Numeri Giallorossi

I numeri di Catanzaro-Avellino

catanzaro potenza

Statistiche, precedenti e curiosità del trentunesimo incontro fra giallorossi e biancoverdi

Seconda sfida interna consecutiva per il Catanzaro che, dopo il pareggio con il Rende, aspetta, al “Ceravolo”, l’Avellino di mister Eziolino Capuano. Clima di profonda crisi in casa giallorossa e con gli irpini non si può non vincere.

I NUMERI

I giallorossi sono scivolati all’ottavo posto in compagnia di Casertana e Catania con 17 punti frutto di cinque successi ed altrettante sconfitte e due pareggi con quindici gol fatti e quattordici subiti.

In casa sono 13 i punti ottenuti a fronte di quattro vittorie, un segno X ed una gara persa con undici reti all’attivo e sei al passivo.

Con il gol di Kanoute al Rende le aquile si sono sbloccate dopo 306 minuti di sterilità offensiva. L’attaccante torna bomber solitario dell’US con quattro gol. Tascone è stato il ventiquattresimo calciatore ad essere utilizzato al “Ceravolo”. Di Gennaro e Maita sono i primi giocatori a superare la soglia dei 1000 minuti, raggiungendo, rispettivamente, 1080 e 1056 minuti.

L’Avellino è quattordicesimo con 14 punti. Quattro successi, due pareggi e sei sconfitte con quattordici reti realizzate e diciannove incassate dagli irpini. In trasferta 9 i punti ottenuti dai biancoverdi, frutto di tre vittorie e due sconfitte con sei gol segnati e sette presi.

I PRECEDENTI

L’esultanza di Zigoni dopo il gol che valse la promozione in B per l’Avellino il 5 maggio 2013

Trenta sono i match disputati dalle due compagini sin qui. Avellino nettamente avanti con tredici vittorie a cinque con dodici segni X. Trentadue a diciannove per i campani il computo delle reti. I cinque successi le aquile li hanno ottenuti tutti al “Ceravolo” contro i tre dei biancoverdi con sei pareggi. Quindici gol fatti dal Catanzaro, dodici dagli irpini.

Le due squadre non si affrontano dal famoso 5 maggio 2013 quando vinse l’Avellino 0-1 con rete di Zigoni nella ripresa e conseguente promozione in B per gli ospiti. Partita che viene ricordata per essere finita nel giro delle combine per illecito sportivo.

Il 27 marzo 2011, nella “stagione spartana” vinse, incredibilmente, il Catanzaro per 1-0 grazie al gol di Gaglione dopo 5 minuti di gioco. Un precedente anche in una delle due sciagurate annate di B dell’US. Vittoria dell’Avellino per 1-2 il 5 ottobre 2005 con doppietta di Danilevicius tra il 17’ ed il 20’; a segno Corona per le aquile all’89’. Le squadre non si affrontavano dallo 0-0 del 15 ottobre 1989.

Gare anche in Serie A fra le due compagini. L’ultima volta era il 2 gennaio 1983: risultato finale 1-1 con gol di Vignola al 2’ e pareggio per le aquile di Nastase al 7’. Il primo scontro a Catanzaro si disputò l’8 maggio del 1949 con risultato finale di 3-2.

CURIOSITA’

Nei dieci precedenti in Serie A il Catanzaro non ha mai battuto l’Avellino tra match giocati in casa ed in trasferta: il bottino è di sei pareggi e quattro sconfitte.

Di seguito l’infografica della partita a cura del nostro Alfredo Cristiano.

A proposito dell’autore

Ferdinando Capicotto

Ferdinando Capicotto

1 Commento

Lascia un commento