Numeri Giallorossi

Catanzaro pronto a partecipare alla sua quarantunesima Coppa Italia

Nei 143 incontri giocati sin qui sono 55 le vittorie. Con la Casertana un precedente nel 1987-1988

Manca veramente poco all’esordio ufficiale del Catanzaro stagione 2019-2020. Domani i giallorossi, in Coppa Italia, ospitano la Casertana per un match che si prospetta tutt’altro che sereno. I rapporti fra le due tifoserie non sono idilliaci e soprattutto i falchetti sono una compagine che è pronta a giocarsi le proprie chance anche in questa stagione con calciatori come Gigi Castaldo che proprio al “Ceravolo” stava per recuperare da solo il 3-0 del primo tempo – siglato Figliomeni e doppio Bianchimano – con una doppietta nell’incontro di ritorno del passato campionato.

Le aquile partecipano alla manifestazione per la quarantunesima volta nella propria storia.

27 sono le edizioni nelle quali i giallorossi si sono fermati al primo turno o girone eliminatorio, 4 volte al secondo turno, 2 volte al terzo. In una edizione il Catanzaro è stato eliminato sia ai sedicesimi di finale che agli ottavi ; due volte l’eliminazione è avvenuta ai quarti di finale. In due circostanze l’US ha sfiorato l’accesso in finale: nel 1978-79 quando fu la Juventus . che poi vinse la Coppa contro il Palermo – a passare in finale per via dell’1-1 del “Ceravolo” e del 4-2 rifilato a Torino (in quella edizione Massimo Palanca fu il capocannoniere con 8 reti); nel 1981-1982 invece si impose l’Inter contro il Torino. I neroazzurri dopo aver battuto i giallorossi 2-1 a Milano persero 3-2 ai tempi supplementari al “Ceravolo”. In entrambe le circostanze il Catanzaro militava in Serie A. Non finisce qui perché le aquile nel 1965-1966 arrivarono a giocarsi la Coppa contro la Fiorentina. Alla rete di Hamrin al 30’ pareggiò Marchioro al 47’. Al 119’ la decise Bertini dal dischetto per i viola. In quella stagione il Catanzaro terminò decimo in Serie B.

Il bilancio è negativo tra vittorie e sconfitte. Nelle 143 partite disputate sin qui l’US ne ha vinte 55 (di cui 3 ai calci di rigore), pareggiate 27 e perse 61 (4 dal dischetto) con 175 gol fatti ed uno in più subito. Al “Ceravolo” sono 75 le partite giocate. 38 successi (di cui uno ai rigori), 17 segni X  e 20 gare perse (di cui 2 ai rigori) con 104 reti segnate e 61 incassate. Fuori casa o campo neutro sono 68 i match giocati. Solo 17 le vittorie (2 ai rigori), 10 i pareggi, ben 41 le sconfitte (2 dal dischetto) con 71 gol realizzati e 115 presi.

Contro la Casertana c’è un solo precedente e risale alla stagione 1987-1988 ma in trasferta. Vinsero i falchetti per 1-0.

L’ultima apparizione dei giallorossi è datata 2 agosto 2015. A Lecce gli uomini dell’allora mister D’Urso persero ai rigori dopo che il match terminò a reti inviolate. In casa il Catanzaro non gioca un incontro di Coppa Italia dal 2-0 rifilato all’Akragas del 10 agosto 2014 con reti di Martignago e Silva Reis. Era il primo turno e i giallorossi del tecnico Moriero persero poi a Terni per 2-1.

Una piccola curiosità è relativa al centesimo gol dell’US nella manifestazione, realizzato proprio alla Juventus in quella doppia semifinale del 1979.

A proposito dell’autore

Ferdinando Capicotto

Ferdinando Capicotto

29 Commenti

  • Ma se dovessimo acquistare un altro forte giocatore (attaccante?) chi ci ferma più?
    Dovrebbero mandarci direttamente in B per manifesta superiorità.
    💊❤️💛❤️💛❤️💛💥💯💪💪

  • Istruzioni per l’uso del forum
    “La tv aveva promosso lo scemo del villaggio rispetto al quale lo spettatore si sentiva superiore. Il dramma di Internet è che ha promosso lo scemo del villaggio a portatore di verità.
    I social media danno diritto di parola a legioni di imbecilli che prima parlavano solo al bar dopo un bicchiere di vino, senza danneggiare la collettività. Venivano subito messi a tacere, mentre ora hanno lo stesso diritto di parola di un Premio Nobel. È l’invasione degli imbecilli.” (U. Eco)
    Io credo che lo scemo del villaggio ci sia sempre stato. È vero che la TV ha la sua responsabilità nel dare visibilità a discutibili personaggi. Ma Internet è un ambiente diverso. Anche lo scemo del villaggio ha il diritto di dire la sua verità sul web. Ed è giusto che sia così, perché lo dice la Costituzione e perché l’architettura del web deve restare aperta, almeno idealisticamente (nella realtà, all’interno dei social network, ci sono già fin troppi algoritmi e filtri che, in maniera più o meno trasparente, la fanno da padrona). Anzi, dirò di più: è proprio grazie alla presenza delle corbellerie degli scemi del villaggio globale che sul web possono emergere, per contrasto, in maniera più cristallina i contenuti di valore.

    • Caro Saro il tuo messaggio sullo scemo del villaggio dopo il mio sembra che sia riferito a me.
      Però conoscendo le tue opinioni so che non è così 🤣

  • Catanzaro inter 3a2, semifinale, anni ottanta meravigliosi, palo di sabato a poco dal termine….
    Che peccato, sarebbe stata la nostra seconda finale… Vabbè ora sono altri tempi…
    Però crediamoci… X andare più avanti possibile..
    Pordenone, degli ultimi tempi, docet

  • Grande Alberto, ho cercato di dare, in generale, istruzioni per l’uso del forum.
    Comunque, nel ringraziarti, ti faccio presente che tutto il mondo è paese: gli scemi del villaggio globale si trovano ovunque.
    Forse anche nel nostro forum irromperà qualcuno in grado di superare le gesta di Bastiano, lo scemo del villaggio del mio paese.

  • Cari ragazzi , il cazzeggio a catanzaro è sempre stato di casa e ben gradito , purché non sconfini nelle offese personali ….Domani si riprende un’ altra avventura …Deve riprendere con l’ affetto e la partecipazione da parte dei tifosi come ci siamo
    lasciati ai playoff . Credetemi per me e per tantissimi che vivono.al nord aver rivisto quell’ affetto dei tantissimi tifosi giunti da ogni parte d’ italia e persinò dalla lontana Germania e Svizzera a Salo’ o all’ arrivo dei nostri giocatori a malpensa con lo sguardo incredulo delle persone presenti come se militassimo in serie A , è stato ritornare indietro di 40 anni ….Quando il catanzaro con i suoi splendidi tifosi riempiva gli stadi del nord ( milano – brescia- bergamo – bologna- firenze ) ..ecc. RITORNIAMO da come ci siamo lasciati , stando a fianco del nostro grande presidente ing. Floriano Noto , dei nostri calciatori e del nostro number one Auteri ..Non abbiamo paura di nessuno ..Siamo la regina del sud …Vogliamo la serie BBBB…Forza Giallorossi sempre ; riempiamo il Ceravolo … Un saluto dal profondo Nord dalla Legnano Giallorossa …

  • Grande Alberto, ho il sospetto di essermi sbagliato: il successore di Bastiano potrebbe avere già fatto irruzione nel nostro forum.
    Pensiamo al Catanzaro per il quale abbiamo sempre tifato e speriamo di salvarci ai play out, nonostante quel disastro di allenatore che abbiamo.
    Per non parlare del Presidente Noto il quale, secondo autorevoli fonti, è in procinto di chiedere la carità davanti al sagrato della chiesa.
    Avanti Aquile.

  • Caro Pasquale, hai riassunto mirabilmente la commovente grandezza della nostra Piazza che supera i confini nazionali e continentali.
    Quanto alle offese personali (almeno quelle nei miei confronti), mi regolo alla maniera di quel Tale che suggerisce: “non ragioniam di lor, ma guarda e passa”.
    Avanti Aquile

  • Finalmente si inizia. E’ solo Coppa Italia dirà qualcuno, ma ricordiamoci che è coppa TIM per cui facciamo bella figura!!! Domani si inizierà a capire di che stoffa è fatto il Catanzaro di quest’anno.
    Il campionato sarà altra cosa, sicuramente, e spero soprattutto che non si perdino punti da scemi come abbiamo fatto l’anno scorso, quando dominavamo le partite e poi (compresa la Casertana) ci fregavano con dei golletti stupidi.

  • FORZA CATANZARO… SEMPRE!
    X FANG 84….
    CONFERMO LA MIA PRESENZA PER LA PER LA PRIMA DI CAMPIONATO….
    IL 21 ARRIVO A FIRENZE, IL 24 NOTTE PRENDO UN PULMAN DA PISA E IN 13 ORE ARRIVO AL MOTELAGIP… VAYU E MI YETTU A LU MARA E TORNU GIUSTU GIUSTU PPA PARTITA … VIU SI ARRIVU N’ORICEDA PRIMA, MA MI RESPIRU NU POCU E ARIA GIALLOROSSA… CA CU SAPA QUANDU POZZU TORNARA NATRA VOTA, SU 4 ANNI KA NON TORNU….
    WUAGLIO’ NI VIDIMU E DA’…
    MAGLIETTA 14 RIGGIO A STRISCE GIALLOROSSE E MANICHE BIANACHE
    A PARTITA E A LI CINCU?

    AQUILEEEE…AQUILEEEE…AQUILEEEE… SI SVEGLIA LA CALABRIA INTORNO A TUOI COLORIIII…
    AQUILEEEE…AQUILEEEE…AQUILEEEE… IL GIALLO DELLA TERRA IL ROSSO DEL MIO CUORE!!!
    AQUILEEEE…AQUILEEEE…AQUILEEEE… MILIONI DI PENSIERI PER UNA RETE IN PIUUUUU’ ….
    DALLA LONTANA AMERICA DALLA GERMANIA IN POI…
    UN GRIDO DI SPERANZA SIETE VOIII….

    DEDICATA A CICCIO 🙂

  • Naturalmente, solo a pensarci e a rivedere le immagini, mi venanu i pilorci e i lacrimi.
    Invece di battibeccare in questo forum, facciamo i tifosi, cioè tifiamo

  • Io ricordo un gol di palanca contro il Cesena, al volo su lancio dalla tre quarti,al futuro portiere del Milan Rossi e nel secondo tempo al grido di Rossi Rossi faffan.. Ulo mimava il gesto del direttore di orchestra facendo imbufalire la ovest, poi diventata capraro. Bei tempi sigh!

Lascia un commento