Catanzaro News Le pagelle

Catanzaro-Bisceglie 2-1: le pagelle

Gol Nicoletti Bisceglie
Avatar
Scritto da Paolo Carnuccio

Il Catanzaro coglie la prima vittoria del 2020 con un Nicoletti in gran spolvero e un Di Gennaro attento nel finale di gara

DI GENNARO: Salva il risultato in almeno due occasioni: la prima all’inizio di gara quando alza sulla traversa una buona conclusione dell’attaccante pugliese, la seconda nei minuti di recupero respingendo un violento tiro su calcio di punizione. Incolpevole sul gol di Ebagua. VOTO 7

MARTINELLI: Disputa una gara più che sufficiente. Lavora bene la palla in disimpegno cercando l’apertura verso il compagno, non commette errori particolarmente gravi sulla marcatura. Si propone spesso oltre la metà campo in appoggio alla circolazione della palla. VOTO 6.5

RIGGIO: Anche lui gioca una gara attenta, guida il reparto difensivo senza commettere sbavature. Concede poco all’avversario anche se in occasione del gol avrebbe dovuto chiudere meglio insieme al suo compagno di reparto. Nel complesso una prestazione in linea con l’intero pacchetto. VOTO 6

CELIENTO: Bene sulle palle alte, altrettanto sul contrasto. La prestazione di Celiento è sempre la solita e si attesta costantemente su buoni livelli. Poteva fare di più sul gol del Bisceglie ma alla fine si dimostra attento ed efficace in ogni altra situazione. VOTO 6

NICOLETTI: Uno dei migliori. Corre tantissimo, affonda nella metà campo avversaria, fa gol, e mette al centro dell’area palloni invitanti per i compagni. La sua azione si allunga anche nella seconda parte di gara. Una delle sue migliori prestazioni stagionali. VOTO 7

MAITA: A corrente alternata. Palleggia bene specie a sinistra mentre sull’altro lato non vede quasi mai il compagno. Non alza particolarmente il ritmo della circolazione della palla, e qualche volta si notano alcune imprecisioni. Nel secondo tempo cala anche la corsa ma la sua gara è comunque sufficiente. VOTO 6

DE RISIO: Pressa tantissimo la palla nella metà campo avversaria, talvolta addirittura la recupera provocando alcune transizioni pericolose. Si muove molto ed in fase di palleggio prova a cambiare spesso fronte di gioco. Lentamente si spegne alla distanza ed affiora qualche errore nel palleggio. VOTO 6

CASOLI: Molto timido e quasi frenato. Non attacca spesso lo spazio, non si propone con dinamismo e non appoggia quasi mai per il compagno. Tiene sempre la posizione con diligenza ma la sua presenza non incide più di tanto nella manovra del Catanzaro. La sufficienza è tirata anche a causa di alcuni errori nella trasmissione della palla. VOTO 6

FISCHNALLER: Come sempre molto mobile ed efficace nel cercare l’uno-due con il compagno. Prova a finalizzare partendo tra le linee, oppure anche nel mezzo della difesa avversaria. Non trova il gol ma la sua prestazione è più che sufficiente perché porta tanta pressione ai difensori avversari e li mette in difficoltà sul palleggio. VOTO 6.5

KANOUTE: Bene nel primo tempo quando punta l’avversario e lo supera in velocità, poi lentamente si affievolisce. Calcia poco in porta perché dopo lo spunto non trova la traiettoria per la finalizzazione. Nel secondo tempo spreca una buona occasione ma è costretto a giocare sul lato sinistro che non esalta le sue caratteristiche tecniche. VOTO 6

GIANNONE: Veloce ed intelligente nello scambio corto e basso, prova a dare velocità alla manovra del Catanzaro anche se i risultati non sono molto efficaci. Trasforma la punizione che porta la squadra sul due a zero. Finisce con l’essere sostituito anche se si fa comunque apprezzare per la sua generosità ed intraprendenza. VOTO 6.5

BIANCHIMANO: SENZA VOTO

MANGNI: SENZA VOTO

MISTER GRASSADONIA: La squadra si nota subito aver lavorato sul piano fisico durante la lunga sosta. Appare briosa e soprattutto molto aggressiva nella riconquista alta della palla. Ciò determina l’abbassamento del rischio sull’errore individuale e la minore pericolosità della squadra avversaria per la palla lontana nella propria metà campo. Il ritmo della circolazione non è ottimale e così l’omogeneità della manovra che ricerca sempre o quasi il lato sinistro. Il vantaggio è meritato e così anche la gestione in controllo della gara contro avversari dotati di tasso tecnico inferiore. Nel secondo tempo, dopo il raddoppio, la squadra è calata di intensità sulla fase di non possesso, si è abbassata di una decina di metri, ha lasciato campo al Bisceglie che ha provato a rimetterla in piedi. Le sostituzioni di Giannone e Fischnaller con Bianchimano e Mangni non hanno cambiato l’assetto ed il sistema di gioco che Grassadonia ha continuato a tenere sul 3-4-3. Non si sono registrati miglioramenti, anzi non solo Kanoute ha sprecato malamente una buona occasione sul lato sinistro a lui non congeniale, ma nel complesso la squadra non è riuscita a tenere la palla nella metà campo avversaria favorendo qualche iniziativa ospite che poteva anche costare il risultato sulla punizione nei minuti di recupero sventata da Di Gennaro. Per la delicatissima situazione di transizione di mercato, i tre punti sono assolutamente importanti anche se ovviamente si aspettano rinforzi in ogni settore del campo. VOTO 6

A proposito dell’autore

Avatar

Paolo Carnuccio

6 Commenti

  • Nicoletti e’ molto migliorato ma deve lavorare meglio sui cross , discorso contrario per Riggio dovrebbe mangiarsi l’avversario con piu’ grinta e cattiveria e invece rimane timido e lento negli appoggi . Bene Casoli nei recuperi meno nella costruzione .Il centrocampo nelle ripartenze deve accompagnare l’azione per farsi trovare pronto davanti l’area , nel primo tempo in un paio di azioni sono rimasti troppo lontani dal compagno che crossava.

  • Martinelli quando sembra che stia giocando bene puntualmente combina la sua cazzata: in occasione del gol del Bisceglie prima si fa trovare impreparato sullo scatto di Ebagua, poi goffamente gli serve l’assist per farlo battere a rete.
    Dopo il gol perde la bussola e sbaglia ancora qualche appoggio.
    È un buon calciatore, senza dubbio, ma deve mantenere sempre la migliore concentrazione.

  • GdS – “Contessa, Atanasov, Corapi e Di Piazza: Catanzaro sogna”
    14.01.2020 10:00 di Antonino Sergi Vedi letture
    © foto di Andrea Rosito
    GdS – “Contessa, Atanasov, Corapi e Di Piazza: Catanzaro sogna”
    Dopo il mercato esclusivamente in uscita, il Catanzaro si dedica anche ai movimenti in entrata. Argomento sottolineato anche nell’edizione odierna de La Gazzetta dello Sport che indica i nomi dei prossimi rinforzi. “Stretta finale per una squadra grandi firme a dimensione e misura per Grassadonia. Il Catanzaro ha nel mirino quattro rinforzi, uno per reparto: l’attaccante Matteo Di Piazza, l’esterno sinistro Sergio Contessa, il difensore Zhivko Atanasov, il centrocampista Francesco Corapi.Il d.s. Logiudice è pronto a calare il poker sul tavolo del tecnico Grassadonia nel giro di qualche giorno. Magari entro questa settimana”.

  • Nicoletti migliore in campo, non so se è il caso di venderlo comunque come rincalzo può fare comodo.
    Kanoute ultimamente non mi piace, voto 5.
    Gli altri voti li condivido.
    Casoli sta migliorando ora merita sempre la sufficienza piena

Lascia un commento