Numeri Giallorossi

I numeri di Catanzaro-Trapani

catanzaro potenza

Statistiche, precedenti e curiosità del ventiquattresimo incontro tra giallorossi e granata.

Ultima partita di regular season per il Catanzaro. I giallorossi dopo aver battuto la Viterbese nel recupero disputato 139 giorni dopo la data prevista inizialmente dal calendario, chiudono in casa affrontando il Trapani già sicuro del secondo posto.

I NUMERI

Il Catanzaro deve vincere per mantenere il terzo posto che gli consentirà di avere alcuni vantaggi e quattro giorni di riposo in più. 19 vittorie, 7 pareggi e 9 sconfitte per le aquile con 59 gol fatti e 29 subiti.

Al “Ceravolo” sono 38 i punti conquistati dalla banda di mister Auteri frutto di 12 successi, 2 segni X e 3 gare perse con 34 reti all’attivo e 14 al passivo.

Contro la Viterbese Bianchimano ha realizzato il suo quarto gol mentre Signorini è andato a segno per la terza volta, sempre da corner. A differenza di Monopoli e Sicula Leonzio il suo colpo di testa non ha aperto le marcature ma realizzato il 2-0.

Il Trapani, come scritto, è matematicamente secondo con 73 punti. 22 vittorie, 8 pareggi e 5 sconfitte per i siciliani con 57 gol segnati e 28 presi.

Fuori casa i granata hanno ottenuto 25 punti a fronte di 6 successi, 7 segni X e 4 gare perse con 19 reti all’attivo e 16 al passivo.

I PRECEDENTI

Nei 23 incontri disputati sin qui il Catanzaro è avanti 10-9 con 4 pareggi. 34-26 per le aquile il computo delle reti. 8 successi per i giallorossi al “Ceravolo” contro i 3 dei granata, nessun pareggio con 23 reti segnate dalle aquile, 10 dal Trapani.

All’andata fu una delle partite più strane dell’US. Avanti al 7’ con un rigore di Kanoute, il Catanzaro dapprima evita il pareggio di Evacuo su rigore al 32’, poi sbaglia sempre con Kanoute il penalty dello 0-2 al 51’. Al 66’ punizione micidiale di Taugordeau e al 71’ l’episodio chiave con il gol di Pagliarulo molto contestato dai giallorossi. La palla probabilmente non ha varcato totalmente la linea di porta.

Il rigore del momentaneo 1-1 di Infantino

L’anno scorso l’11 marzo vinse il Trapani 1-2 al “Ceravolo”. Polidori al 41’ portò in vantaggio i suoi; pareggio di Infantino al 52’ su rigore procurato da Onescu; al 57’ Evacuo si inventò l’1-2 definitivo prima di essere espulso. Una punizione di Capicotto al 50’ decise il match dell’8 maggio 2011. Le compagini non si affrontavano dal 6 gennaio 2000. 3-1 per l’US siglato Sorce con una doppietta ed in mezzo la rete di Della Bona; nella ripresa il gol ospite lo sigla l’ex Marsich. Lunerdì 12 aprile 1999 in notturna successo granata sempre per 1-2. Bevo risponde a Barone; nel finale all’81’ un rigore di Formisano regala un successo che ostacolò il cammino dei giallorossi in vista di una promozione poi svanita.

CURIOSITA’

La vittoria giallorossa siglata Capicotto riguardò anche in quella circostanza l’ultima giornata. Quella era però la stagione a gestione “spartana” mentre il Trapani anche in quell’occasione era sicuro del secondo posto ed i siciliani vinsero i playoff.

Di seguito l’infografica della partita a cura del nostro Alfredo Cristiano.

A proposito dell’autore

Ferdinando Capicotto

Ferdinando Capicotto

Lascia un commento