Catanzaro News Numeri Giallorossi

Catanzaro-Teramo 1-0: le statistiche

Terza vittoria in casa per le Aquile di mister Calabro. Quarta partita senza subire gol, la seconda al “Ceravolo”

Dopo l’Avellino, il Catanzaro ha sconfitto anche l’imbattuto Teramo. I giallorossi si sono imposti al “Ceravolo” grazie ad un gol di Carlini (il quarto in campionato) al 71′. Quinta rete per le Aquile nel quarto d’ora che va dal 60′ al 75′ e settima realizzazione su dieci nelle riprese. Contro i biancorossi, Branduani ha ottenuto il suo quarto clean sheet del torneo, il secondo interno. L’US ha conquistato la sua terza vittoria in quattro partite al “Ceravolo” dove ha incassato due reti entrambe da calcio da fermo.

Al livello di occasioni gli abruzzesi non hanno creato praticamente niente con il migliore in campo tra le fila degli ospiti che è stato il portiere Lewandowski. Se la gara fosse finita con un punteggio molto più largo non ci sarebbe stato molto da dire.

In sette partite disputate al “Ceravolo” il Teramo ha segnato un solo gol, anzi se l’è fatto il Catanzaro con un autogol di Celiento nella scorsa stagione. Continua ad essere un campo maledetto per i biancorossi.

LE STATISTICHE

Dal punto di vista prettamente numerico il Catanzaro ha calciato sette volte contro le cinque degli ospiti. Ben sei conclusioni dell’US dentro l’area di rigore; due quelle degli abruzzesi. Venendo ai tiri in porta se ne sono contati cinque delle Aquile, di cui quattro dentro l’area di rigore contro il solo colpo di testa di Iotti, bloccato da Branduani su corner.

Lewandowski, invece, si è dovuto superare dopo appena venti secondi su Carlini, poi è stato impegnato su un colpo di testa di Evacuo e su una conclusione a botta sicura di Riccardi (entrambi su angolo) ed ha salvato il 2-0 su Curiale.
Non tanti cross arrivati nelle rispettive aree: sei a tre per il Catanzaro. I giallorossi hanno effettuato tre traversoni per fascia e su un cut back di Di Massimo per Carlini è giunto il gol partita. Perfetto l’inserimento nell’half space della punta.

Dodici a quattordici le punizioni fischiate dal direttore di gara, mentre il conto dei corner è stato di tre a due in favore dei padroni di casa, vicini alla rete con due angoli nel primo tempo.

L’arbitro ha estratto tre gialli in faccia ai calciatori del Catanzaro, nessuno al Teramo.  I calciatori delle Aquile sono terminati in quattro occasioni in offside, tre quelli degli abruzzesi.  Nessun calcio di rigore e nessuna espulsione.

A proposito dell’autore

Ferdinando Capicotto

Ferdinando Capicotto

Lascia un commento