Catanzaro News Numeri Giallorossi

I numeri di Potenza-Catanzaro

Statistiche, precedenti e curiosità del ventottesimo incontro tra lucani e giallorossi

Si gioca o non si gioca? Il dubbio amletico è stato sciolto: la Serie C comincerà regolarmente domani ed il Catanzaro inizierà da dove aveva finito: da Potenza. Il 27 settembre, ovvero 84 giorni dopo quel 5 luglio con quell’1-1 che condannò i giallorossi di mister Auteri, le Aquile si presenteranno al “Viviani” per la prima giornata stagione 2020/2021.

In quella circostanza il bellissimo quanto inutile gol di Urso in pieno recupero rispose alla rete di pregevole fattura di Murano (con complicità di Bleve). Per miglior posizionamento al termine della regular season – finita anzitempo causa Coronavirus – a passare il turno furono i lucani e Catanzaro eliminato al secondo turno. Nessuna sorpresa. Per vincere gli spareggi promozione ed accedere in Serie B sarebbe servito, all’US, un vero miracolo sportivo.

Si riparte e c’è molta curiosità per i giallorossi di un mister Calabro che si presenterà a Potenza con una rosa deficitaria in attesa del mercato ma con alcune note positive grazie ai due successi maturati contro Vibonese nell’allenamento congiunto e Virtus Francavilla in Coppa Italia. D’altra parte il tecnico Somma si deve già leccare le ferite dopo lo 0-2 inflitto dalla Triestina a domicilio nella stessa competizione. Domenica, però, sarà partita diversa rispetto a quelle di mercoledì, con in palio i 3 punti.

I PRECEDENTI

Il gol di Urso nel match dei playoff

Sono stati ventisette gli incontri disputati sin qui con le Aquile avanti nove a cinque; tredici i pareggi. Trentasette a ventotto per i giallorossi i gol fatti. A Potenza sono quattordici i match giocati con tre successi a testa ed otto segni X. Diciotto a sedici per l’US il computo delle reti segnate.

Se ai playoff terminò 1-1 con un pareggio che ebbe il sapore di sconfitta per il Catanzaro, le Aquile, in campionato fecero peggio, perdendo, l’1 marzo per 2-0 con i gol nel primo tempo di Giosa e Franca su calcio di rigore. Fu una gara anonima, apatica ed incolore degli uomini di Auteri.

Il Catanzaro veniva da due vittorie consecutive ottenute in Basilicata. Memorabile l’1-5 del 30 dicembre 2018. Aquile avanti con due meravigliosi gol ad opera di Eklu e Maita dopo 11 minuti di gioco. Proprio Eklu venne espulso al 36’, ma i giallorossi continuarono a giocare e segnare con Fischnaller al 45’ e con una doppietta di D’Ursi nella ripresa; inutile la rete di Di Somma al 68’.

Il 21 gennaio 2017, invece, decise Bueno al 77’ per l’allora primo F.C. targato Domenicali. Le compagini non si affrontavano dal 20 ottobre 1991 quando finì con un risultato ad occhiali. Bisogna tornare al 7 gennaio 1968 per trovare un altro Potenza-Catanzaro. Terminò 1-1 sul neutro di Taranto. Rossoblu avanti con Colautti al 31’; pari di Maccacaro al 76’. I lucani non vincevano dal 13 febbraio 1949 quando si imposero 4-0.

CURIOSITA’ 

Il Catanzaro cominciò anche la stagione 2018/2019 contro il Potenza. L’incontro si giocò, però, al “Ceravolo” e terminò 1-0 per effetto del gol su rigore al 5′ di Ciccone.

Mister Calabro ottenne il suo primo successo tra i professionisti come allenatore proprio contro il tecnico Somma nella gara tra Virtus Francavilla e Catanzaro, quando il neo trainer dei lucani sedeva sulla panchina delle Aquile. Era il 4 settembre 2016 e decise De Angelis all’82’. Tra l’altro oltre ad essere la prima partita di Calabro in un campionato professionistico era l’esordio di Somma come mister del Catanzaro.

Dei seguito l’infografica a cura di Alfredo Cristiano. 

A proposito dell’autore

Ferdinando Capicotto

Ferdinando Capicotto

2 Commenti

  • Campagna cessioni senza fine, dopo Caporale e Perez perso anche Prezioso alla faccia dei buoni rapporti con De Laurentis al quale abbiamo dato D’Ursi, Celiento Maita e De Risio. Gli affari prima si fanno e poi si annunciano. Garufo 33 anni suonati qualche comparsata nella Reggina non mi pare il modo migliore di sostituire tutti questi partenti. Non si capisce chi giocherà col Potenza. Ci possiamo permettere di perdere anche Tulli senza aver trovato una soluzione ? Si sta allestendo una squadra per i play-out . A questo punto meglio pescare in D qualcuno motivato. Tutti i nomi migliori si sono accasati

  • DOMENICA POTENZA CATANZARO ARBITRA D’ASCANIO DI ANCONA . LO STESSO HA DIRETTO LA PARTITA D’ANDATA DEI PLAY OFF FERALPI CZ ARBITRANDO A SENSO UNICO A FAVORE DELLA FERALPI . LO STESSO INEFFABILE ARBITRO IN MONOPOLI – CZ DI DOMENICA 8 SETTEMBRE 2019 CI NEGAVA 2 RIGORI NETTI NEL PRIMO TEMPO, ANNULLANDO INOLTRE UN GOL VALIDISSIMO A KANOUTE’ PER FUORIGIOCO INESISTENTE . NON PARLIAMO POI DELL’ARBITRO ACCOLTELLATO DE SANTIS DI LECCE CHE IN CASERTANA -CZ DI DOMENICA 29 SETTEMBRE ORE 15 CONVALIDA IL SECONDO GOL ALLA CASERTANA CON 4 DI LORO IN FUORIGIOCO , NON ESPELLE IL LORO PORTIERE CRISPINO CHE FUORI DALLA SUA AREA TOGLIE LA PALLA CON LA MANO DALLA TESTA DI BIANCHIMANO LANCIATO IN RETE . LO STESSO ARBITRO POI HA PERMESSO ALLA SQUADRA DI CASA DI PERDERE TUTTO IL TEMPO POSSIBILE NEL SECONDO TEMPO SENZA MAI ESTRARRE UN CARTELLINO, RISULTATO : CASERTANA 2 CZ 1 .

Lascia un commento