Catanzaro News Interviste video

Auteri: «Dobbiamo andare alla ricerca del filo conduttore del gioco» [VIDEO]

Le parole del tecnico giallorosso alla vigilia della trasferta di Francavilla

Il Catanzaro sarà impegnato, domani sera, nella difficile trasferta di Francavilla. Le aquile al “Giovanni Paolo II” hanno giocato solamente il 4 settembre 2016 perdendo 1-0 con rete di De Angelis. Sarà una gara da non sottovalutare contro un avversario ostico. Il tecnico Auteri ha incontrato i giornalisti per la consueta conferenza stampa della vigilia. Di seguito le sue parole.

Le aquile affronteranno una compagine forte su un campo sintetico. <<Ci siamo allenati sulle superfici sintetiche. Loro sono una realtà in questo campionato da qualche anno. Sarà una partita tosta. Loro sono aggressivi e forse potrebbero stare in una posizione migliore. Mi aspetto un bel confronto e noi siamo pronti ad accettarlo. Sarà una bella gara e noi proveremo ad andare a vincere. Dobbiamo dare continuità per recuperare posizioni. Avremo un bel ciclo di incontri ravvicinati. Si giocheranno tre partite in una settimana, di cui due gare sul sintetico. La rosa è composta, però, da tantissimi giocatori. Deve andare in campo il solito Catanzaro.>>.

L’US ha una rosa competitiva ma l’obiettivo del tecnico è di continuare a crescere come modello di gioco. <<Dobbiamo consolidarci come modello di gioco e crescere. Abbiamo qualità tecniche di organico per giocare contro le compagini più forti. Nella scorsa partita, ad esempio, non siamo stati continui. Dobbiamo diventare più squadra. L’obiettivo è andare alla ricerca di un filo conduttore del gioco che possa passare attraverso le prestazioni. Noi dobbiamo fare punti; non possiamo andare solo alla ricerca di elogi.

Qualche acciaccato in casa Catanzaro, specialmente in attacco. <<Sul fronte offensivo sta recuperando Kanoute vittima di un’infrazione al dito. Tulli lo stiamo gestendo ma non sarà disponibile per Francavilla. Entrambi saranno disponibili già dalla prossima. Ci sarà l’assenza anche Di Livio. Due calciatori come Bianchimano e Di Piazza possono coesistere perché sono uguali ma diversi. Di Piazza sta facendo bene. Carlini può giocare dappertutto. Può fare il trequartista, il terzo di centrocampo. Noi non giochiamo con nessun attaccante esterno. Le corsie vanno sfruttate dagli esterni. Statella potrebbe fare bene. Può essere che terrò conto dei diffidati. Dobbiamo giocare con la mente libera. Abbiamo la possibilità di scegliere senza perdere competitività. Abbiamo perso Di Gennaro ma sapevamo di scegliere bene con Bleve>>.

Un passo indietro da parte del tecnico andando a riparlare della sfida con la Casertana. <<La rabbia con la Casertana non è mancata. Siamo stati poco ordinati e non abbiamo compiuto scelte giuste. La fine del primo tempo e l’inizio del secondo li abbiamo giocati bene. È una partita che abbiamo pareggiato ma potevamo anche vincerla>>.

A proposito dell’autore

Ferdinando Capicotto

Ferdinando Capicotto

4 Commenti

Lascia un commento