Calciomercato Catanzaro News

Ufficiale: Maita è un calciatore del Bari

Redazione
Scritto da Redazione

Il centrocampista è stato ceduto ai pugliesi a titolo definitivo

Per un centrocampista che arriva (Corapi), ce n’è un altro che lascia la maglia giallorossa. Non uno qualsiasi. Il capitano. Sei anni in giallorosso. Croce e delizia di una piazza con la quale non è mai riuscito a legare fino in fondo. Mattia Maita lascia il Catanzaro per approdare a Bari a titolo definitivo. Ieri sera l’arrivo in Puglia. Stamattina le visite mediche e la firma sul contratto.

La cessione del calciatore 26enne è stata al centro di un autentico intreccio di mercato maturato nel corso delle ultime due settimane. Prima il Cosenza nell’ambito di un possibile scambio con Leandro Greco. Poi un numero indefinito di squadre di serie C. Alla fine l’approdo alla squadra di De Laurentiis. Cifre e dettagli dell’operazione non sono note e probabilmente contano meno del peso specifico di un’operazione che sancisce la rivoluzione tecnica in corso.

Di seguito la nota con la quale il Bari ha ufficializzato l’acquisto di Maita.

La SSC Bari S.p.A. comunica di aver acquisito a titolo definitivo dall’US Catanzaro 1929 i diritti delle prestazioni sportive del calciatore Mattia Maita (Messina, 29 luglio 1994).

Il duttile centrocampista classe ’94 è a disposizione di mister Vivarini per svolgere la prima seduta di allenamento con i nuovi compagni. 

Il debutto tra i professionisti arriva presto per il calciatore siciliano che, nella stagione 2010-2011, esordisce in Serie B con la maglia della Reggina; una mezz’ora circa di fine stagione che gli apre, per la prima volta, le porte del Catanzaro (8 presenze totali in sei mesi). Rimini (30 presenze) e Lumezzane (25 presenze) prima di tornare alla Reggina nella stagione ’14-’15. Arriva in estate il secondo passaggio al Catanzaro con cui, dal 2015 ad oggi, colleziona ben 137 presenze segnando 6 reti, arrivando a vestire la fascia da capitano. 

Benvenuto Mattia !

A proposito dell’autore

Redazione

Redazione

Dal 2002 il portale più letto e amato dai tifosi giallorossi del Catanzaro

23 Commenti

  • NON RISPONDETE A AQUILONE
    RAGAZZI. AQUILONE E’ IL SOLITO REGGINO… DI SEMPRE CHE SOTTO MENTITE SPOGLIE METTE ZIZANIA….
    VE LI RICORDATE FRANCESCO NICOLA AQUILAREALE E TUTTI. I NIK CHE SI INVENTA PER PRENDERCI IN GIRO…

    ECCO… LUI TOSTO…
    MEZZO UOMO SENZA UOMO… L ORGOGLIO DI UN CRICETO…. MENOMALE CHE A REGGIO NON SONO TUTTI COME TE…. SEI LA VERGOGNA DELLA TUA CITTA…. AAAA METROPOLITANA… HIHI SORRY

  • la versione integrale dello sbruffone Lucarelli…udite udite….
    Testa al calciomercato e da qui fino al 31 gennaio sarà un susseguirsi di voci e di fatti, ma adesso tocca battere il Monopoli in una partita che può e deve rilanciare le ambizioni del Catanzaro in campionato.

    Battere i pugliesi è fondamentale anche perché dietro l’angolo ad attendere il Catanzaro c’è un doppio colpo in entrata che dovrebbe essere in dirittura di arrivo già da lunedì, quello di Matteo Di Piazza dal Catania e di Giacomo Tulli dal Trapani. Entrambi non convocati dai rispettivi tecnici. Nel pomeriggio abbiamo avuto modo di raccontarvi quello che è successo nella conferenza stampa di Cristiano Lucarelli.

    Catanzarosport24.it che costantemente tiene aperta una finestra su questa importante sessione di calciomercato, ha intercettato una dichiarazione di Giovanni Tateo in risposta a mister Lucarelli, che in sostanza fa capire di come il passaggio di Di Piazza al Catanzaro sia ormai maturato e gli avvenimenti che lo hanno caratterizzato.

    Tant’é che alle parole del tecnico siciliano risponde l’agente di Matteo Di Piazza, Giovanni Tateto che a Ita Sport Press ha dichiarato di come le parole di Lucarelli siano lesive ed ha inoltre aggiunto di aver avviato un trattativa in prima persona con Lo Monaco al di là di quanto l’A.D. catanese ha riferito allo stesso Lucarelli, rimarcando di come di Piazza vuole fortemente venire a Catanzaro, e dalle parole dello stesso Tateo si capisce che l’affare Catanzaro-Di Piazza possa dirsi concluso. Eccovi la dichiarazione di Tateo rilasciata qualche minuto fa a ITA Sport Press:

    “Le affermazioni del mister, alla luce della reale situazione del Catania, sono altamente lesive della dignità dell’uomo e del professionista Matteo Di Piazza –sottolinea Tateo a Itasportpress-. Il calciatore merita rispetto e non parole che denigrano ingiustamente la sua immagine ed il suo profilo di uomo. Il ragazzo ha dimostrato, contrariamente a quanto affermato da Lucarelli, il proprio coraggio esternando un giusto malcontento per la situazione venutasi a creare, diversamente da altri compagni che hanno manifestato ipocrisia dichiarando di abbracciare la causa solo perché non hanno ricevuto richieste da altri club“.

    IL MESSAGGIO – “Il tecnico evidentemente dimentica un passaggio importante della vicenda Di Piazza: è stata la società a metterlo sul mercato quando gli ha inviato quel messaggio a fine dicembre dove lo invitava ad andare via avendo un ingaggio elevato –chiarisce Tateo a Itasportpress -. Addirittura c’era scritto nel messaggio che il club etneo non avrebbe chiesto nulla ai club disposti ad acquistarlo. Siccome Matteo ha uno stipendio importante, proprio per dare una mano al Catania che è in difficoltà, mi sono messo subito al lavoro avviando un colloquio con il Catanzaro. Di Piazza non ha mai chiesto di andare via da Catania, sono stato io ad attivarmi dopo quel segnale di allarme lanciato dalla dirigenza etnea a fine anno”.

    FALLIMENTO – “Non scordiamoci che sono stato a Cosenza per una settimana per portarlo a Catania dove il calciatore per dire sì al club etneo ha rinunciato ad altre società che gli offrivano molto più . Inoltre il ragazzo non può permettersi di subire una secondo fallimento, dopo quello di Savoia, visto che ha famiglia. Detto questo non sono intervenuto per fare polemica con il Calcio Catania visto che ho ottimi rapporti con tutti, con lo stesso Lucarelli e in particolare con Pietro Lo Monaco ma definire un pauroso Di Piazza non è corretto anche perchè si dà una immagine totalmente fuorviante del calciatore che in campo ha dato sempre il massimo”

    Ora battiamo il Monopoli !!

  • Leggete chi è Maita x Vivarini e cosa è Maita per il Bari.
    Purtroppo a Catanzaro si è tutti Geni.
    Leggete la prestazione di Figliomeni col Gozzano contro la Pistoiese.
    Tra i migliori in campo immolandosi è riuscito a salvare sulla linea il goal vittoria della Pistoiese. È come se avesse fatto un goal. Gran giocatore di serie superiore. I commenti sono leggibili su Tutto C .
    Abbiamo Potenziato gli avversari e di conseguenza Indebolendoci.

  • Caro Lop, Galileo disse : e’ pur si muove….
    . ma qua c’è l’inquisizione al contrario esattamente come a quell’epoca quando volevano bruciare vivo Galileo Galilei .. l’ignoranza non la combatterai mai .. questa è l’unica lcertezza ..
    nn vedo ancora cosa aspettano su aquilone70 x bannarlo invece di bannare me x qualche settimana dove non ho potuto più scrivere come a e fossi stato squalificato x aver detto delle sacrosante verità … ho sempre speso buone parole sulla società e sul nuovo tecnico e forse qoesto non sta bene qui sopra.. ora vediamo se in attesa di essere publicato daranno voce ad un vero tifoso come me che vuole solo il bene e non mette zizzania come i reggini che circolano invece ancora indisturbati su questo spazio sacro!.. lol

  • Dobbiamo ammettere che Maita è stato il giocatore con migliore tecnica e classe che abbiamo avuto negli ultimi anni. Io penso però che, in tutte le cose e soprattutto nel calcio, c’è sempre un inizio e una fine. Poi ultimamente non mi è sembrato molto motivato in campo, per non parlare del CARATTERE DA CONDOTTIERO che non ha mai avuto. La Società a deciso di cambiare registro, lasciamola fare anche perchè i calciatori che sta acquisendo sono buoni e magari l’avesse fatto ad agosto. Vedremo poi in futuro se è stata brava o no, ma al momento pensiamo solo a tifare e stare vicino alla squadra per migliorare il nostro piazzamento in classifica.

  • Una partita da vincere per riprendere una stagione. È questo il diktat all’insegna del quale oggi gli uomini di Grassadonia devono scendere in campo nella gara contro i biancoverdi pugliesi.
    Il mister non lo ha detto apertamente ieri nel corso della conferenza stampa della vigilia ma sia lui sia i suoi ragazzi lo sanno bene: quella odierna rappresenta la partita della svolta di un campionato che ad oggi non ha dato sussulti, anzi diciamolo senza nasconderci, ha piuttosto deluso.
    Non fa mistero il tecnico del fatto che all’interno dello spogliatoio si respira un’aria nuova, avverte un maggiore entusiasmo da parte dei ragazzi. La prevista rivoluzione in uscita (non ancora terminata) e l’arrivo dei primi elementi hanno dato una carica maggiore in quanto c’è la convinzione che il processo di miglioramento sta per iniziare, sia sotto l’aspetto tecnico sia sotto quello m mentale. La gara odierna riveste un’importanza fondamentale per dare nuovo slancio ad una stagione che può e deve essere ripresa. Una gara che, come dichiarato dal tecnico giallorosso “conterà un po’ di più nonostante ce ne saranno tantissime altre da qui alla fine”.

    Con la partita vinta domenica scorsa con il Bisceglie è iniziato un nuovo campionato. È risaputo che il girone di ritorno rappresenti un campionato a sé in cui il Catanzaro deve fare la sua parte, deve alzare l’asticella della volontà, del l’agonismo, della caparbietà, il tutto condito da in gioco arioso, concreto e incisivo. Siamo certi che le 18 gare che restano da disputare fino al termine della stagione riserveranno diverse sorprese e una di queste, che ad inizio stagione era considerata una certezza, è proprio il Catanzaro, o almeno tutti si augurano possa esserlo.
    Al di là dei mugugni, incomprensioni, polemiche, resettiamo tutto e viviamo questa seconda parte di stagione tutti compatti all’insegna di un rinnovato entusiasmo che l’intera rosa sembra aver ritrovato. Tocca adesso ai tifosi ritrovarsi e dare quella spinta che solo una piazza come Catanzaro sa e deve dare. L’amore per i colori giallorossi non è mai venuto meno ma adesso è il momento di dimostrarlo in modo ancor più forte. Il Ceravolo deve essere una bolgia, deve far tremare le gambe agli avversari, anche se si dov sse trattare di gente esperta che però non si è mai trovata di fronte ad un pubblico numeroso e caloroso, sempre pronto ad incitare e a spingere la squadra dal 1′ al 90′. Tutti al “Ceravolo”, riprendiamo la stagione, riprendiamoci la storia!!

  • ltri due rinforzi in arrivo per il Catanzaro. Il club giallorosso a breve ufficializzerà Sergio Contessa, terzino mancino classe ’90, che arriverà dalla Feralpisalò, contestualmente all’affare che porterà ai lombardi Fischnaller. Contessa, secondo quanto raccolto da TuttoC.com, è già in città e dovrebbe assistere al match col Monopoli di questo pomeriggio. Altro affare in chiusura quello che risponde al nome di Massimiliano Carlini. Il forte centrocampista arriverà dalla Juve Stabia, col Catanzaro che ha battuto la concorrenza per aggiudicarselo. Trattativa ai dettagli e ormai pressoché definita.

  • Una grande squadra fa grande il singolo e non viceversa, da noi alcuni non gli passavano la palla, de risio in primis quindi di cosa stiamo parlando, oggi il gol vittoria del monopoli è nato da una palla persa dal pur bravo corapi a conferma che anche lui farà fatica perché non è attorniato da una grande squadra. Dovremo soffrire fino alla fine purtroppo.

Lascia un commento