Catanzaro News Dalla Redazione In primo piano

Catanzaro – Potenza 1-1

Tony Marchese
Scritto da Tony Marchese

Pietro Cianci su rigore riacciuffa una gara che si era messa male

Si continua sulla falsa riga della gara con il Picerno. Le lucane hanno evidenziato tutti i limiti dei GialloRossi in questo avvio di campionato. La squadra di Mister Calabro fa del possesso di palla il suo maggior punto di debolezza. Tenere la palla a centrocampo e farla girare lentamente tra i tre difensori per poi sparacchiarla piu’ o meno a casaccio in avanti e’ la soluzione piu’ praticata per tutto il primo tempo. Risultato, zero tiri verso la porta avversaria. Il Potenza da parte sua fa la sua onesta partita, fatta di corsa, sudore e sofferenza, ad inizio gara porta al tiro di testa Cargnelutti con Branduani che salva in angolo, poi bada sopratutto a difendersi.

Il secondo tempo inizia con il Catanzaro che sostituisce l’ancora fuori forma Cinelli con Risolo, la manovra a centrocampo risulta piu’ fluida. Il Catanzaro crea due buone occasioni su calcio da fermo. Prima Vandeputte batte una punizione da destra che trova Carlini appostato sul secondo palo, ma purtroppo la deviazione a rete da circa mezzometro non riesce al forte attaccante delle Aquile, successivamente e’ Vasquez che in seguito alla battuta di un calcio d’angolo sempre da destra, anticipa il portiere ospite indirizzando la palla in rete, ma sulla linea libera un difensore. Inizia la girandola delle sostituzioni e Mister Calabro stravolge la squadra cambiando gli esterni. Porcino e l’ottimo Rolando lasciano per Bombagi e Bearzotti. Imbottita di trequartisti la manovra e’ ancora piu’ confusionaria di prima. Entra anche Cianci per Carlini, adesso al centro c’e’ anche lui oltre a Vasquez. Al 77′ il Potenza passa. Ci sono due angoli consecutivi dalla destra del fronte d’attacco ospite, gia’ la prima volta Matino riesce a colpire di testa con salvataggio sulla linea di Martinelli, la seconda volta sempre Matino prende il tempo a Bombagi e riesce a toccare la palla indirizzandola in rete.

Le Aquile reagiscono e trovano il pareggio su rigore (che per onesta’ noi non abbiamo visto) assegnato per un presunto fallo in area su Cianci, lo stesso attaccante barese realizza dagli undici metri regalando al Catanzaro un tutto sommato meritato pareggio.

Con questo pareggio il Catanzaro sale a cinque punti in classifica, per il Potenza e’ il secondo punto guadagnato in questo campionato frutto di altrettanti pareggi.

TM

Autore

Tony Marchese

Tony Marchese

5 Commenti

  • Il rigore non l’ hai visto, le continue perdite di tempo ? Basta scrivere sempre contro, scrivendo pure di un rigore che non hai visto! E tutti i rigori che ci hanno negato da quando siamo nati lì hI visti ?

  • Primo tempo regalato, troppe mezze punte e l’unico vero attaccante cianci fuori. Non un tiro in porta. Se rolando e porcino che già lo scorso torneo ha dimostrato tutti i suoi limiti vengono puntualmenti sostituiti, perchè sono stati acquistati. Se metti cianci devi lasciare rolando che sa mettere i palloni in area e non sostituirlo. Calabro dimettiti non è cosa tua fare l’allenatore. Ci sono tanti giocatori bravi in squadra ma giochi a fargli fare brutte figure per come li utilizzi, sei l’anello debole della squadra. Speriamo che il presidente si renda conto dei soldoni che gli hanno fatto spendere per accontentare calabro e tragga le dovute conseguenze a costo di allontanare anche foresti il suo mentore.

  • Il rigore di oggi é stato regalato, ma questo é un bene e come dice storico é giusto, visto tutto ciò che ci è stato estirpato. Il problema è continuare a far finta che Calabro sia adeguato al contesto ed alle ambizioni di questa squadra. Calabro può allenare la Paganese o in Serie D. È un allenatore da salvezza più o meno tranquilla. Purtroppo perdiamo tempo e punti che non potremo recuperare. C’è solo da sperare che dopo la sconfitta di Palermo lo tolgano senza attendere oltre, per sperare almeno di puntare ai play off con un posizionamento onorevole.

  • Alla terza partita tutte queste sentenze? Almeno aspettiamo la sesta, settima giornata, quasi nessuna squadra che poi è stata promossa è partita a razzo

Scrivi un commento