Catanzaro News Interviste video

Grassadonia: «Il Catanzaro deve giocarsela con tutti»

Le parole del tecnico giallorosso alla vigilia della sfida con il Monopoli

Sfida interessante al “Ceravolo” per il Catanzaro che attende il Monopoli. Una vittoria dei giallorossi proietterebbe proprio le aquile a -2 dai pugliesi. Mister Grassadonia ha incontrato la stampa. Di seguito le sue parole.

Il tecnico ha ancora dei dubbi di formazione. <<La squadra sta bene. Affrontiamo una compagine forte che ha fatto un gran girone d’andata. Negli anni si sono confermati a buoni livelli. È una partita molto importante. Conta perché vincendo possiamo avvicinarci, aumentare l’entusiasmo attorno alla squadra. Siamo molto fiduciosi.

Mi porto un dubbio per reparto. Atanasov è arrivato mercoledì, Corapi ieri. Il 22 c’è un’altra partita. Cercherò di mettere in campo la migliore formazione.

Il Monopoli attacca bene con tanti uomini. È una squadra fisica, ben strutturata>>.

Questione mercato. <<La società ha le idee molto chiare. Era in preventivo un cambio strutturale importante. Ci sono altri 15 giorni di mercato. Da giorno 3 è cominciato un percorso nuovo che ci deve portare a scalare la classifica.

Manca ancora un giocatore a centrocampo. È arrivato Corapi che ha voluto fortemente Catanzaro. È un giocatore dalla forte esperienza. Abbiamo provato a trattenere Maita ma il suo tempo è arrivato specie a livello mentale. Mi auguro che ritrovi la serenità che qui non aveva. Spero possa crescere e gli facciamo un in bocca al lupo. Voleva andare via e non possiamo trattenere i calciator

Per quanto riguarda l’attacco non nego che possa esserci qualche scossone. Bisogna valutare alcune situazioni. Chi domani scenderà in campo farà il suo dovere. Bianchimano sta cercando di capire cosa cerco. Lo vorrei più cattivo perché per il fisico che ha deve far rimbalzare i difensori. Domenica mi è piaciuto il suo ingresso>>.

Entusiasmo e spirito diverso. <<Il Catanzaro se la deve giocare con tutti. C’è uno spirito completamente diverso. Sapevo che sarebbero stati due mesi dove bisognava parare i colpi. Non ci vogliamo nascondere. La società sta operando nel modo migliore per giocarsela fino in fondo>>.

L’allenatore crede nel settore giovanile. <<Sono cresciuto come allenatore lavorando con i giovani. Tanti ragazzi come Deli, Cicirelli, Migliore, Gori sono cresciuti con me e stanno facendo una carriera importante. Nel settore giovanile ci sono giocatori interessanti che andrebbero fatti allenare con noi sistematicamente>>.

A proposito dell’autore

Ferdinando Capicotto

Ferdinando Capicotto

9 Commenti

Lascia un commento