrebino, non era un terrorista tanto che, oltre all’assoluzione nel processo penale, ora è arrivato il risarcimento per ingiusta detenzione: 60mila euro per gli 8 mesi e 8 giorni trascorsi dietro le sbarre nel 2011. Garouan è morto ad aprile e il denaro potrebbe ora andare alla sua famiglia.

La vicenda è stata ricostruita dal Quotidiano del Sud. Tre anni fa Brahim Garouan, suo padre Mohammed, imam di Sellia Marina (Catanzaro) e Younes Dahhaki furono arrestati con l’accusa di essere addestratori di terroristi. Gli inquirenti trovarono molto materiale, compresi alcuni video in cui si spiegava ai potenziali jihadisti come fabbricare, ad esempio, una cintura esplosiva o come diventare un bravo cecchino.

In Cassazione, però, le accuse non ressero. Per la Suprema Corte, “il terrorismo virtuale, fatto di manuali e corsi di formazione, non è reato“.

Immediata arrivò la scarcerazione, in seguito alla quale Brahim e suo padre lasciarono l’Italia per tornare in Marocco.

Ad aprile il giovane è morto, almeno secondo quanto è stato possibile ricostruire, in un bombardamento in Siria. Ora la sentenza: 62mila euro a Dahhaki, 60mila a Garouan. Per la giustizia italiana non si tratta di terroristi e quegli 8 mesi e 8 giorni di ingiusta detenzione meritano un riscarcimento.

TGCOM

Autore

Redazione

Redazione

Dal 2002 il portale più letto e amato dai tifosi giallorossi del Catanzaro

Scrivi un commento