Catanzaro News La Striscia

Catanzaro-Casertana all’insegna del numero 4

Sin qui due vittorie dei giallorossi contro una dei rossoblu nei tre precedenti in stagione. Martinelli squalificato: Riggio in vantaggio per giocare titolare

Entra nel vivo la settimana che poterà al quarto incontro stagionale tra Catanzaro e Casertana. I giallorossi si sono ritrovati al “Gullì” di Giovino questo pomeriggio per una sessione aperta al pubblico e caratterizzata dal lavoro con la palla. Il gioco voluto da mister Auteri è chiaro ed evidente: possesso palla, fraseggi veloci ed imbucate, ma soprattutto una manovra che coinvolga tutti gli effettivi che devono sia attaccare che difendere tutti insieme, ovvero da squadra, così come sottolineato nell’intervista andata in onda nel programma “Area C” su Sky Sport 24.

ALTRA OCCASIONE PER RIGGIO?

Cristian Riggi: calciatore del CatanzaroContro i falchetti non ci sarà lo squalificato Martinelli, appiedato dal Giudice Sportivo per un turno in seguito al rosso diretto rimediato contro il Rieti. Dovrebbe recuperare Celiento sul centro destra con Atanasov stabilmente al centro della difesa. Chi sostituirà quindi Martinelli? Le opzioni calde sembrano due al momento.

La prima sarebbe quella di dare continuità a Riggio che in quella posizione ha giocato diverse volte in carriera, specialmente ed in maniera stabile l’anno scorso quando il pacchetto arretrato era composto da Celiento e Figliomeni insieme all’ex Akragas.

L’altra opzione, trovandoci sul centro sinistra sarebbe rappresentata da Nicoletti che arretrerebbe sulla linea dei tre di difesa. Mister Auteri lo ha spesso impiegato in quella zona di campo.

Ha perso ormai posti nelle gerarchie, invece, Quaranta che tra prestazioni non indimenticabili ed infortuni non gioca in campionato dal lontano Catanzaro-Rende 1-1 del 27 ottobre.

QUI CASERTA

La Casertana si presenterà al “Ceravolo” con due pesanti assente per squalifica, ovvero il centrocampista D’Angelo che segnò il decisivo 2-1 nello scorso campionato al “Pinto” e l’esterno Zito. I falchetti non stanno attraversando un gran momento di forma ed oltre a puntare alla zona playoff devono cominciare a guardarsi anche alle spalle in classifica.

CATANZARO-CASERTANA: 2 VITTORIE AD 1 IN STAGIONE

La gara di domenica tra Catanzaro e Casertana sarà all’insegna del numero 4.

Sarà la quarta gara tra le due compagini in questa stagione e le aquile sono alla ricerca della quarta vittoria consecutiva dopo quelle con Sicula Leonzio, Viterbese e Rieti.

Il 4 agosto le due compagini sono contro all’esordio stagionale in Coppa Italia Nazionale. Al “Ceravolo” va in scena la classica partita d’agosto. Nel secondo tempo la sblocca Aimone Calì (nel suo unico gol in maglia giallorossa). Quando l’US sembra avere la gara in pugno, pareggia nel finale Cavallini. Si va ai supplementari. Da corner svetta Nicastro per il 2-1 giallorosso dopo appena quattro minuti. Il tris lo offre Kanoute con un delizioso tocco sotto in contropiede. Il 4-1 lo sigla ancora Nicastro.

Il 29 settembre va in scena la partita d’andata di campionato al “Pinto”. Le aquile sono prime in classifica ma hanno già perso a Viterbo due settimane prima. L’approccio dei giallorossi è dei peggiori e Gigi Castaldo porta in vantaggio i suoi dopo un quarto d’ora, liberandosi facilmente di Martinelli. Il Catanzaro è assente e così sul finire di primo tempo raddoppia Starita. Nella ripresa accorcia le distanze Casoli, poi non si gioca più. “Spariscono i palloni” ed i calciatori rossoblu giocano molto con il cronometro specie quando subiscono falli. Finisce 2-1 proprio come 365 giorni prima.

Il 27 novembre le due compagini si ritrovano in Coppa Italia Serie C. I rossoblu giungono in Calabria con una squadra molto rimaneggiata. Una doppietta di Fischnaller chiude la pratica nei primi dieci minuti di gara.

Il verdetto sin qui è di due vittorie ad una dei giallorossi ma forse nella partita più importante i 3 punti sono andati ai falchetti. La certezza è che domenica, in campo, andrà un Catanzaro totalmente diverso ed affamato di punti.

A proposito dell’autore

Ferdinando Capicotto

Ferdinando Capicotto

4 Commenti

  • Secondo me, non dovrebbero esserci dubbi su chi far giocare, naturalmente riggio, che perlomeno si danna l’anima e non passa i palloni indietro come continuamente fa nicoletti col rischio di prendere imbucate dagli avversari, anche sabato tra lui che non chiude la diagonale e martinelli che prende 5 metri da chi ha segnato abbiamo incassato una rete evitabilissima.. Questa è una difesa che mi da fiducia. Martinelli anche se ha fatto in tutto una sola buona partita, si specchia troppo e ci ha fatto perdere l’80% delle partite. Comunque il mister saprà trovare le giuste misure. Riempiamo lo stadio per prepararci al meglio per quando arriva la reggina, per far vedere che anche noi superiamo i diecimila spettatori.

Lascia un commento