Catanzaro News La Striscia

Auteri eguaglia Auteri

Gaetano Auteri

7 punti nelle prime tre come nella stagione 2009/2010

Archiviata la doppia trasferta pugliese che ha portato nelle casse giallorosse 4 punti tra il pareggio di Bisceglie (senza non poche recriminazioni per le numerose occasioni da rete) ed il preziosissimo successo di Monopoli, il Catanzaro ha ripreso ad allenarsi in vista della sfida di domenica.

Alle 17:30 si tornerà al “Ceravolo” dopo due settimane per la partita contro la Sicula Leonzio valida per la quarta giornata di Serie C Girone C. I siciliani non sono partiti benissimo con un solo punto raccolto in due gare (entrambe interne). Sconfitta all’esordio contro il Bari per 0-2 e pari in extremis con la Paganese per 2-2. Di mezzo il match esterno rinviato contro il Teramo.

ALLENAMENTO

I giallorossi si sono ritrovati al “Gullì” di Giovino per una seduta di allenamento a porte aperte alle 15:30. Solita sessione del martedì con lavoro di scarico specialmente per chi ha preso parte attivamente all’incontro della domenica. Ha ripreso a correre, anche se a parte il centrocampista Urso, fermato da un infortunio prima dell’inizio del campionato.

NEL 1984/1985 L’ULTIMA PARTENZA CON TRE VITTORIE

I 7 punti in queste prime tre giornate di campionato rappresentano il miglior avvio da quando Noto è il presidente del Catanzaro. Gli stessi punti li aveva racimolati la squadra dell’allora tecnico Moriero quando nel 2014/2015 vinse al “Ceravolo” contro Juve Stabia e Martina Franca e pareggiò alla seconda a Benevento per 1-1.

Anche nella stagione 2009/2010 con Auteri in panchina il bottino fu uguale con due successi nelle prime due giornate – 1-0 alla Cisco Roma al “Ceravolo” e 1-3 a Cassino – con pareggio alla terza a Manfredonia per 2-2. La curiosità è che anche in quel campionato dopo la prima in casa i giallorossi disputarono una doppia trasferta, ma il pari in quella circostanza arrivò alla terza e non alla seconda.

L’ultima volta che i giallorossi vinsero tutte e tre le gare iniziali fu nella stagione 1984/1985, quando, con Fabbri in panchina, le aquile si imposero a Barletta per 0-2, in casa contro la Salernitana per 2-1 e a Benevento per 0-1. Era ancora l’epoca dei 2 punti a successo.

 DOLE E CATANZARO ANCORA INSIEME

Per la terza stagione consecutiva Dole Italia conferma la sponsorizzazione della formazione dell’US Catanzaro nel campionato di Lega Pro per la stagione 2019/2020. Lo sport, combinato ad un’alimentazione corretta ed equilibrata, dà vita ad uno stretto binomio che, oltre a mantenere il corpo attivo, libera e rafforza la mente. Dole, uno tra i maggiori produttori e distributori al mondo di frutta fresca di qualità premium, da sempre promuove la rilevanza dell’adozione di uno stile di vita salutare, costituito appunto da esercizio fisico, dieta sana e tempo dedicato a sé stessi e alle proprie passioni. “Quando due realtà che condividono gli stessi valori si incontrano è del tutto naturale che nasca una collaborazione forte e duratura ed è ciò che è successo tra noi e il Catanzaro Calcio” commenta Cristina Bambini, responsabile marketing Dole Italia.

“Il calcio – prosegue – è movimento, divertimento e fonte naturale di benessere fisico e mentale, così come lo è uno stile alimentare consapevole e ben bilanciato, ricco dei giusti nutrienti che possano rendere il cibo un nutrimento benefico. La frutta fresca, infatti, così buona, dolce naturalmente, fonte energetica e con eccellenti principi nutritivi è il miglior alleato di ogni atleta, lo snack perfetto da consumare in ogni momento della giornata”.

“Siamo orgogliosi di supportare per il terzo anno consecutivo le Aquile del Sud – conclude – impegnate ad affrontare nuove sfide in questa stagione di campionato appena avviata. A loro va tutto il nostro supporto e il nostro auspicio di un percorso ricco di soddisfazioni.” Una sferzata di energia, vitamine e tante altre proprietà benefiche racchiuse nella frutta, quindi, per la rosa giallo-rossa del capoluogo calabrese, per il club e per tutti i tifosi ed appassionati sportivi.

IL COMPIANTO ROSARIO GRIFFO ANCORA AL “CERAVOLO” ATTRAVERSO IL RICORDO DEI SUOI FAMILIARI

La prematura scomparsa di un tifoso storico dei giallorossi, il sig. Rosario Griffo, non lascerà vuoto il seggiolino dei “distinti” da cui per anni ha sostenuto le Aquile. Già da domenica al “Ceravolo” ci sarà la sua signora, accompagnata dal figlio maggiore, perché il sostegno di quel supertifoso continui da lassù a spingere i ragazzi in giallorosso. Ciò è stato reso possibile grazie all’attenzione della società giallorossa, prima con l’interessamento dello Slo Salvatore Ferragina e quindi con la sensibilità dimostrata dal presidente Floriano Noto, il quale ha voluto manifestare in maniera concreta la propria vicinanza alla famiglia di un grande tifoso.

I familiari di Rosario Griffo hanno quindi voluto rendere pubblica la lettera di ringraziamento inviata alla società. “Lo scorso 27 agosto, prematuramente e in modo inatteso, veniva a mancare Rosario Griffo: persona straordinariamente amata in città per i suoi modi affabili e grandissimo tifoso del Catanzaro. Nella sua breve vita non aveva mai disertato lo stadio e anche nelle annate più buie dei giallorossi il suo abbonamento ai Distinti, pur nella difficoltà, non era venuto mai a mancare.

Anche nell’attuale campionato il suo abbonamento era stato fra i primi rinnovati e la prima partita casalinga con il Teramo l’aveva seguita con gioia dal suo posto riservato. Il triste destino si è compiuto proprio mentre stava vagliando la possibilità di seguire la sua squadra del cuore nella trasferta di Bisceglie. Ai suoi gremiti funerali, il feretro, completamente avvolto nei vessilli giallorossi, era stato salutato anche da una rappresentanza del tifo cittadino.

La sua famiglia, pur annichilita dal dolore, ben conoscendo la passione di Rosario per la sua squadra del cuore, si è preoccupata di fare istanza alla società U.S. Catanzaro per ottenere il passaggio della tessera alla sua signora in modo da mantenere, non solo simbolicamente, la sua presenza allo stadio. Si contattava, a tale fine, lo SLO della società Salvatore Ferragina, che con grande cortesia e sensibilità si adoperava per portare la questione alla personale conoscenza del presidente ing. Floriano Noto.

Il massimo rappresentante dell’U.S. Catanzaro non solo non deludeva le aspettative della famiglia ma – rilanciando con uno slancio di grande generosità – decideva di regalare un altro abbonamento anche al figlio maggiore per accompagnare la madre allo stadio nel ricordo del papà super tifoso.  La famiglia Griffo ringrazia pubblicamente il Presidente per la sensibilità dimostrata e rinnova il suo amore per questi colori così degnamente rappresentati”.

A proposito dell’autore

Ferdinando Capicotto

Ferdinando Capicotto

9 Commenti

Lascia un commento