Catanzaro News Le pagelle

Catanzaro-Albinoleffe 0-1: le pagelle

Calabro
Ivan Pugliese
Scritto da Ivan Pugliese

Di Gennaro e Pierno rovinano il loro grande campionato. Fazio e Baldassin non si arrendono mai. In ombra Carlini

DI GENNARO – Rovina un campionato fantastico facendosi beffare dalla traiettoria velenosa di Gelli. VOTO 4,5

SCOGNAMILLO – Solita partita ruvida, di sostanza, senza grosse sbavature. E con il cartellino giallo che lo accompagna fedele. VOTO 6

FAZIO – Sbaglia pochissimo, come sempre. Ma non basta la sua personalità ad accompagnare il Catanzaro verso le semifinali. VOTO 6,5

GATTI – Ancora una buona prestazione. Sempre preciso negli anticipi, qualche titubanza in impostazione. Ma non è il suo mestiere VOTO 6,25

GARUFO – Pronti, via, e si infortuna. Costringe Calabro al cambio. Sarà un infortunio decisivo. SENZA VOTO 

VERNA – Solita partita di quantità, ma la cerniera di centrocampo soffre maledettamente. La regia non è la specialità della casa. VOTO 5,5

BALDASSIN – Uno dei migliori. Motorino perpetuo. Si costruisce l’occasione più ghiotta con un tiro da fuori respinto dal portiere ospite VOTO 6,25

DI MASSIMO – Spettatore nella prima mezzora, ma è l’unico a tirare in porta due volte e a dimostrare personalità. VOTO 5,5

CONTESSA – Al rientro da titolare dopo due mesi, dai suoi piedi partono due cross pericolosi nel primo tempo. Dietro fatica tantissimo, sbaglia tanto, regala troppi palloni. L’ammonizione gli costa la sostituzione nell’intervallo. VOTO 5

CARLINI – Capitano coraggioso, ma stavolta per nulla decisivo. Tanti errori, pochi spunti, molto sacrificio in ripiegamento VOTO 5,25

CURIALE – Mestiere difficile il centravanti di questo Catanzaro. Riceve pochi palloni, si batte come un leone, spreca l’unico cross decente di Contessa. VOTO 5

PIERNO – Entra al posto di Garufo, non con la solita personalità. Fuori posizione nel cambio di gioco che risolve la partita. Si fa beffare da Tomaselli, lo stende e gli regala la punizione decisiva. VOTO 4,5

PORCINO – Un altro passo e un’altra personalità rispetto a Contessa. Ma non incide più di tanto. VOTO 6

EVACUO – Un quarto d’ora di nulla. VOTO 5,5

PARLATI – Evanescente come il suo campionato. VOTO 5,5

JEFFERSON – Pochi minuti di disperazione. SENZA VOTO

MISTER CALABRO – Sbaglia la scelta di Contessa. E non riesce a trasmettere alla squadra quella carica agonistica e quella tranquillità che sarebbero servite per un partita così importante. L’approccio alla gara è pieno di paura. Il Catanzaro non dà mai la sensazione di controllare la partita, nonostante in alcuni momenti sembri più forte dell’Albinoleffe. Si limita a sostituzioni scolastiche che non cambiano il corso del match. L’attenuante degli infortuni regge fino a un certo punto. VOTO 5

Autore

Ivan Pugliese

Ivan Pugliese

15 Commenti

  • calabro non hai avuto il coraggio di non far giocare curiale e evacuo. sei ritornato il calabro che non capiva niente fino a febbraio. Oggi hai messo la ciliegina sulla torta grazie anche alle sirene di lecce. Mi hai ricordato il miglior auteri…………… parolaio ed inconcludente. Dopo 28 giorni di riposo sembravano fossero in crociera, non sono sevite le lezioni di palermo e pagani. Scognamigio ha preso più ammonizioni ed espulsioni di tutti i calciatori del girone. Perchè non si è fatto giocare Riccardi che è anche di proprietà del CZ? e che poi non è così scarso come crede calabro.

  • Un campionato che ci ha dato qualche soddisfazioni contro le grandi squadre. Sono tutti da elogiare per l’impegno compreso Calabro, ma dobbiamo anche ONESTAMENTE ammettere che ci sono stati vari errori. Squadra impostata male con uomini dal tasso tecnico mediocre tranne qualche eccezione. Buona difesa, sufficiente centrocampo ( almeno fino a quando Corapi è riuscito a stare in campo) attacco inesistente se teniamo presente anche che Di Massimo è stato impegnato a centrocampo o giù di li. Peccato perché Calabro ha optato spesso per il 3-4-2-1 e non l’1-2.
    Curiale-Evacuo- Jefferson non capisco ancora a che cosa ci sono serviti. Bastava un Tulli, per esempio, al posto di tutti e tre
    Sarebbe stato SICURAMENTE più produttivo. In pratica come molti dicono a Gennaio invece di rinforzarci abbiamo fatto “folla”.
    Speriamo che il prossimo anno verranno presi attaccanti veri e non residui bellici e il centrocampo abbia elementi dal tasso tecnico e dinamico superiore. Non bastano onesti operai a centrocampo ci vogliono anche direttori d’orchestra che sanno cosa fare con la palla ai piedi. E poi gente che sappia battere le punizioni per cortesia in modo decente, noi facciamo schifo in tal senso, l’Albinoleffe un palo e un gol.

  • Oppure ragioni come l albinoleffe, parti da zero, priorità al settore giovanile, priorità a far giocare tanti giovani in prima squadra, di proprietà, crescita lenta ma costante… E forse in 10 anni sali di categoria.
    Altrimenti ogni anno è la stessa musica, trent’anni di C li abbiamo fatti dal 1991 ad oggi, intervallati da due anni di B anonimi e vergognosi, e altri 30 ci toccano se si continua così

  • Calabro lo riconfermo è un incapace , ma lo dico dalla prima giornata.
    Riuscirebbe a fallire anche se avesse CR7 levandosky e Cavani……per lui l’attacco è una parola sconosciuta .
    Speriamo vada a Lecce anche se ci credo poco,le partite le vedono tutti.
    Foresti che fai ?
    Hai voglia di ripartire seriamente?
    Noto ti stimavo ma chiudere l’accesso ai tifosi mi fa riflettere.
    E se non hai voglia lascia stare tanto vivacchiare in serie C non serve un grande imprenditore…. Veramente deluso ma non per l’eliminazione perché con Calabro non c’erano speranze…..ma per tutto il contesto..

  • Concordo freccia Contessa ieri è stato a dir poco imbarazzante…..Ma diciamoci la verità questa non era squadra per salire in B soprattutto senza i due giocatori più forti Martinelli e Corapi indisponibili dove volevamo andare……

    • Noto con piacere che il 90% di noi tifosi che postiamo su questa pagina web diciamo in pratica le stesse cose. Anche gli amici con cui seguivo la partita dicevamo che: 1) Con questa squadra (allenatore compreso) non potevamo fare di più, era già un miracolo giungere secondi grazie a quel filotto di risultati esaltanti contro le grandi che ci aveva fatto sognare ma che ci rendevamo conto che con questi “mediocri” calciatori era IRRIPETIBILE; 2) coincidenze negative come gli infortuni, gol della domenica (domenica scorsa Mondonico); prima papera di Di Gennaro in tutto il campionato, hanno remato contro; dopo i primi minuti di gioco (o meglio non gioco) tutti eravamo convinti di non superare il turno, rassegnati che tanto anche se l’avessimo superato non avremmo vinto in ogni caso i play off; 3) Calabro ci ha messo del suo rispolverando dopo due mesi Contessa e a sinistra Garufo, ma è stato punito per le sue scelte scellerate con una WATERLOO vergognosa. E’ sarà ancora serie C, assieme con altre nobili tipo Bari, Juve Stabia, Catania che hanno fatto dopotutto una figuraccia peggio di noi essendo MOLTO più attrezzate come parco giocatori.

  • Infatti il problema non é la rabbia, ma l’attesa inutile di un altro anno vuoto: Palermo, Bari, Foggia, Cosenza, Juve Stabia, Catania, Messina, forse Pescara, forse Avellino e tutte le altre rogne che conosciamo. L’unica triste speranza che ci resta è di non scomparire del tutto. Quindi spero che la Società non molli la presa, malgrado tutto.
    Infinita tristezza, anche se riporto ancore i miei ringraziamenti per le vittorie fantastiche di fine campionato. Sapete cosa penso di Calabro come allenatore, ma i ringraziamznti sono doverosi per le vittorie di orgoglio. Churchill diceva: chi non é capace di cambiare idea, non avrà mai la capacità di cambiare le cose. Ecco la sintesi di questo allenatore e di questi play off.

  • Presidente, avanti con Calabro, e qualche acquisto mirato per migliorare la squadra.
    A Catanzaro non capite un cazzo di calcio
    Vi meritate Grassadonia..

  • L’Albinoleffe ha meritato di passare Il turno. Nonostante le assenze importanti di Risolo Corapi e Martinelli ci abbiamo provato lo stesso. Alla fine i ragazzi hanno dato tutto quello che avevano e per questo vanno ringraziati. Forza Catanzaro sempre

  • Brucia ancora di più che con il feralpi, almeno due anni fa non abbiamo perso. Oggi si è perso per le strampalaggine di un allenatore che nel primo tempo ha regalato contessa e garufo nel secondo parlati evacuo e jefferson. La beretti ci avrebbe fatto superare il turno almeno i ragazzi giocano a calcio e segnano. Calabro purtroppo hai dei limiti, un allenatore più smaliziato avrebbe fatto un sol boccone considerando che li abbiamo già affrontati e sapevamo della loro forza fuori casa. Ti reputo il maggiore responsabile di questa disfatta. Campagna acquisti di gennaio solo per far togliere soldi alla dirigenza, giocatori scarsi che non sono mai entrati in campo, a cosa sono serviti? Foresti cerri e calabro dovete spiegarlo, abbiamo visto solo jefferson che è un pupillo di calabro ma che è più scarso dei scarsi, non si è voluto almeno provare molinaro che nell’ultima partita regolare nei dieci minuti finale ha portato verve nella squadra, invece curiale jefferson evacuo degli zombie vestiti con pantoloncini. E poi una menzione per scognamiglio il peggior difensore mai arrivato solo, interessato a prendere ammonizioni ed espulsioni. Se un allenatore non riesce a modificare certi atteggiamenti di alcuni calciatori vuol dire che non è cosa sua. Vi ricordate quando non faceva giocare Corapi che aveva capito e gli è lo ha detto, come doveva giocare la squadra e per questo motivo lo ha messo in panchina. Caro calabro molti ti osannano ma già da potenza contro dei quindicenni che ci hanno umiliati si intravedevano le tue grandi lacune, togli il disturbo e se qualche squadra si fa avanti non perdere tempo ad andartene, sei il non gioco brevi nei tuoi confronti era un dio.Adesso con tutti questi catananni e con tutti questi giocatori in prestito si deve ricominciare d’accapo. Una nota per foresti che in una trasmissione se l’è presa tanto con il giornalista Antonio Ciampa solo perchè dice la verità e aveva capito quali erano le problematiche della squadra. Ora vorrei che la dirigenza prendesse atto dell’ennesima disfatta e che ragionasse con la propri testa e non con quella del dg ds e allenatore , la squadra va rifondata in toto, ieri dovevano buttare gli occhi a terra e non sperare in un pareggio, perchè non sai mai come può andare a finire. Purtroppo caro calabro le scuse non servono palermo pagani insegnano, nemmeno trovare le scusanti per gli infortuni, abbiamo avuto 28 giorni per recuperare, sarebbe stato meglio arrivare 10° a questo punto, il tutto comunque è figlio di una campagna di riparazione pessima, bastavano due tre giocatori per nigliorare un organico non eccelso, ma la mentalità di un allenatore pauroso è stata la costante di tutto il campionato.

  • mi associo….un allenatore pauroso di rischiare qualche ragazo che senso ha,….anche se i ringraziamenti sono doverosi ho sempre criticato il Calabro per il non gioco il non voler mettere gli acquisti di gennaio…mah…speriamo facciamo dei ritocchi per questa squadra non è tutto da rifondare

  • Scrivo una settimana dopo il tragico evento.
    Mi dispiace leggere tutte queste critiche anche a gente che il suo dovere l’ha fatto.
    Tuttavia ricordo alcuni particolari.
    Quando è arrivata la notizia della tegola Risolo ho capito che anche quest’anno sarebbe finita male.
    Un risultato finale che dipenda solo dai playoff lascia troppe cose alla dea bendata e altre a chi non ci vuole un gradino più sopra. Risolo, Corapi, Martinelli fanno parte della sfiga. Le ammonizioni ad orologeria gli stessi ammoniti dell’andata anche al ritorno fanno invece parte di un disegno. L’arbitro del ritorno il sig. Marini di Trieste è stato ancora una volta a senso unico. Tutte le decisioni opinabili sono state a ns. sfavore. Compreso l’episodio della punizione . In area stava accadendo di tutto non si può dare la colpa a Di Gennaro di una parabola perfetta in un area dove tutto era ammesso anche l’illecito.
    Calabro ha tenuto lo spogliatoio come nessun altro ha saputo fare negli ultimi anni.
    Ma in campagna acquisti altre cose sono andate storte. Alcuni non sono arrivati per evidenti dispetti costruiti da altri, ad esempio Cuppone e Perez. Tuttavia noi avevamo Tulli e lo abbiamo regalato ai ns avversari.
    Ora credo che bisogna mantenere l’ossatura , uno dei due portieri, Fazio, Risolo, Carlini su tutti. Ma anche Curiale potrà ancora essere utile se non impiegato per 38 partite
    Cercare di contrattualizzare qualcuno di quelli che non ci apparteneva come Pierno, Riccardi e soprattutto Di Massimo che forse a Catanzaro ha fatto il meglio nella sua carriera.
    Mettere in rosa Schimmenti, Furina se torna e qualche altra promessa della primavera. Almeno 10 under 21 in rosa. Cercare almeno due punte da doppia cifra anche in sudamerica se necessario, ma non 38enni.
    Capire se di Scogliamillo e Martinelli possiamo ancora fidarci. Il primo è bravo ma troppo irruento, il secondo bravo ma distratto. Portare in Calabria qualche giovane promessa del Renate, dello stesso Albinoleffe ( Canestrelli) del Matelica possibilmente acquistandoli. Sostituire Corapi magari con lo stesso Giorgione . Puntare su gente che a CZ ci viene volentieri. Dar via senza pensarci due volte Garufo, Jefferson, Grillo e Contessa. Terrei Molinaro che andava utilizzato con l’AlbinoLeffe e che l’anno scorso ha fatto reti in una manciata di minuti. Vedrei bene anche qualche cavallo di ritorno come Icardi, Prestia, Sarao e Tulli. E soprattutto non offenderei chi quest’anno ha vinto dappertutto perdendo tutto a 5 minuti dalla fine.

Scrivi un commento